Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

21/04/19

Genova, sentenza inaudita: concessa la misura alternativa al carcere per detenuto malato di Aids


Pubblicato Mercoledì, 25 Luglio 2012 14:13

Carceri: detenuto gravemente malato potrà scontare fuori la pena

 

Un detenuto riconosciuto affetto da grave deficienza immunopatologica potrà scontare la pena fuori dal carcere in alternativa alla detenzione carceraria. E' quanto ha deciso, per la prima volta in Liguria, il tribunale di sorveglianza di Genova, che ha applicato la misura della detenzione domiciliare per un ex tossicodipendente, affetto da Aids conclamata allo stadio C2, condannato a scontare dietro le sbarre una pena definitiva superiore a sei anni.

 

Secondo l'istanza presentata dai legali del detenuto al tribunale di sorveglianza, le condizioni di salute dell'uomo all'interno dell'istituto penitenziario si erano aggravate, rendendo necessario il ricorso a una misura alternativa al carcere: questa, introdotta da qualche anno, fa riferimento all'articolo 46 quater dell'ordinamento penitenziario, secondo cui la persona malata ne può beneficiare a condizione che si curi presso strutture idonee. In condizioni normali, invece, le misure altenrative non sono concesse per pene superiori ai tre anni.



Nuova Agenzia Radicale - Supplemento telematico quotidiano di Quaderni Radicali
Direttore Giuseppe Rippa, Redattore Capo Antonio Marulo, Webmaster: Roberto Granese
Iscr. e reg. Tribunale di Napoli n. 5208 del 13/4/2001 Responsabile secondo le vigenti norme sulla stampa: Danilo Borsò