Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

18/04/19

Università: il ritardo costa di più


Pubblicato Venerdì, 27 Luglio 2012 15:31

 

Tasse universitarie più care per gli studenti fuoricorso. E' quanto stabilito da un emendamento bipartisan all'articolo 7 della spending review, approvato dalla commisione Bilancio del Senato. Il testo in questione stabilisce tre scaglioni, a seconda del reddito Isee: gli universitari fuoricorso il cui reddito familiare è inferiore a 90.000 euro, dovranno pagare il 25% in più rispetto agli studenti in corso.

 

La soglia aumenta fino al 50% per chi ha un Isee tra i 90.000 e i 150.000 euro, mentre pagheranno esattamente il doppio delle tasse quegli studenti il cui reddito familiare è superiore ai 150.000 euro annui. Gli incrementi saranno disposti dalle università sulla base di principi di equità, progressività e redistribuzione e della particolare condizione di studenti lavoratori.

 

Gli introiti saranno destinati, “in misura non inferiore al 50 per cento”, alle borse di studio, mentre la parte restante verrà utilizzata per interventi di sostegno a servizi abitativi, di ristorazione, assistenza e orientamento.



Nuova Agenzia Radicale - Supplemento telematico quotidiano di Quaderni Radicali
Direttore Giuseppe Rippa, Redattore Capo Antonio Marulo, Webmaster: Roberto Granese
Iscr. e reg. Tribunale di Napoli n. 5208 del 13/4/2001 Responsabile secondo le vigenti norme sulla stampa: Danilo Borsò