Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

15/10/19

POESÌ di Rino Mele. Far morire l’inatteso ospite


Categoria: Poesì
Pubblicato Sabato, 02 Febbraio 2019 14:40

L'Espresso del 29 gennaio è dedicato all'isola di Samos alle "migliaia di bambini, donne e anziani rinchiusi dietro il filo spinato, prigionieri degli accordi tra UE e Turchia". 117 morti il 18 gennaio, potevano essere salvati ma il protervo gioco dei rimandi, come a sottrarsi, e passare all'altro la responsabilità, ha voluto la catastrofe, la Guardia Costiera, il coordinamento di Tripoli, la sordità della Libia, le Ong rese prudenti, l'Europa ingessata a guardare la corrida finita: il toro, il torero, i cavalli dei picadores stanchi, si muovono in pozze di sangue mai asciugate. In una memorabile pagina, Camus scrisse che se di notte, dall'alto delle nostre finestre, udiamo un lacerante grido e non ci affrettiamo a portare aiuto a chi implora, siamo responsabili di quel dolore come la violenza di chi l'ha causato, e continua a infierire.

 

 

****************************************

 

 

 

 

 

                        POESÌ di Rino Mele

 

Far morire l’inatteso ospite

 

Il sacerdote del mistico naufragio, e universale, con la sua viminale

innocenza

ci sta facendo scoprire di essere i colpevoli, per assistere

inermi. Chi non ha visto picchiare un bambino?

Non potendo farci carico di tutto quel dolore, cerchiamo di non sapere

e di figurarci tanto lontani da non udire l'urlo

del torturato, il lamento

di chi non ha le parole per dire lo strazio.

Dopo aver portato per secoli, in Africa, il suo imperiale dominio, l’Europa

si meraviglia ora

a veder tornare quelli che ha trasformati in poveri (parlano

inglese), venire da noi per

diversamente continuare quel rapporto coloniale.

Così, nel sillogismo più feroce (ce l'ha insegnato il teatro, il coro che

entra nella scena, come le dita

nella ferita) se il Governo

è innocente dobbiamo assumere su di noi la colpa di aver guardato

lo scempio e non aver urlato

per quel dolore (il delitto

e la viltà nell’osservare sono condannati da un'unica

morale): ci si trova - da lontano - vicini a chi muore, responsabili

di non saper fermare

la mano che s'alza, la pietra che già in alto vola.

Il ministro scende in apnea, in piedi, tra gli spruzzi delle onde, vestito da

generale sembra una figurina di Enrico Baj, surreale.

La realtà è un orrendo fumetto

in cui un barcone, una nave, un cargo sono disegnati in mezzo al mare,

i migranti a volte stanno fermi in un porto come a Catania,

e non possono sbarcare,

177 a fine agosto aspettano (il giudice dice "sotto sequestro").

E i 117 morti del 18 gennaio?

I numeri si confondono, le date, l'orrendo fumetto ha sempre lo stesso

mare con le onde seghettate,

le braccia scure alzate a gridare aiuto. Ma la rappresentazione del

naufragio è solo il momento finale dopo mesi

di pena (schiavitù, tortura,

detenzione, il corpo violato, consumato dall'attesa).

Nel fumetto i riquadri sembrano uguali, le onde alte che divorano

un bambino, la madre

non riesce a gridare, alcuni giovani morti sbattono contro una trave.


 

 ________________________________________________________

 

 

Rino Mele (Premio Viareggio Poesia 2016, terna finale con “Un grano di morfina per Freud, ed. Manni) scrive, il venerdì e il martedì, su “Agenzia Radicale”. Il nome della rubrica è “Poesì”, come nel primo canto del “Purgatorio” Dante chiama la poesia.

 

 

 

 

 

POESÌ di Rino Mele. La donna delle formiche

POESÌdi Rino Mele. Il muro e il respiro che viene meno

POESÌdi Rino Mele. Quei pastori che l'hanno rapita sono usciti anche loro dal buio della nostra storia

POESÌdi Rino Mele. Vortici e trombe d’aria, prove d’orchestra, della fine

POESÌdi Rino Mele. La povertà crocifissa

POESÌ di Rino Mele. Il puro albero di un orto cui s'impiccò Giuda

POESÌ di Rino Mele. Il feroce colore del ghiaccio

POESÌ di Rino Mele. Il tempo riflesso in uno specchio

POESÌ di Rino Mele. Il disamore del giorno 

POESÌ di Rino Mele. L'animale malato

POESÌ di Rino Mele. La nudità

- POESÌ di Rino Mele. Corpo felice

POESÌ di Rino Mele. Geometria del piacere 

POESÌ di Rino Mele. Sea Watch

POESÌ di Rino Mele. Suicidio per attraversare un troppo stretto confine

POESÌ di Rino Mele. La scomparsa di passeri e usignoli

POESÌ di Rino Mele. Ilpassato remoto in cui naufraga Leopardi

POESÌdi Rino Mele. Lady Sham

POESÌ di Rino Mele. La parola che risale il futuro

POESÌ di Rino Mele. La madre e la morte

 

 



Nuova Agenzia Radicale - Supplemento telematico quotidiano di Quaderni Radicali
Direttore Giuseppe Rippa, Redattore Capo Antonio Marulo, Webmaster: Roberto Granese
Iscr. e reg. Tribunale di Napoli n. 5208 del 13/4/2001 Responsabile secondo le vigenti norme sulla stampa: Danilo Borsò