Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

18/06/19 ore

'Batman', il ritorno del cavaliere oscuro


  • Stefano Delle Cave

E' uscito nelle sale il terzo capitolo della saga di Batman: 'Il cavaliere oscuro, il ritorno'. Ennesima convincente prova alla regia e alla sceneggiatura di Cristopher Nolan, che proponeai suoi spettatori un prodotto di gran lunga più spettacolare dei primi due. Di notevole impatto è il grande lavoro della computer grafics in grado di restituire effetti speciali mozzafiato. Ma il film è molto di più del solito blockbuster-hollywoodiano.

 

A partire dall'ambiente, Gotham City. Nolan realizza la leggendaria città di Batman girando a New York e Los Angeles,  utilizzando la Computer Graphic e mascherando qualcosa di reale con un qualcosa di fantastico in cui sono racchiuse ed esorcizzate le paure e le fragilità collettive derivate dalla crisi del terzo millennio, paure racchiuse anche all'interno dei personaggi.

 

Si pensi infatti a Bruce Waine che porta la maschera di Batman per proteggere quelli che gli sono accanto, ma anche per nascordere la sua fragilità, come allo stesso modo il suo antagonista Baine la usa per nascondere il suo passato doloroso, le sue debolezze.

 

Del resto come ha già dimostrato in passato 'Avatar' di James Cameron, nel cinema postmoderno il supereroe non esiste più ma siamo di fronte ad un uomo normale, fragile, che può soccombere, che di fronte a un presente mutevole perde la sua stabilità.

 

Ecco allora che il prestigiatore Nolan mette lo spettatore solo di fronte ad una scelta: accettare Baine come rappresentazione di quella crisi che ha colpito e sta inevitabilmete colpendo il mondo o accettare Batman l'uomo fragile reso potente dalla tecnologia, rappresentazione di una fitta realtà perfetta?

 

Ovviamente come il cittadino di Gotham sceglie Batman perchè ha bisogno di credere in qualcosa, in qualcuno, perchè la città ha bisogno di un eroe, così lo spettatore si schiera con Wein perchè ha bisogno anche lui di essere esorcizzato da una realtà mutevole che non dà più punti fermi.


Commenti   

 
+1 #2 luca m. 2012-09-01 22:44
Il cinema era pressochè deserto: 10 persone. Il film di una tetraggine fantasmagorica, non un barlume di luce in 3 ore, non un momento di up, sempre e solo: buio e tragedia. Cosa induca i critici a parlare bene di questo film rimane un mistero del contorsionismo mentale dell'essere umano del 2000. Ciò che è orribile disgustoso diventa gradevole, ciò che è gradevole diventa scontato e patetico.
Citazione
 
 
+1 #1 ilSocialista 2012-08-31 19:20
Diciamo la verità, come Fantozzi: i film di Batman di oggi sono una CAGATA PAZZESCA COME LA CORAZZATA POTEMKIN; i supereroi Keynesiani erano UN'ALTRA COSA più razionale, umana, progressiva; gli storici del 3000 potranno ritrovare in questi film gotici ed oscuri gli incubi angosciosi di una società che ha perso totalmente ogni bandolo della matassa ed è riuscita nel difficile intento di fottersi con le proprie mani in un modo che sarà additato per millenni.
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna