Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

18/03/19

Maledetta Politica - La solita “Italia” di Michele Santoro


Pubblicato Domenica, 09 Ottobre 2016 00:05

A volte ritornano: una, due, tre... Nel caso di Michele Santoro cominciamo a perderne il conto. “Italia” è la sua ultima creatura, che ha visto la luce su Rai2 pochi giorni fa.

 

Un debutto annunciato come l’ennesima presunta rivoluzionaria innovazione nel panorama televisivo dell’approfondimento politico.

 

Tuttavia, un po’ come quei cantanti di successo che hanno dato tutto il meglio entro i 40 anni, ma che a modello Venditti, per esempio, ci propinano indomiti la solita musica con parole diverse, l’uomo dell’editto bulgaro pare aver davvero esaurito la sua stagione, pur ostinandosi comunque a calcare lo stesso palco con approccio e chiavi di lettura segnate inesorabilmente dal tempo.

 

Ne discute Geppi Rippa, con Antonio Marulo, in questo numero di Maledetta Politica.

 

 

- Maledetta Politica - La solita “Italia” di Michele Santoro (Agenzia Radicale Video)

 

 



Nuova Agenzia Radicale - Supplemento telematico quotidiano di Quaderni Radicali
Direttore Giuseppe Rippa, Redattore Capo Antonio Marulo, Webmaster: Roberto Granese
Iscr. e reg. Tribunale di Napoli n. 5208 del 13/4/2001 Responsabile secondo le vigenti norme sulla stampa: Danilo Borsò