Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

25/11/20

David Sassoli: il maggior promotore dell'annullamento della cultura liberale e laica in Europa


Categoria: POLITICA
Pubblicato Giovedì, 24 Settembre 2020 21:41
  • Anna Mahjar-Barducci

La distopia è la visione promossa da David Sassoli, presidente del Parlamento europeo, per il futuro dell'Europa. Il 23 settembre, Sassoli ha infatti invitato Beppe Grillo (e con lui Gunter Pauli, dalle idee  astruse sull’epidemia diffusa, per esempio, dalle antenne 5G, su tutti i virologi complici delle case farmaceutiche per obbligare la popolazione a fare i vaccini... ecc. ec...) a intervenire in videocollegamento alla tavola rotonda "Ideas for a new world", dando legittimità alle idee deleterie del comico genovese.

 

Durante il simposio, Grillo ha ripetuto il suo solito mantra: “… Credo nella democrazia diretta, non nel Parlamento…” aggiungendo anche che si può "fare tutto con il voto digitale" ed elogiando la piattaforma Rousseau.

 

A queste affermazioni di Grillo, siamo già abituati, e non rappresentano più – ahimè  – niente di sconvolgente. Il fatto convolgente però è che queste convinzioni grilline sono adesso promosse e riconosciute come idonee per un "nuovo mondo" dallo stesso presidente del Parlamento europeo, in sede istituzionale. Sassoli non invita voci liberali, ma offre spazio al populismo più bieco, per cambiare il "paradigma" dell’Europa.

 

Sassoli diventa così il maggior promotore dell'annullamento della cultura liberale e laica in Europa, preferendo configurare un nuovo ordine mondiale subalterno ai fenomeni qualunquistici. 

 

Non è quindi un caso che il nome del simposio di Sassoli, "Ideas for a new world", sembri echeggiare il romanzo di Aldous Huxley, "Brave New World”.

 

Nel libro, viene descritto un nuovo mondo senza coscienza, governato da dei controllori mondiali, che usano la tecnologia per cancellare la democrazia, rendendo l'uomo inconsapevolvemente sostenitore del proprio stato di schiavitù nei confronti del potere.

 

Il "Brave New World" di Huxley non è così diverso da ciò che è stato promosso ieri da Sassoli al Parlamento europeo. 

 

 



Nuova Agenzia Radicale - Supplemento telematico quotidiano di Quaderni Radicali
Direttore Giuseppe Rippa, Redattore Capo Antonio Marulo, Webmaster: Roberto Granese
Iscr. e reg. Tribunale di Napoli n. 5208 del 13/4/2001 Responsabile secondo le vigenti norme sulla stampa: Danilo Borsò