Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

20/04/18 ore

Immagine-contatto

  • POLITICA

    In certe occasioni c'è davvero bisogno di una bella faccia tosta. E negare l'evidenza come se nulla fosse diventa arte sopraffina. A loro, maestri in tal senso, è bastata solo qualche ora di silenzio stampa, giusto per concordare la risibile versione da offrire all'opinione pubblica, nella consapevolezza che tutto gli è ormai concesso. di Antonio Marulo

  • POLITICA

    Al debutto, Marianna Madia – punta di diamante delle liste veltroniane nel collegio di Roma – fu derisa e bersagliata di critiche per aver candidamente confessato la sua totale inesperienza politica. Altri tempi, seppur già percorsi dalle ondate anti-casta. Oggi siamo oltre, addirittura al vanto di essere all'oscuro, in contrapposizione alla vergogna che si dovrebbe invece provare per non essere alle prime armi. di Antonio Marulo

  • COSE RADICALI

    Il ritorno alla casa del padre – ora che il padre non c'è più – sta diventando un'abitudine degli “ex radicali storici”. Così anche Francesco Rutelli, tra questi, si è rivisto nella sede di via di Torre Argentina per presentare - al pubblico in sala e a quello in ascolto della diretta sulla solerte Radio Radicale - il libro uscito lo scorso novembre "Contro gli Immediati".

  • Aghi di Pino

    C'è chi si è fatto scappare la battuta sui 5 Stelle che cambiano le regole come gli indumenti intimi. La questione è a suo modo di igiene. Nella fattispecie, si pone la necessità di adattare di volta in volta il vestito alle mutevoli misure del momento, facendo sembrare la cosa più normale e politicamente pulita che ci sia agli occhi degli adepti-ortodossi della prima ora. di Antonio Marulo

  • COSE RADICALI

    Se chiedi a un radicale della “durata”, lui ti risponde “è la forma delle cose”. Il “principio” caro a Marco Pannella non è stato dimenticato da Francesco Rutelli, che lo ha “richiamato” nel suo ultimo libro. Il gesto è piaciuto tanto ed è stato premiato con uno spazio nel nuovo giornale del Partito Radicale Nonviolento Transnazionale Transpartito. di Antonio Marulo

  • Aghi di Pino

    Di questo passo, alla fine della campagna elettorale si guarderanno allo specchio e stenteranno a riconoscersi...

  • Aghi di Pino

    C'è chi si stupisce, a fronte di quel popo di cosucce strane e gravi sui fallimenti bancari in Italia, che il problema sia Maria Elena Boschi e le sue "preoccupazioni" per la banca “del babbo”. La questione – ovvio – è di opportunità politica e la si poteva risolvere alla radice con un atto, se non altro, di paziente astuzia, in attesa di tempi migliori... di Antonio Marulo

  • DIRITTI E LIBERTA'

    Marcello Dell'Utri sta bene dov'è: recluso, ammalato e senza cure adeguate. Questo in un “Paese normale”...,se per normalità s'intende quella tristemente nota in Italia. In un Paese civile Dell'Utri starebbe invece altrove, per ricevere il trattamento sanitario consono al suo stato precario di salute, nel rispetto dei diritti sanciti in Costituzione per tutti, detenuti inclusi. di Antonio Marulo

     

    - Il caso Dell'Utri (e non solo), conferenza stampa (video da radioradicale.it)

  • POLITICA

    Si narra che da quel fatidico 40 per cento alle elezioni Europee non ne abbia imboccata una giusta nemmeno per sbaglio. Da fine e spregiudicato stratega della politica italiana, che in quattro e quatr'otto scala il Pd e si sbarazza abilmente di Enrico Letta, si è ridotto a rincorrere senza requie i grillini sul proprio terreno. Eppure dovrebbe saperlo che alla fine si preferisce sempre l'originale alla volgare imitazione.

  • COSE RADICALI

    Quando i tempi non sono sospetti, spesso ci sono i radicali, con le loro battaglie e il loro lavoro sporco. Poi magari arrivano altri che ne raccolgono i frutti in termini di consensi, intestandosi il tutto (a proposito di fake news), grazie anche al regime che abilmente si sceglie gli utili antagonisti di turno in un Paese a corto di memoria. Così anche a Ostia, dove il Partito radicale ha storicamente agito distinguendosi.