Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

07/04/20

Radicali, Amnistia per la Repubblica. Gli obiettivi del Satyagraha di Natale, con Marco Pannella, dei dirigenti e militanti


Categoria: COSE RADICALI
Pubblicato Martedì, 02 Dicembre 2014 17:13

 Dirigenti e militanti radicali daranno vita, a partire dalla mezzanotte di mercoledì 3 dicembre, al  Satyagraha di Natale in unione con la lotta nonviolenta di Marco Pannella per la Giustizia, per la rimozione del degrado delle carceri in Italia, per l'Amnistia e per tutti gli obiettivi per i diritti unami che sono descritti nell'appello riportato di seguito:

 

Noi sottoscritti abitanti il territorio italiano ci uniamo alla lotta nonviolenta del leader radicale Marco Pannella affinché nel nostro Paese si affermi la legalità nell’amministrazione della Giustizia (da anni straziata insieme alla vita di milioni di persone a causa dell’irragionevole durata dei processi penali e civili) e si rimuovano le cause strutturali che fanno delle nostre carceri luoghi di trattamenti inumani e degradanti.

 

Noi siamo convinti che l’amnistia e l’indulto siano gli unici provvedimenti strutturalmente in grado, da subito, di riportare nella legalità costituzionale e sovranazionale il nostro Paese. Non siamo soli: cerchiamo di far vivere con il nostro Satyagraha le parole contenute nel messaggio solenne del Presidente Napolitano al Parlamento, quelle pronunciate da Papa Francesco il 23 ottobre scorso in occasione dell’incontro con i delegati dell’Associazione Internazionale di Diritto Penale, e quelle – chiarissime – pronunciate dal gruppo di esperti Onu sulla detenzione arbitraria a seguito di una visita ispettiva effettuata in Italia nel luglio scorso.

 

Per questo, nel partecipare al Satyagraha - e nell’ambito della battaglia centrale volta ad ottenere un provvedimento di amnistia e di indulto - indichiamo i seguenti obiettivi:

 

- Sanità in carcere: garantire le cure ai detenuti;

 

- Immediata revoca del 41bis a Bernardo Provenzano;

 

- Introduzione nel nostro ordinamento del reato di tortura;

 

- Abolizione dell’ergastolo a sostegno della campagna di Nessuno Tocchi Caino;

 

- No alle deportazioni in corso dei detenuti dell’alta sicurezza;

 

- Diritto alla conoscenza: 1) conoscibilità e costante aggiornamento dei dati riguardanti le carceri 2) conoscibilità dei dati riguardanti i procedimenti penali pendenti;

 

- Rendere effettivi i risarcimenti ai detenuti che hanno subito trattamenti inumani e degradanti;

 

- Abolire la detenzione arbitraria e illegale del 41-bis;

 

- Nomina immediata del Garante Nazionale dei Detenuti;

 

- Per gli Stati Generali delle Carceri, preannunciati dal ministro della Giustizia, prevedere la presenza anche dei detenuti.

 

Per aderire al Satyagraha, che avrà inizio dalla mezzanotte di mercoledì 3 dicembre 2014, ti preghiamo di riempire il questionario che troverai cliccando sul link sottostante. Puoi aderire con uno o più giorni di sciopero della fame, o con altre forme di lotta nonviolenta.

 

Fra le prime adesioni, quelle di Rita Bernardini, Valter Vecellio, Don Enzo Chiarini, Laura Arconti, Maurizio Turco, Marco Beltrandi, Irene Testa, Alessandra Terragni, Francesca Terragni, Davide La Rosa, Clelia Di Donna, Carlo Loj, Giusi Nibbi, Giovanni De Pascalis, Diego Sabatinelli, Ilari Valbonesi, Maurizio Buzzegoli, Michele Migliori, Deborah Cianfanelli, Sergio Rovasio, Paola Di Folco, Guido Biancardi, Sergio D'Elia

 

Aderisci anche tu al Satyagraha

 

 



Nuova Agenzia Radicale - Supplemento telematico quotidiano di Quaderni Radicali
Direttore Giuseppe Rippa, Redattore Capo Antonio Marulo, Webmaster: Roberto Granese
Iscr. e reg. Tribunale di Napoli n. 5208 del 13/4/2001 Responsabile secondo le vigenti norme sulla stampa: Danilo Borsò