Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

01/07/22

In Russia, il pensiero liberale è vivo, ma la politica liberale è morta


Categoria: ESTERI
Pubblicato Venerdì, 10 Dicembre 2021 14:39

dottor Vladislav L. Inozemtsev*

(da MEMRI)

 

Ogni osservatore degli sviluppi politici della Russia sa che coloro che si oppongono all'attuale regime politico su basi democratiche sono spesso etichettati (e si considerano) "liberali". Questo può sembrare profondamente fuorviante per un analista occidentale dal momento che i "liberali" russi spesso non hanno nulla in comune con i "liberali" negli Stati Uniti.

 

I "liberali" russi degli anni '90 hanno messo il Paese sull'orlo di una guerra civile

 

Il fenomeno del "liberalismo" russo può essere fatto risalire alla fine degli anni '80, quando i sostenitori dei cambiamenti democratici in Unione Sovietica spingevano per una maggiore apertura, democrazia e riforme del mercato. A quei tempi, il "liberalismo" era visto come un avversario della dittatura e di un'economia centralizzata. Di conseguenza, essere liberale significava sostenere i diritti umani e l'autogoverno popolare e opporsi al governo imperiale.

 

Con l'avvio delle riforme di mercato nei primi anni '90, il termine "liberale" è stato saldamente associato all'economia di libero mercato, che si opponeva all'autorevole Volkswirtschaft socialista ("Economia nazionale"). Poiché la maggior parte di coloro che sostenevano la trasformazione politica anticomunista erano politici pro-mercato allo stesso tempo, il termine "liberale" iniziò rapidamente ad essere usato per designare tutte le figure pubbliche pro-democratiche e persino tutte le figure pubbliche orientate all'Occidente.

 

Tuttavia, fin dall'inizio del governo del presidente Boris Eltsin negli anni '90, i "liberali" russi (ad esempio, Yegor Gaidar, primo ministro ad interim della Russia dal giugno 1992 al dicembre 1992, Anatoly Chubais, oligarca russo degli affari e sostenitore della "piratizzazione" della Russia , [1] ucciso il politico russo Boris Nemtsov, che servì come primo vice primo ministro sotto Eltsin, e dozzine di altri) si associarono non solo a coloro che sostenevano un paese più libero e democratico, ma anche ai responsabili del crollo del l'Unione Sovietica e le riforme economiche che hanno portato alla miseria la maggioranza della popolazione.

 

Ancora più importante, i "liberali" degli anni '90 erano così ossessionati dalla minaccia della "vendetta comunista" da portare il paese sull'orlo della guerra civile nel 1993, dopo che Eltsin dissolse il Soviet Supremo. Hanno redatto una nuova costituzione "super-presidenziale" e hanno fatto del loro meglio per reinstallare Eltsin nelle molto contestate elezioni del 1996, optando per un'alleanza con gli "oligarchi" russi che hanno approfittato della prima trasformazione del mercato. Quindi, alla fine degli anni '90, i "liberali" russi non erano sostenitori del processo democratico, poiché suggerivano apertamente che non c'era "alternativa" a Boris Eltsin, [2] allo stesso modo in cui i conservatori radicali russi di oggi pretendono che non c'è nessuno tranne il presidente russo Vladimir Putin.

 

All'inizio degli anni 2000, la maggior parte dei "liberali" russi sosteneva Putin

 

È importante ricordare che i "liberali" non hanno mai costituito la maggioranza in Russia. Erano popolari solo quando "liberalismo" significava democrazia, come alla fine degli anni '80 in Unione Sovietica. Quindi, il rifiuto popolare del comunismo ha aiutato i "liberali" a cambiare il regime in modo perfettamente democratico e ad acquisire tutti gli strumenti di potere. Tuttavia, con il progredire delle riforme economiche, il sostegno ai "liberali" è diminuito.

 

Nel 1993, il partito "liberale" Vybor Rossii ("Russia's Choice"), guidato da Yegor Gaidar, ottenne solo il 15,5% dei voti nazionali, mentre nel 1995 Nash Dom Rossia ("Russia, la nostra casa"), associato all'allora premier il ministro Viktor Chernomyrdin si è assicurato il 10,1 per cento. [3] All'inizio degli anni 2000, la situazione si è ulteriormente deteriorata, poiché la maggior parte dei "liberali" ha sostenuto Putin a causa della sua posizione apparentemente favorevole agli affari e all'economia di mercato, nonché a causa del suo aspetto occidentalizzato. Vale la pena notare che, a quel tempo, anche il partito Pravoye Delo ("Causa giusta"), con Nemtsov come uno dei suoi leader, sostenne attivamente l'elezione di Putin nel 2000. [4] Una piccola parte dei liberali russi che non sostenevano Putin è stata invece emarginata.

 

Ad esempio, il partito centrista pro-democrazia di Yabloko ha perso la sua candidatura alla Duma di Stato nel 2003 e non è più tornato in parlamento. Infatti, a metà degli anni 2000, i "liberali" russi si sono spaccati e divisi su Putin [5] e di conseguenza sono stati estromessi dall'intera "verticale del potere". Solo un piccolo numero di "liberali" è riuscito a mantenere posizioni non cruciali in aziende statali, governi regionali o ministeri legati all'economia.

 

"Liberali" e "Liberali sistemici"

 

Da allora in poi il termine "liberale" è diventato più complesso. Da un lato, gli attivisti anti-Cremlino spesso si definivano "liberali", quindi il termine è diventato rapidamente un'etichetta che l'élite di Putin ha usato per designare "traditori" e sostenitori dell'Occidente, accusati di essere responsabili delle crisi degli anni '90, e di voler "ravvivare" il potere degli oligarchi. In sostanza, "liberale" è diventato sinonimo di nemico della Russia. Naturalmente, la maggior parte di questi "liberali" sono in realtà patrioti russi che sostengono l'idea di un paese più prospero e libero, ma che la propaganda di Putin ha emarginato associando il "liberalismo" alle crisi degli anni '90, eliminando ogni possibilità di sostegno popolare per liberali russi.

 

D'altra parte, alcune persone ben incorporate nell'élite di potere, ma che sostenevano le posizioni del libero mercato, divennero note come "liberali sistemici" (ad esempio, Alexey Kudrin, un amico personale del presidente Putin dal momento in cui entrambi lavoravano nell'amministrazione della città di San Pietroburgo negli anni '90). Nel corso degli anni, i "liberali sistemici" hanno proposto meno federalismo, meno spesa sociale e orchestrato la riforma fiscale che ha reso così efficace l'attuale regime. Queste persone sono viste (infondatamente, a mio avviso) come opposte, se non combattenti e costantemente perdenti, contro i siloviki, un gruppo di politici di alto rango che è sorto dal KGB/FSB, dal ministero dell'Interno e dall'esercito. Alcuni di questi "liberali sistemici", come il politico russo ed ex governatore della regione di Kirov Nikita Belykh e l'ex ministro dello sviluppo economico Alexey Ulyukaev, sono ora in prigione per, come molti credono, accuse falsificate.

 

La leadership disunita e le contraddizioni interne dei "liberali" russi

 

Con il consolidamento del regime di Putin, i "liberali non sistemici" sono diventati sempre meno influenti nella politica russa, con la sola eccezione del periodo 2010-2012, quando la campagna di "liberalizzazione" di Dmitry Medvedev (a quel tempo presidente della Russia) ha prodotto qualche speranza di cambiamento politico. Durante quel periodo, emerse una coalizione piuttosto impressionante di forze di opposizione, che univa persone diverse come l'attivista politico Alexey Navalny e Boris Nemtsov, l'economista e politico russo Grigory Yavlinsky e lo storico russo Vladimir Ryzhkov, per non parlare del miliardario Mikhail Prokhorov e diversi deputati della Duma che rappresentavano il Spravedlivaya Rossiya ("Una Russia giusta"). Ma il problema principale dei "liberali" russi si è manifestato anche allora: una leadership disunita e acute contraddizioni interne.

 

Questo problema è stato e rimane la sfida più importante per l'opposizione russa, poiché ogni figura di spicco crede di dover essere riconosciuta come l'unico e incontrastato leader del movimento. Questa sensazione deriva o dalle qualità personali (questo vale principalmente per il maestro di scacchi Garry Kasparov e il magnate diventato critico del Cremlino Mikhail Khodorkovsky) o dalle posizioni delle persone nelle élite di potere russe (si potrebbe dire di Boris Nemtsov, dell'economista russo Andrey Nechaev, di Grigory Yavlinsky e molti altri).

 

Dal tardo periodo sovietico, i dissidenti sono stati molto sensibili a tutte le possibili sfumature nei documenti e nelle dichiarazioni del programma, quindi anche i membri ordinari del movimento si odiano abbastanza intensamente. Nessun tentativo di unire i "liberali" è riuscito, e dopo che il leader dell'opposizione più onesto e collaborativo Boris Nemtsov è stato ucciso, le possibilità di coordinamento sono svanite del tutto. Quindi, i liberali (che individualmente sono molto più talentuosi e capaci dei lealisti di Putin) sono stati messi da parte, mentre i lealisti di Putin si sono dimostrati molto uniti ed efficaci. Non posso spiegare questa trascendente antipatia per tutti da tutti gli altri all'interno dell'opposizione russa in nessun altro modo se non dicendo che la mancanza di qualsiasi attività che possa produrre risultati visibili li spinge a litigare senza fine l'uno con l'altro.

 

Questo fatto contribuisce ad un altro problema. La maggior parte dei "liberali" russi, che sono guidati dal loro odio per Putin e il suo regime, sono diventati molto disconnessi dalla realtà attuale della vita russa e dagli sviluppi sociali del paese. I loro scritti sono diventati totalmente emotivi con elementi sempre meno analitici, pieni di previsioni fuorvianti sull'imminente crollo del regime che non si sono mai avverate. Quando molti "liberali" furono espulsi dal paese e divennero parte della comunità di esperti occidentali, iniziarono a sostenere un crescente coinvolgimento occidentale negli affari della Russia e a promuovere sanzioni economiche anti-russe che diminuirono ulteriormente la loro approvazione e influenza all'interno del paese.

 

Il "fenomeno navale" ha limitato il sostegno ai liberali russi

 

Tuttavia, in Russia, molte persone sono pronte a sostenere l'agenda che potrebbe essere definita "liberale" in senso post-sovietico: cioè pro-democratica e orientata al mercato. Il "fenomeno Navalny" lo ha dimostrato in modo piuttosto impressionante. Dal 2013 al 2021, l'attivista incarcerato Alexey Navaly è stato sostenuto da centinaia di migliaia di persone pronte anche a scendere in piazza, rischiando di essere picchiate o arrestate dalla polizia.

 

Eppure, allo stesso tempo, l'ascesa di Navalny ha causato odio e paura tra la maggior parte dei "liberali" russi. Ad esempio, il partito Yabloko ha condannato l'attività di Navalny e il leader del partito Grigory Yavlinsky ha scritto un articolo in cui (la definirei una mossa unica per un attivista politico) ha suggerito che nessun sostenitore di Navalny dovrebbe votare per il suo partito alle elezioni parlamentari del settembre 2021. [6] Quando le elezioni si sono concluse e Yabloko ha ottenuto solo l'1,34% del voto popolare, [7] i colleghi di Yavlinsky hanno pubblicato un altro documento incolpando una dozzina di importanti attivisti e giornalisti pro-democrazia per aver sostenuto Navalny e la sua strategia di "voto intelligente", sottolineando che il partito Yabloko i membri non hanno nulla in comune con queste persone (molti dei miei amici, che sono membri di alto rango del partito Yabloko, hanno semplicemente ignorato le mie richieste di commenti privati su cosa c'era dietro questa mossa). [8] Quindi, direi che, oltre a promuovere se stesso, Navalny ha notevolmente limitato il sostegno ai liberali russi e ha intensificato le liti nel campo pro-democrazia. Inoltre, molte persone dubitano che anche Navalny possa essere considerato un "liberale". [9]

 

Conclusione

 

L'amministrazione del Cremlino, che segue da vicino gli sviluppi all'interno dell'opposizione russa, è stata abbastanza intelligente da creare un partito fantoccio chiamato Novye Lyudi ("Popolo nuovo"), presieduto da un imprenditore non molto noto, Alexey Nechaev, a cui è stato permesso di correre nelle recenti elezioni parlamentari e ha facilmente superato la soglia del cinque per cento e si è infilato nella Duma di Stato. [10] Nei prossimi anni, questo partito diventerà il luogo per giovani politici ambiziosi che non vogliono essere associati ai vecchi partiti filo-Cremlino per assicurarsi prospettive di carriera. [11] In effetti, molti "liberali" vogliono entrare a far parte della classe politica piuttosto che rimanere tra la folla che viene regolarmente umiliata dalla polizia.

 

Sono decine i segnali che confermano questa tendenza. Ad esempio, il caporedattore del più rispettato media "liberale" Echo Moskvy ("Eco di Mosca"), [12] sta ora difendendo la più grande frode elettorale degli anni orchestrata a Mosca attraverso l'uso del "voto elettronico". [13] Inoltre, con il biglietto Yabloko, Vladimir Ryzhkov, il primo vicepresidente della Duma tra il 1997 e il 1999, è stato eletto al Consiglio comunale di Mosca con il sostegno delle autorità locali e, subito dopo essere stato eletto, ha votato insieme a deputati filo-governativi a favore del budget 2022 della città di Mosca del sindaco Sergey Sobyanin, che è stato criticato dai deputati indipendenti per aver trascurato le esigenze di molti cittadini e i potenziali obiettivi di sviluppo della città. [14]

 

In Russia, le idee "liberali" sono popolari soprattutto tra gli abitanti delle città che credono che Putin stia portando il paese nella direzione sbagliata. Questi sentimenti potrebbero diventare la base per un influente partito "liberale" che si batte per le riforme del mercato, lo stato di diritto e le pratiche democratiche. Tuttavia, le possibilità per il lancio di un partito “liberale” sono vicine allo zero, non solo perché il Cremlino sopprimerà ogni tentativo, ma perché non esistono leader capaci che possano organizzare un partito del genere senza diventare un bersaglio immediato di tutti gli altri “liberali”. Pertanto, anche se il pensiero liberale è vivo in Russia, la politica "liberale" è morta e non risorgerà negli anni a venire.

 

*Dott. Vladislav L. Inozemtsev, Ph.D. in Economia, è Special Advisor per il Russian Media Studies Project di MEMRI.

 

____________________________ 

 

 

[1] Amazon.com/Piratization-Russia-Russian-Reform-Goes/dp/0415315298, accesso 30 novembre 2021.

[2] Journalofdemocracy.org/authors/vladislav-inozemtsev, ottobre 2017.

[3] Ria.ru/20071208/91519653.html, 8 dicembre 2007.

[4] Scilla.ru/works/partii07/sps.html, 2005.

[5] Yabloko.ru/Publ/2003/2003_04/030411_yavl_vishn_sps.html, 2003.

[6] Yavlinsky.ru/article/bez-putinizma-i-populizma, 6 febbraio 2021.

[7] Cikrf.ru/analog/ediny-den-golosovaniya-2021/p_itogi, 19 settembre 2021.

[8] Sobesednik.ru/politika/20211019-yabloko-vneslo-v-cyornyi-spisok-galyaminu, 19 ottobre 2021.

[9] Vedi MEMRI Inquiry and Analysis No. 1563, Alexey Navalny: Future President Or Prisoner For Life?, 11 marzo 2021.

[10] Cfr. MEMRI Daily Brief n. 318, Le elezioni del settembre 2021 potrebbero essere le ultime elezioni parlamentari nazionali in Russia, 27 settembre 2021.

[11] Novayagazeta.ru/articles/2021/11/18/rossiia-ne-velosiped-a-kvadrotsikl-mozhet-zastriat-no-ne-upadet, 18 novembre 2021.

[12] Kommersant.ru/doc/5006052, 25 settembre 2021.

[13] Facebook.com/activist.msk/posts/3167412503489013, 3 novembre 2021.

[14] Novayagazeta.ru/articles/2021/10/04/sekretnye-feily, 4 ottobre 2021.

 

(da MEMRI Middle East Media Research Institute)

 

(Foto da Max Beckmann "Die Nacht”)

 

 



Nuova Agenzia Radicale - Supplemento telematico quotidiano di Quaderni Radicali
Direttore Giuseppe Rippa, Redattore Capo Antonio Marulo, Webmaster: Roberto Granese
Iscr. e reg. Tribunale di Napoli n. 5208 del 13/4/2001 Responsabile secondo le vigenti norme sulla stampa: Danilo Borsò