Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

23/10/19

Iraq, Tareq Aziz vuole morire


Categoria: ESTERI
Pubblicato Venerdì, 25 Gennaio 2013 12:21

Tareq Aziz, vice premier nel passato regime di Saddam Hussein e attualmente nel braccio della morte in Iraq, soffre di depressione e, ha detto il suo avvocato, ha intenzione di chiedere al Papa di intervenire per la sua rapida esecuzione.

 

Secondo Badie Aref, Aziz, un cristiano, crede di essere trattato bene in prigione, ma soffre di cattiva salute e vuole semplicemente porre fine alla sua "miseria". "E 'in depressione totale", ha riferito il legale alla AFP per telefono dopo l'incontro avuto con Aziz.

 

Aziz ha detto all’avvocato: "Sto per scrivere un appello al Papa, anche se non l’ho mai incontrato di persona, mi rivolgerò a lui per mettere fine alla mia misera condizione, perché preferisco essere giustiziato piuttosto che restare in questo stato." Aziz è stato condannato a morte nel mese di ottobre 2010, dopo essere stato giudicato colpevole di "omicidio intenzionale e crimini contro l'umanità."

 

Il Vaticano, l'Unione europea e molti governi occidentali hanno chiesto clemenza a Baghdad. Aziz si trova in carcere dalla resa dell’aprile 2003, pochi giorni dopo la caduta della città nell’invasione dell’Iraq guidata dagli Usa. La sua famiglia ha più volte chiesto la sua liberazione per motivi di salute, in particolare dopo aver subito un attacco di cuore alla fine del 2007. Soffre anche di pressione alta, problemi cardiaci, diabete e ulcere. (fonte NtC)



Nuova Agenzia Radicale - Supplemento telematico quotidiano di Quaderni Radicali
Direttore Giuseppe Rippa, Redattore Capo Antonio Marulo, Webmaster: Roberto Granese
Iscr. e reg. Tribunale di Napoli n. 5208 del 13/4/2001 Responsabile secondo le vigenti norme sulla stampa: Danilo Borsò