Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

07/06/20

Prima nazionale "RE LEAR" con Glauco Mauri e Roberto Sturno. 10/19 gennaioTeatro Della Pergola Firenze


Categoria: TEATRO
Pubblicato Martedì, 07 Gennaio 2020 18:45

Un stretto rapporto di collaborazione di storica data che ha assunto le forme di un’intesa progettuale di elevata qualità artistica.

 

La coproduzione della Compagnia Mauri Sturno e Fondazione Teatro della Toscana per il Re Lear diretto da Andrea Baracco è solo l’ultimo risultato di un comune percorso culturale, drammaturgico e realizzativo triennale.

 

In questo tempo, tale importante sinergia di ispirazione e di intenti, fondata sul patrimonio teatrale rappresentato da Glauco Mauri, Roberto Sturno e dalla loro Compagnia, ha portato anche alla formazione e al perfezionamento sul mestiere dell’attore dei diplomati della Scuola “Orazio Costa” della Fondazione, secondo la modalità di lavoro e scambio Giovani/Maestri.

 

Glauco Mauri affronta per la terza volta Re Lear, la più titanica delle tragedie di Shakespeare, il primo allestimento nel 1984 e il secondo nel 1999, sue le due regie per un totale di 500 repliche.

 

Oggi diretto da Andrea Baracco debutta in prima nazionale al Teatro della Pergola di Firenze il prossimo 10 gennaio, con repliche fino al 19 e poi dal 21 gennaio al 2 febbraio in scena al Teatro Eliseo di Roma.

 

Roberto Sturno è il conte di Gloucester, al suo fianco anche nelle due passate edizioni nel ruolo del Matto.

 

In scena accanto a Mauri e Sturno, Dario Cantarelli, Enzo Curcurù, Linda Gennari, Paolo Lorimer, Francesco Martucci, Laurence Mazzoni, Aurora Peres, Emilia Scarpati Fanetti, Francesco Sferrazza Papa, Aleph Viola. Lo spettacolo si avvale delle scene e costumi di Marta Crisolini Malatesta, delle musiche di Giacomo Vezzani e Riccardo Vanja, delle luci di Umile Vainieri.

 

La produzione è della Compagnia Mauri Sturno e della Fondazione Teatro della Toscana.

 

 

“Non ho mai smesso di credere che bisogna sempre mettersi in discussione, accettare il rischio pur di far sbocciare idee nuove per meglio comprendere quel meraviglioso mondo della poesia che è il teatro. 

Ed eccomi qui per la terza volta, alla mia veneranda età, impersonare Lear. Perché? 

Mi sono sempre sentito non all’altezza ad interpretare quel sublime crogiolo di umanità che è il personaggio di Lear. In questa mia difficile impresa mi accompagna la convinzione che per tentare di interpretare Lear non servono tanto le eventuali doti tecniche maturate nel tempo quanto la grande ricchezza umana che gli anni mi hanno regalato nel loro, a volte faticoso, cammino.

Spero solo che quel luogo magico che è il palcoscenico possa venire in soccorso ai nostri limiti. Cosa c’è di più poeticamente coerente di un palcoscenico per raccontare la vita? E nel Re Lear è la vita stessa che per raccontarsi ha bisogno di farsi teatro”. (Glauco Mauri)

 

Quello che mi ha sempre colpito di questa tragedia, che è una delle più nere e per certi versi enigmatiche tra quelle dell'autore inglese, è che sotto quel nero sembra splendere qualcosa di incredibilmente luminoso e proprio questa luce sepolta dall'ombra la rende così affascinante. 

Padri indegni e figli inetti, padri indegni che hanno generato figli inetti, le madri assenti, estromesse dal dramma, parafrasando Amleto, qui la fragilità è tutta e solo maschile. Nessuno dei personaggi è in grado di regnare, di assumersi l'onere del potere, nessuno sembra avere la statura adatta, nessuna testa ha la dimensione giusta per la corona, chi per eccesso, vedi Lear, chi per difetto vedi tutti gli altri. Solo giganti o nani in questo universo dipinto da Shakespeare.

I tormenti di Lear, di Gloucester, i turbamenti di Edgar, i desideri di Edmund, i tremori e i terrori delle tre figlie del Re, Cordelia, Goneril e Regan, attraggono da sempre perché la complessità e in alcuni casi la violenza che produce il conflitto generazionale è per forza di cose universale. (Andrea Baracco)

 

NCmedia Ufficio Stampa 

Nicola Conticello 3271428003

Marco Giovannone 3470370102

 


                                        

                      

 

Prima nazionale 10 gennaio 2020 

Firenze - Teatro della Pergola (fino al 19 gennaio)

 

(al Teatro Eliseo di Roma dal 21 gennaio al 2 febbraio 2020)

 

Glauco Mauri   Roberto Sturno

 

RE LEAR

di William Shakespeare

 

traduzione Letizia Russo

riduzione e adattamento 

Andrea Baracco e Glauco Mauri 

 

con 

Glauco Mauri -Re Lear 

Linda Gennari - Goneril 

Aurora Peres - Regan

Emilia Scarpati Fanetti - Cordelia 

Roberto Sturno - Conte di Gloucester 

Francesco Sferrazza Papa - Edgar

Aleph Viola - Edmund

Dario Cantarelli - Matto

Enzo Curcurù - Conte di Kent

Laurence Mazzoni - Oswald

Paolo Lorimer - Duca di Albany 

Francesco Martucci - Duca di Cornovaglia 

 

regia

Andrea Baracco

 

scene e costumi  Marta Crisolini Malatesta

musiche  Giacomo Vezzani,Riccardo Vanja

luci Umile Vainieri 

 

produzione 

Compagnia Mauri Sturno – Fondazione Teatro della Toscana

 

 



Nuova Agenzia Radicale - Supplemento telematico quotidiano di Quaderni Radicali
Direttore Giuseppe Rippa, Redattore Capo Antonio Marulo, Webmaster: Roberto Granese
Iscr. e reg. Tribunale di Napoli n. 5208 del 13/4/2001 Responsabile secondo le vigenti norme sulla stampa: Danilo Borsò