Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

17/08/19

Il ritorno degli incappucciati: Ku Klux Klan dà fuoco a una ragazza


Pubblicato Martedì, 23 Ottobre 2012 16:42

Sharmeka Moffit è ricoverata al Lsu Medical Center di Shreveport con oltre la metà del corpo ustionata. Sharmeka ha 20 anni, vive in Lousiana, è nera: sembrano essere soprattutto le ultime due le motivazioni alla base dell'aggressione ai danni della ragazza, avvenuta in un parco di Winnsboro, per mano di tre uomini “con cappucci bianchi” in testa che l'hanno cosparsa di liquido infiammabile per poi darle fuoco.

 

Sull'auto di Sharmeka, parcheggiata poco distante, tre lettere incise: KKK. E gli Stati Uniti di Obama guardano con orrore a un possibile ritorno del Ku Klux Klan, organizzazione razzista nata a ridosso della guerra civile americana e ferocemente attiva fino agli anni '60 in nome della supremazia dei bianchi sugli ex schiavi neri.

 

Un movimento che “è ancora diffuso in tutto la Lousiana - spiega Otis Chisley, presidente della sezione locale di un gruppo per i diritti civili – nascosto, ma esiste”.

 

E mentre la popolazione afroamericana sembra riprecipitare in un folle incubo, sul terribile episodio di violenza è stata intanto aperta un'indagine ma in attesa dei risultati – afferma ancora Chisley – “tutti vogliono muoversi con cautela”. (F.U.)



Nuova Agenzia Radicale - Supplemento telematico quotidiano di Quaderni Radicali
Direttore Giuseppe Rippa, Redattore Capo Antonio Marulo, Webmaster: Roberto Granese
Iscr. e reg. Tribunale di Napoli n. 5208 del 13/4/2001 Responsabile secondo le vigenti norme sulla stampa: Danilo Borsò