Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

14/10/19 ore

EDITORIALI E COMMENTI

Erdogan all’attacco, e l’Europa sa solo sdegnarsi

Il 9 ottobre scorso il Presidente della Turchia ha lanciato un attacco contro la Siria del nord, dove esiste un governo che si sovrappone a quello di Bashar al Assad, ed è il primo per un popolo frazionato tra la Turchia, l’Iran, l’Iraq e la Siria: quello dei curdi, il più grande popolo senza uno stato e che ora , dopo aver avuto un ruolo molto rilevante nella lotta per sconfiggere l’ISIS, spera di cominciare a porre le premesse per un futuro diverso. E questo è un problema che, colme europei veri non dovremmo ignorare. di Silvio Pergameno