Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

20/10/19

POESÍ di Rino Mele. L'illusoria finzione del presente


Categoria: Poesì
Pubblicato Sabato, 16 Febbraio 2019 21:25

Lo sfuggirci del tempo presente è un dramma ineludibile, cui sono sottratti gli alberi, le piante, la felicità inorganica delle pietre, gli animali selvatici: di quelli domestici non so, oppressi dall’infelicità e dal contagio che rende il loro sguardo così simile al nostro. Nel numero del 3 febbraio 2019 de “La lettura” Claudio Magris (inFuturo) scrive: “In una lingua dell’Amazzonia ricordata da Canetti in Massa e potere, l’andare verso il futuro è espresso con lo stesso verbo che indica il procedere all’indietro; si va al buio verso l’ignoto, mentre l’orizzonte è il paesaggio da cui ci si allontana e che dunque si perde, si allarga, diventa più vasto e lontano”.

Infine, il mito d’Issione, citato alla fine dei miei versi. Per aver tentato di violare Era, la sposa di Zeus (ma era sola una nuvola somigliante che lui era riuscito a sedurre) fu condannato a girare perennemente legato con dei serpenti a una ruota. Nel quarto libro delle Metamorfosicosì Ovidio (la traduzione è di Ludovica Koch) scrive di quell’interminabile pena: “Rotea Issione inseguendo e fuggendo se stesso”.

 

 

 

 

                      

                       POESÍ di Rino Mele

 

 

L'illusoria finzione del presente 

 

Lo sgomento di nascere, il trauma d'essere

sradicati da quell'oscuro consistere, sottratti, tratti a forza da noi stessi,

nell'improvviso ritrovarci

separati, non più protetti dal lago arcano

delle tenebre da cui siamo stati appena gettati fuori, 

in un'altra pelle, la nostra, 

a spiare,

a vederci guardare,

sgomenti. Non più protetti, ma assediati,

poi lentamente crescendo, in disperati duelli costretti a

dare risposte - la lingua

come un fascio di corde - e tirare ciò che ci tira, urlare

i suoni che danno il respiro e, a volte,

soffocano.

Abbandonata per sempre la condizione di un eterno

presente,

gettati nello scandalo del tempo, la colpa

e il continuo morire

che ci deforma, risospinge a ogni istante nel passato, e addolora.

Un vivere da acrobati tirati indietro, costretti

a cadere nell'istante già vissuto: il tempo s'è rotto nel pianto

appena siamo nati

come il cibo, cadendo di mano all'ansia dell'affamato,

si disperde.

Dalle finestre degli occhi continuiamo a spiare dove non siamo, 

a chiedere alle ombre

di nominare il nostro nome (indicarci le ferite, il volto).

Aggrappati ad esse 

le tiriamo nell’abisso, gridando 

la nostra mancanza. Il respiro ferito, l'intermittenza dell'asma, l'illimite

vuoto

che chiamiamo amore. Il tempo è un grammaticale

enigma,

l'inganno del presente

cui ci affidiamo perché ne esiste la forma verbale.

Il presente

dell'indicativo sostituisce un feroce participio presente, vissuto da altri

che non sappiamo,

al quale restiamo inchiodati, mentre si muore. È la

ruota d'Issione, sembra andare avanti ma ripete il soffrire che la spinge.



 ________________________________________________________

 

 

Rino Mele (Premio Viareggio Poesia 2016, terna finale con “Un grano di morfina per Freud, ed. Manni) scrive, il venerdì e il martedì, su “Agenzia Radicale”. Il nome della rubrica è “Poesì”, come nel primo canto del “Purgatorio” Dante chiama la poesia.

  

 

 

 

 

- POESÌ di Rino Mele. La donna delle formiche

POESÌ di Rino Mele. Il muro e il respiro che viene meno

POESÌ di Rino Mele. Quei pastori che l'hanno rapita sono usciti anche loro dal buio della nostra storia

POESÌ di Rino Mele. Vortici e trombe d’aria, prove d’orchestra, della fine

- POESÌ di Rino Mele. La povertà crocifissa

POESÌ di Rino Mele. Il puro albero di un orto cui s'impiccò Giuda

POESÌ di Rino Mele. Il feroce colore del ghiaccio

POESÌ di Rino Mele. Il tempo riflesso in uno specchio

POESÌ di Rino Mele. Il disamore del giorno 

POESÌ di Rino Mele. L'animale malato

POESÌ di Rino Mele. La nudità

POESÌ di Rino Mele. Corpo felice

POESÌ di Rino Mele. Geometria del piacere 

POESÌ di Rino Mele. Sea Watch

POESÌ di Rino Mele. Suicidio per attraversare un troppo stretto confine

POESÌ di Rino Mele. La scomparsa di passeri e usignoli

POESÌ di Rino Mele. Ilpassato remoto in cui naufraga Leopardi

POESÌdi Rino Mele. Lady Sham

POESÌ di Rino Mele. La parola che risale il futuro

POESÌ di Rino Mele. La madre e la morte

- POESÌ diRino Mele. Far morire l’inatteso ospite

POESÌ di Rino Mele. Un giorno non sapremo piùparlare

POESÌ di Rino Mele. Rustedda

 

 



Nuova Agenzia Radicale - Supplemento telematico quotidiano di Quaderni Radicali
Direttore Giuseppe Rippa, Redattore Capo Antonio Marulo, Webmaster: Roberto Granese
Iscr. e reg. Tribunale di Napoli n. 5208 del 13/4/2001 Responsabile secondo le vigenti norme sulla stampa: Danilo Borsò