Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

26/11/20

Reuters. Il Cremlino respinge le accuse per l’avvelenamento di Navalny. Dalla Germania si parla di sanzioni


Categoria: RASSEGNA WEB
Pubblicato Domenica, 06 Settembre 2020 01:31

di Gabrielle Tétrault-Farber, Anton Kolodyazhnyy (Reuters)

 

Mosca (Reuters) - Giovedì il Cremlino ha respinto le accuse secondo cui la Russia era stata responsabile dell'avvelenamento del politico dell'opposizione Alexei Navalny e ha affermato di non vedere motivi per l'imposizione di sanzioni contro Mosca per il caso.

 

Il Cremlino stava parlando il giorno dopo che il cancelliere tedesco Angela Merkel ha detto che Navalny era stato avvelenato con un agente nervino Novichok in stile sovietico nel tentativo di ucciderlo.

 

Navalny, 44 anni, è un schietto oppositore del presidente russo Vladimir Putin ed è specializzato in indagini ad alto impatto sulla corruzione ufficiale. È stato trasportato in aereo in Germania il mese scorso dopo essere crollato su un volo nazionale russo dopo aver bevuto una tazza di tè che i suoi alleati hanno detto essere avvelenato.

 

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha detto che Mosca ha rifiutato qualsiasi suggerimento che la Russia fosse dietro l'attacco a Navalny e ha messo in guardia gli altri paesi dal saltare a conclusioni affrettate.

 

“Non ci sono motivi per accusare lo Stato russo. E non siamo propensi ad accettare alcuna accusa al riguardo ", ha detto Peskov ai giornalisti.

 

Peskov ha detto che non c'era quindi alcun motivo per discutere di sanzioni contro Mosca. La Merkel ha detto che la Germania avrebbe consultato i suoi alleati della NATO su come rispondere all’avvelenamento.

 

Giovedì ha dovuto affrontare crescenti pressioni per riconsiderare il gasdotto Nord Stream 2, che porterà il gas dalla Russia alla Germania, dopo la sua dichiarazione su Navalny, che è in cura in un ospedale di Berlino.

 

Nord Stream 2 è destinato a raddoppiare la capacità dell'attuale gasdotto Nord Stream 1 nel trasporto del gas direttamente dalla Russia alla Germania. È terminato per oltre il 90% e sarà operativo dall'inizio del 2021.

 

Peskov ha detto che il Cremlino considerava il parlare di agire contro l'oleodotto basato sulle emozioni.

 

E ha respinto la premessa che la Russia meritasse di essere sanzionata per il caso. "Non capiamo quale possa essere la ragione di eventuali sanzioni", ha detto Peskov.

 

REUTERS

Reportage di Gabrielle Tétrault-Farber e Anton Kolodyazhnyy e Maxim Rodionov 

Montaggio di Andrew Osborn

 

 



Nuova Agenzia Radicale - Supplemento telematico quotidiano di Quaderni Radicali
Direttore Giuseppe Rippa, Redattore Capo Antonio Marulo, Webmaster: Roberto Granese
Iscr. e reg. Tribunale di Napoli n. 5208 del 13/4/2001 Responsabile secondo le vigenti norme sulla stampa: Danilo Borsò