Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

20/05/19

Reyhaneh Jabbari, la richiesta di perdono sospende la pena capitale


Pubblicato Mercoledì, 08 Ottobre 2014 17:11

Alla fine Reyhaneh Jabbari ha chiesto perdono per aver ucciso l’uomo che tentava di stuprarla. Lo ha fatto secondo le modalità previste in questi casi in Iran, firmando una richiesta alla famiglia della vittima. Così la giovane donna ha ottenuto la sospensione dell’esecuzione prevista per oggi.

 

A rivelarlo sono state fonti della famiglia della condannata, per la cui salvezza nei giorni scorsi c’era stata una mobilitazione internazionale. Secondo le fonti dell’agenzia Aki, «c’è un interessamento diretto delle autorità iraniane», le quali temono che la vicenda posso portare loro discredito a livello internazionale. Tuttavia, secondo le stesse fonti, resta comunque la famiglia della vittima in cambio del perdono chiede di negare anche lo stupro.



Nuova Agenzia Radicale - Supplemento telematico quotidiano di Quaderni Radicali
Direttore Giuseppe Rippa, Redattore Capo Antonio Marulo, Webmaster: Roberto Granese
Iscr. e reg. Tribunale di Napoli n. 5208 del 13/4/2001 Responsabile secondo le vigenti norme sulla stampa: Danilo Borsò