Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

23/11/20

"Una nuda brutalità degna dei nazisti": Edward Lucas sulle prove strazianti dei campi di concentramento di Pechino dedicati alla "rieducazione"...


Categoria: RIMANDI
Pubblicato Lunedì, 10 Agosto 2020 13:06

di Edward Lucas (per Daily Mail)

 

L'alba si rompe nell'affollata cella di prigione. Non tutti dormono - le condizioni sono così ristrette nello spazio di 70 metri quadrati che 15 dei 60 detenuti devono alzarsi per dare il turno agli altri di sdraiarsi.

 

La mancanza di privacy è assoluta. Le pause del bagno sono razionate - due minuti alla volta - e nel pieno sguardo degli altri.

 

Pareti di vetro, telecamere e microfoni significano che ogni parola e azione viene registrata.

 

Gli informatori collocati in ogni cella annotano persino ciò che le persone dicono nel sonno e lo trasmettono alle guardie.

 

Come ogni altro giorno, la mattinata inizia con il canto obbligatorio delle canzoni del Partito Comunista, lodando la gloriosa patria e il suo saggio leader, Xi Jinping.

 

Quindi arriva il loro unico pasto del giorno. Zuppa di cavolo acquosa, servita con un piccolo pezzo di pasta al vapore. Se sono fortunati, possono anche ottenere qualche chicco di riso.

 

E poi il farmaco arriva sotto forma di una pillola bianca. Per essere sicuri di averlo preso, le bocche dei prigionieri sono quasi forzatamente aperte e perquisite.

 

La misteriosa droga - un tranquillante di qualche tipo - induce presto uno stato di miserabile intorpidimento mentale.

 

Pensieri e ricordi della vita fuori, il destino dei propri cari, il dolore delle speranze infrante: tutti si ritirano. Ora l'unico obiettivo è passare la giornata.

 

Una scena del genere si sta svolgendo in uno dei campi di concentramento segreti della Cina, dedicati a "rieducare" un milione o più della popolazione musulmana uigura del paese in una rete di centinaia di istituzioni costruite su 640.000 miglia quadrate della Cina occidentale: un area sette volte più grande della Gran Bretagna.

 

Ogni dettaglio di questa descrizione straziante della vita all'interno della "Regione autonoma uigura dello Xinjiang" - i suoi nativi Uiguri lo chiamano "Turkestan orientale" - proviene da resoconti usciti fuori dalla regione e da un enorme pacchetto di documenti interni del Partito comunista trapelati l'anno scorso da un ufficiale coraggioso, disgustato dalle politiche che stava attuando.

 

Sono confermati dalle testimonianze dei sopravvissuti raccolte da Rahima Mahmut dell'ufficio londinese del World Uyghur Congress e da Human Rights Watch, un gruppo di attivisti con sede a New York.

 

I detective di Internet hanno anche usato immagini satellitari disponibili al pubblico per tracciare la crescita dei campi.

 

Domenica, l'ambasciatore di Pechino in Inghilterra, Liu Xiaoming, è stato interrogato da Andrew Marr sul filmato sui droni, scattato nel 2018, che mostra centinaia di uomini uiguri, inginocchiati, con la testa rasata, incatenati e bendati, condotti da un treno, in quello che sembrava essere un trasferimento di prigionieri.

 

Dopo una lunga e imbarazzata pausa, l'ambasciatore ha risposto con spavalderia e smentita. "Gli uiguri godono di una convivenza pacifica e armoniosa con altri gruppi etnici di persone", ha insistito, liquidando il filmato come "la cosiddetta intelligenza occidentale”.

 

Certamente nulla di "pacifico" o "armonioso" segna la routine quotidiana dei detenuti.

 

La mattina è l'indottrinamento. I detenuti - centinaia di loro, tutti con la testa rasata - siedono in una vasta sala echeggiante, ascoltando ore di lezioni sui mali della religione. Le parole degli istruttori sono spezzate dal canto ritmico degli slogan del Partito Comunista.

 

Tutta la comunicazione è in cinese. Per i detenuti mormorare persino una parola nella loro lingua antica - un dialetto simile all'Uzbeco - sarebbe un segno di sfida e porterebbe una terrificante punizione.

 

La monotonia delle lezioni è la tortura mentale. Alla fine della lezione, ai detenuti viene chiesto "c'è un Dio?" L'unica risposta consentita è “no".

 

Ogni momento di veglia è un assalto alle loro credenze e tradizioni care. I detenuti affamati sono persino costretti a mangiare carne di maiale e bere alcolici, a dispetto della loro fede musulmana.

 


 

Il pomeriggio porta interrogatori. Per rompere la loro resistenza mentale, i detenuti sono costretti a guardare gli altri essere torturati prima delle loro sessioni di interrogatorio.

 

Gli interrogatori sono fatti per denunciare amici e parenti, per confessare crimini fittizi come la fabbricazione di bombe e lo spionaggio e per esprimere una contrizione spregevole - anche per atti così innocui come avere una copia del Corano. Qualsiasi resistenza produce percosse, scosse elettriche e privazione del sonno.

 

La nudità è un'altra tattica disumanizzante. La nudità è un tabù nell'Islam, ma i prigionieri di tutte le età vengono fatti sfilare uno di fronte all'altro e in vista delle guardie.

 

Per le donne sono obbligatorie umilianti ispezioni ginecologiche. Lo stupro è una routine.

 

Le donne più carine più giovani scompaiono di notte e piangono silenziosamente durante il giorno. Un'iniezione ogni 15 giorni sembra essere una contraccezione forzata - scompaiono le mestruazioni.

 

La cosa peggiore è la temuta tabarda arancione. Presto i prigionieri assegnati a questi scompaiono, per non essere mai più visti.

 

Si dice che vengano uccisi per i loro organi: reni, cornee, cuori e fegati vengono saccheggiati dai loro corpi, per finanziare il redditizio mercato nero internazionale o per soddisfare i bisogni dell'élite del Partito Comunista.

 

Per i nove milioni di altri uiguri che vivono nella provincia dello Xinjiang, nella Cina occidentale, che hanno la fortuna di non essere confinati in tali campi, la vita è un altro tipo di prigione.

 

Ogni movimento è sorvegliato da videocamere supportate da ricerche invadenti.

 

I furgoni della polizia pattugliano le strade, cercando qualsiasi segno di comportamento sospetto e montando controlli casuali. I punti di controllo sono ogni 200 metri.

 

Peggio ancora sono le onnipresenti polizie in borghese, che osservano silenziosamente il comportamento del pubblico.

 

Una sola parola o azione negligente - forse un piccolo spettacolo di fede - è punibile con la detenzione e il lavaggio del cervello.

 

Poche parole vengono fuori sul destino di coloro che vengono portati via. Alle loro famiglie viene talvolta detto che sono morti in incidenti stradali. Coloro che ritornano sono così traumatizzati che raramente parlano del loro calvario.

 

È punito il possesso di libri, giornali o materiale elettronico che possa segnalare infedeltà al regime cinese.

 

Non è consentita alcuna espressione di credo religioso. Le moschee sono conchiglie vuote, con il culto organizzato solo per ingannare gli estranei. Anche un Corano o un tappetino da preghiera è un pericoloso segno di slealtà.

 


 

La micro-gestione si estende ai beni domestici. I coltelli da cucina con lame più lunghe di quattro pollici, ad esempio, devono essere incisi con un codice a barre che identifica il proprietario e devono essere incatenati a una parete o un tavolo.

 

I bambini sono usati come informatori. Alle classi di scuola viene mostrato il testo in arabo e viene chiesto se lo riconoscono.

 

Coloro che lo hanno fatto, hanno involontariamente evidenziato che le loro famiglie sono credenti che leggono il Corano.

 

Tale "slealtà" spesso porta alla rimozione dei bambini - in effetti rapiti - e spediti ai collegi gestiti dallo stato, anche all'età di cinque anni. Lì sono indottrinati a disprezzare le loro famiglie, religione, cultura e lingua madre.

 

Chiedere il destino delle persone scomparse è pericoloso. Sono denominati "yoq", che significa "non in giro". La detenzione nei campi di concentramento si chiama "studio".

 

Il destino delle donne lasciate a casa quando i loro uomini vengono inviati ai campi è particolarmente orribile.

 

A loro è assegnato un funzionario cinese che vive nella loro casa per monitorare la famiglia. Questi ospiti sgraditi si intromettono in ogni aspetto di vita domestica - e spesso insistono per occupare il posto vuoto nel letto matrimoniale.

 

Tali grottesche violazioni dei diritti umani sono in atto da anni. Ma sono balzati alla vista del pubblico in Occidente grazie al duro lavoro degli investigatori e al coraggio di coloro che sono fuggiti.

 

Solo di recente, una fortunata evasa, Sayragul Sauytbay, ha dichiarato: "Forse sta diventando anche peggio del nazismo perché possono combinare la più recente tecnologia - come la sorveglianza 24 ore su 24 - con i metodi più primitivi di tortura”.

 

Di fronte a critiche così devastanti, non sorprende che le autorità cinesi facciano grandi sforzi per nascondere e negare il ritmo accelerato delle atrocità, come dimostrato dalle prestazioni dell'ambasciatore cinese domenica.

 

Secondo la Cina, la popolazione musulmana nella regione occidentale del paese è un focolaio di pericoloso terrorismo e separatismo. Misure di rieducazione, insistono funzionari comunisti, instillano utili capacità professionali e sradicano il comportamento antisociale.

 

È vero che la Cina ha affrontato violenti disordini tra gli uiguri, compresi gli attacchi terroristici a Pechino e altrove.

 

Ma le azioni dei fanatici non giustificano la repressione di un intero gruppo etnico, inclusa la prigionia di attivisti, studiosi e personaggi pubblici non violenti che hanno trascorso la loro carriera esortando i connazionali a lavorare pacificamente con le autorità di Pechino.

 

In verità, il ribollente risentimento nella regione è l'inevitabile risposta al brutale errore coloniale inflitto dal Partito Comunista Cinese dopo la sua occupazione nel 1949.

 

Per decenni, il Turkestan orientale è stata una laguna abbandonata e esotica arretrato, esotico arretrato, favorita da avventurosi turisti occidentali, elettrizzati dal fascino dell'Asia centrale delle antiche città della Via della Seta come Kashgar.

 


 

Ma la presa della Cina si è rafforzata lì negli ultimi 20 anni, prima con la demolizione sistematica di monumenti storici e poi con l'imposizione di controlli sempre più duri sulla vita di tutti i giorni.

 

Le autorità comuniste hanno imposto l'afflusso di milioni di migranti di etnia cinese con l'obiettivo di diluire e infine sradicare qualsiasi senso di identità locale - una tattica usata anche in Tibet, un altro prigioniero dell'impero cinese.

 

Forse la caratteristica più sorprendente di questa storia è che, di fronte a questo programma sponsorizzato dallo stato di repressione di massa e sterminio culturale, il mondo musulmano è rimasto quasi in silenzio.

 

Fortemente dipendenti dalla Cina per il commercio, gli investimenti, le infrastrutture e la sicurezza, paesi come il Pakistan e l'Arabia Saudita non sono stati disposti a soffiare persino un sussurro di critiche sulle atrocità perpetrate contro i credenti.

 

In Gran Bretagna, tuttavia, i leader musulmani, in particolare l'imam di Oxford Taj Hargey, si sono pronunciati con forza contro gli abusi.

 

Un rapporto della Commissione islamica per i diritti umani con sede a Londra, "A Grief Observed", contiene una straziante raccolta di esperienze di detenuti.

 

Ma i paesi musulmani nel consiglio delle Nazioni Unite per i diritti umani - Afghanistan, Eritrea e Qatar - non hanno detto nulla per indurre quel corpo a fare anche un cigolio di protesta.

 

Anche paesi europei come la Germania sono stati vergognosamente silenziosi - un riflesso del peso commerciale della Cina.

 

Mentre gli Uiguri, in gravi difficoltà, assistono alla distruzione del loro stile di vita, cultura e lingua, e possono solo pregare - segretamente e silenziosamente - che ne parlino di più.

 

Edward Lucas (per Daily Mail)

 

(traduzione a cura della redazione di Agenzia Radicale)

 

 



Nuova Agenzia Radicale - Supplemento telematico quotidiano di Quaderni Radicali
Direttore Giuseppe Rippa, Redattore Capo Antonio Marulo, Webmaster: Roberto Granese
Iscr. e reg. Tribunale di Napoli n. 5208 del 13/4/2001 Responsabile secondo le vigenti norme sulla stampa: Danilo Borsò