Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

26/06/19

Pena di morte, Il Giappone ne impicca altri due


Pubblicato Venerdì, 03 Agosto 2012 10:06

Oggi in Giappone sono state impaccati due condannati a morte, che hanno di fatto battezzato le attività in materia del nuovo ministro della Giustizia, Makoto Taki.

 

I giustiziati sono, secondo i media locali, Junya Hattori, 40 anni, condannato per lo stupro e l'omicidio nel 2002 di una studentessa di 19 anni il cui corpo è stato bruciato in un cantiere, e di Kyozo Matsumura, 31 anni, ritento colpevole dell'uccisione a gennaio 2007 di due familiari nelle prefetture di Kyoto e di Kanagawa.

 

Salgono così a cinque le esecuzioni capitali sotto il governo del premier Yoshihiko Noda, presidente del partito Democratico (DpJ). A marzo scorso, con il decreto firmato dall'allora Guardasigilli Toshio Ogawa, ne furono impiccati tre, interrompendo una moratoria di fatto di 20 mesi.



Nuova Agenzia Radicale - Supplemento telematico quotidiano di Quaderni Radicali
Direttore Giuseppe Rippa, Redattore Capo Antonio Marulo, Webmaster: Roberto Granese
Iscr. e reg. Tribunale di Napoli n. 5208 del 13/4/2001 Responsabile secondo le vigenti norme sulla stampa: Danilo Borsò