Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

23/10/19

Il nuovo film di Panahi contro la dittatura iraniana


Categoria: CINEMA
Pubblicato Sabato, 13 Ottobre 2012 20:16

In una recente intervista rilasciata all'Indiewire di New York, in occasione della  prima del suo ultimo film Qualcuno da amare,  il  famoso regista iraniano Abbas Kiarostami ha parlato  anche del  più sfortunato collega Jafar Panahi.

 

Questi infatti arrestato nel marzo 2010  mentre girava il suo corto The Accordion a Theran, viene nuovamente incarcerato dal regime di Ahmadinejad  poco prima di partecipare al festival di Berlino come giurato e condannato a 6 anni di prigione con il divieto per 20 anni di scrivere sceneggiature e girare film oltre che per lo stesso tempo di lasciare il paese  ma ciò nonostante riesce a presentare a sorpresa  a Cannes il suo  This not a  film con un semplice Ipad  raccontando la sua prigionia.

 

Secondo però Kiarostami, nonostante il pericolo della censura, Panahi avrebbe realizzato un nuovo film. “ Dopo la sua sentenza lui girò un film che fu presentato a Cannes”  spiega Kiarostami “Poi ha girato un altro film. Spero che sia presentato in un altro festival. Lui fa un film in Iran ma non so perché”.

 

E riguardo alla condizione di girare film in Iran dichiara:Qualcuno resta in Iran e subisce la censura, lavorando come meglio può. Altri, come me, decidono di lavorare da un’altra parte. Qualcuno da amare è stato girato in Giappone.  Ognuno fa quel che può. Ovviamente, la situazione è difficile per chiunque”.

 

Basti pensare che all'ultima mostra del cinema di Venezia  la conferenza stampa di  The Paternal House, ultimo lavoro del regista Kianoosh Ayyari, duro atto d'accusa verso la condizione femminile in Iran, fu annullata per cause sconosciute ma molto probabilmente perché ad Ayyari fu impedito di lasciare il suo paese.

 

Nonostante la repressione del regime, il nuovo film di Panahai  non sarà altro che una nuova offensiva alla censura proprio con quello strumento, l'arte, che la dittatura iraniana vuole reprimere.

 

Stefano Delle Cave



Nuova Agenzia Radicale - Supplemento telematico quotidiano di Quaderni Radicali
Direttore Giuseppe Rippa, Redattore Capo Antonio Marulo, Webmaster: Roberto Granese
Iscr. e reg. Tribunale di Napoli n. 5208 del 13/4/2001 Responsabile secondo le vigenti norme sulla stampa: Danilo Borsò