Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

16/06/19

L'Iran condanna a morte un ricercatore "italiano"


Pubblicato Lunedì, 23 Ottobre 2017 10:31

Lavorava a Novara, al Centro di ricerca sulla medicina dei disastri dell’Università del Piemonte Orientale. Fu arrestato nell'aprile 2016, mentre si trovava in Iran per un convegno medico. Da allora Ahmadreza Djalali, 46 anni era detenuto a Teheran con l'accusa di spionaggio.

 

Dopo un anno e mezzo, giunge notizia della sentenza di condanna a morte, al termine di un processo di sole due udienze, dopo la ricusazione di due avvocati di fiducia di Djalali.

 

Per Djalali c'era stata la mobilitazione Amnesty International e i senatori della repubblica Manconi e Ferrara.

 

 



Nuova Agenzia Radicale - Supplemento telematico quotidiano di Quaderni Radicali
Direttore Giuseppe Rippa, Redattore Capo Antonio Marulo, Webmaster: Roberto Granese
Iscr. e reg. Tribunale di Napoli n. 5208 del 13/4/2001 Responsabile secondo le vigenti norme sulla stampa: Danilo Borsò