Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

23/10/19

Arabia Saudita, 45 colf straniere nel braccio della morte


Categoria: ESTERI
Pubblicato Martedì, 15 Gennaio 2013 11:58

Sono più di 45 le domestiche straniere detenute nel braccio della morte in Arabia Saudita, mentre cresce l’indignazione internazionale per il trattamento riservato ai lavoratori stranieri nel Paese, ha riferito il giornale britannico The Observer.

 

Il dato, basato su stime di gruppi per i diritti umani, è stato diffuso dopo che nel Regno è stata decapitata Rizana Nafeek, 24enne cameriera dello Sri Lanka, per aver ucciso nel 2005 un bambino lasciato sotto la sua custodia.

 

Si ritiene che il maggior numero di domestiche nel braccio della morte saudita sia di nazionalità indonesiana. Gruppi per i diritti umani affermano che delle 45 le donne indonesiane nel braccio della morte, cinque di loro avrebbero esaurito tutto il procedimento legale, ha riferito The Observer. Ci sono anche domestiche srilankesi, filippine, indiane ed etiopi, aggiunge il giornale.

 

Sono circa 1,5 milioni le domestiche straniere in Arabia Saudita, di cui circa 375.000 cittadine dello Sri Lanka. "Alcuni lavoratori domestici trovano datori di lavoro gentili che li trattano bene, ma altri sono sottoposti a sfruttamento e abusi, dal lavoro duro non retribuito alla violenza fisica in condizioni simili alla schiavitù, denuncia Nisha Varia di Human Rights Watch. (fonte Nessuno tocchi Caino)



Nuova Agenzia Radicale - Supplemento telematico quotidiano di Quaderni Radicali
Direttore Giuseppe Rippa, Redattore Capo Antonio Marulo, Webmaster: Roberto Granese
Iscr. e reg. Tribunale di Napoli n. 5208 del 13/4/2001 Responsabile secondo le vigenti norme sulla stampa: Danilo Borsò