Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

07/08/20

"Ixjana", i fratelli Skolimowski non convincono al Festival del Film di Roma


Categoria: CINEMA
Pubblicato Venerdì, 16 Novembre 2012 19:37
  • Florence Ursino

Marek è un talentuoso scrittore emergente che, dopo una festa a base di alcol e droga, si ritrova a fare i conti con la scomparsa del suo amico Arthur e con il tormentato rapporto che lo lega a una strana donna. Un thriller psicologico, il polacco ‘Ixjana’, presentato in concorso al Festival del Cinema di Roma dai fratelli Skolimowski, che si muove su due differenti, e poco collimanti, piani stilistici ed espressivi.

 

Se a livello puramente estetico la pellicola si rivela attraente ed elaborata, con una fotografia crepuscolare e una costruzione visiva oscillante tra la dimensione onirica e quella del ricordo, la struttura narrativa si rivela invece debole e poco funzionale alla storia, che procede a tentoni, arrancando tra colpi di scena inefficaci, allucinazioni e salti temporali eccessivi rispetto alla fragile ossatura della trama.

 

Tra sensi di colpa, ossessioni amorose, grotteschi demoni e impetuosi attachi di (quasi ilare) violenza, i due registi danno l’impressione di aver sovraccaricato con un’atmosfera deviata e deviante la linea tratteggiata dalla sceneggiatura: la volontà palese di tenere lo spettatore in equilibrio sulla fune sfilacciata dello smarrimento e del mistero finisce così per annoiare e rendere insensibile lo spettatore di fronte alla mole di stimoli visivi con cui procede il racconto, facendo perdere al film l’imprevedibilità e l’autenticità che dovrebbe caratterizzare la sua appartenenza a un genere ibrido finora esplorato da autori del calibro di David Lynch, Christopher Nolan o Alexander Sokurov.

 

Accattivante e coinvolgente, invece, la colonna sonora e la recitazione dei protagonisti (Sambor Czarnota e Magdalena Boczarska) che regalano ad una pellicola poco convincente quel tocco in più di surrealtà di cui ‘Ixjana’ si faceva coraggioso portatore.

 

- 'E la chiamano estate', un film preoccupante

- 'S.B. Io lo conoscevo bene, Berlusconi di nuovo protagonista

- 'Il turno di notte lo fanno le stelle', in cima alla montagna con Erri De Luca

- 'Marfa Girl', quel leggero passo oltre la soglia

- 'Il volto di un'altra', maledetto botulino

- 'La scoperta dell'alba', un film senza sale

- 'Alì ha gli occhi azzurri', l'eco della Profezia pasoliniana

- 'Main dans le main', la metamofosi del sentimento 
- 'Centro Historico', un coro di voci per il Portogallo

- 'Spose Celesti dei Mari della Pianura', per dormire al Festival



Nuova Agenzia Radicale - Supplemento telematico quotidiano di Quaderni Radicali
Direttore Giuseppe Rippa, Redattore Capo Antonio Marulo, Webmaster: Roberto Granese
Iscr. e reg. Tribunale di Napoli n. 5208 del 13/4/2001 Responsabile secondo le vigenti norme sulla stampa: Danilo Borsò