Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

22/05/19

Aborto clandestino, una giornata contro la morte di donne in tutto il mondo


Pubblicato Venerdì, 28 Settembre 2012 17:31

La giornata mondiale contro la morte per aborto clandestino, indetta da un network di organizzazioni internazionali, nasce dalla campagna avviata vent’anni fa da gruppi di donne e attiviste dei paesi dell’America Latina che chiedevano ai propri governi la depenalizzazione del reato di aborto e l’accesso all’intervento in modo sicuro e legale.

 

La data del 28 settembre è stata scelta in commemorazione dell’abolizione della schivitù in Brasile. Ricordiamo che secondo i dati dell’Organizzazione Mondiale Sanità rilevati dal Guttmacher Institute, dei 4.4 milioni di aborti praticati nel 2008 in America Latina e Caraibi, il 95% erano “insicuri”, ovvero clandestini.

 

Del totale delle morti materne, il 12% è attribuito alle conseguenze dell’aborto clandestino e oltre un milione di donne l’anno subiscono un ricovero a causa delle gravi conseguenze di un intervento di aborto insicuro. L’Organizzazione Mondiale della Sanità oramai da anni avverte che l’aborto clandestino non è solo un problema di salute pubblica: è anche una questione di diritti umani.

 

I governi hanno l’obbligo secondo le legislazioni nazionali o le convenzioni internazionali sui diritti umani a garantire i più alti standard di tutela della salute, a non attuare discriminazioni e a garantire ad ogni persona di non dover subire trattamenti inumani e degradanti. 

 

In molti paesi del mondo le politiche di informazione e accesso alla pianificazione familiare e ai metodi contraccettivi non sono ancora adeguate, si muore ancora di parto insicuro o a causa di gravidanze a rischio, si parla poco di sessualità e di prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili. 

 

Da quanto si legge sul sito di Radio Vaticana a proposito dell’iniziativa di oggi - ha dichiarato Mario Puiatti, Presidente nazionale Dell'AIED - sembrerebbe che sia la giornata della 'promozione dell’aborto'. Ma non è così. Secondo gli obiettivi dei promotori, che condividiamo, oggi è la giornata mondiale per la depenalizzazione dell’aborto, l’accesso all’aborto in sicurezza, l’informazione e la diffusione dei metodi contraccettivi e della pianificazione familiare. Il Vaticano e le organizzazioni cattoliche, oltre che pregare, dovrebbero promuovere l’uso dei metodi contraccettivi sicuri; questo è l’unico modo concreto per prevenire le gravidanze indesiderate. Condannare la contraccezione significa, di fatto, promuovere l’aborto".

 

AIED, Associazione Italiana per l'Educazione Demografica



Nuova Agenzia Radicale - Supplemento telematico quotidiano di Quaderni Radicali
Direttore Giuseppe Rippa, Redattore Capo Antonio Marulo, Webmaster: Roberto Granese
Iscr. e reg. Tribunale di Napoli n. 5208 del 13/4/2001 Responsabile secondo le vigenti norme sulla stampa: Danilo Borsò