27/06/22 ore

LIBRI

Patria, di Fernando Aramburu. Tra ideologia, fanatismo e drammi familiari

Romanzo vincitore del Premio Strega europeo del 2018 e del premio letterario internazionale Giuseppe Tomasi di Lampedusa 2018; Patria, dello scrittore spagnolo Fernando Aramburu, è il primo romanzo tradotto in Italia dalla casa editrice Guanda. Due famiglie, una città - San Sebastian -, due patrie – la Spagna, Euskal Herria - un movimento separatista ed independentista, l'ETA. Da un lato Joxian e Txato, cresciuti entrambi nello stesso paesino alle porte di San Sebastián, vicini di casa, inseparabili nelle serate all’osteria e nelle domeniche in bicicletta. di Maurizio Musu

Cinque SI per guarire la giustizia: Diario politico sui referendum di Luigi O. Rintallo

Votare SI ai cinque referendum del 12 giugno 2022 è nell’interesse di tutti, perché significa lanciare un grido collettivo per pretendere finalmente una giustizia che funzioni. La contro-produttività del “servizio giustizia” non si consuma solo negli archivi polverosi dove giacciono per anni le cause, o nelle vite distrutte degli imputati stritolati dagli errori giudiziari o dai teoremi accusatori campati in aria. Ha ripercussioni nella vita quotidiana...

Il ragazzo la donna e il vecchio poeta a cura di Aboubakr Chraibi

È ed è stato considerato da molti il libro del divertimento per eccellenza. Ciò che è sicuro è che gode di fama internazionale ed è tra i più letti in gran parte del mondo. Per quanto riguarda il contenuto, i suoi racconti provengono da diverse aree geografiche, dall’India all’Egitto, e il numero 1001 è da considerarsi solo una misura generica che indica in realtà una quantità più grande di “innumerevoli” e dunque (quasi) infinita. Stiamo parlando di Mille e una notte da cui, recentemente, sono state estratte tre storie inedite e pubblicate a cura di Aboubakr Chraibi dalla casa editrice Marietti: “Il ragazzo la donna e il vecchio poeta”… di Elena Lattes

Verso il ‘Suicidio Occidentale’? Conversazione con Federico Rampini sul suo ultimo libro

Si potrebbe definire un libro anticipatore di quello che sta accadendo nella drammatica aggressione russo in nUcraina… non è comunque un libro di geopolitica, ma potremmo definirlo di cultura politica…”.  Così Federico Rampini, conversando con Giuseppe Rippa, direttore di Quaderni Radicali e Agenzia Radicale parla del suo ultimo libro “Suicidio Occidentale - Perché è sbagliato processare la nostra storia e cancellare i nostri valori”…

 

- Verso il ‘Suicidio Occidentale’? Conversazione con Federico Rampini sul suo ultimo libro (Agenzia Radicale Video)

Giacomo Mancini. Un avvocato del Sud, di Paride Leporace sul Leone Socialista, a vent’anni dalla sua scomparsa

È in libreria dal 14 aprile, il pamphlet edito Luigi Pellegrini Editore, del vicedirettore del Quotidiano del Sud, Paride Leporace. Il titolo è “Giacomo Mancini. Un avvocato del Sud(Luigi Pellegrini Editore), ed è dedicato al leader socialista, venuto a mancare l’8 aprile 2002... A vent’anni dalla morte di uno dei più grandi leader politici calabresi,” scrive Leporace nell’introduzione al suo libro, “ho deciso di scrivere sulla sua figura storica una sorta di pamphlet divulgativo con l’auspicio di riuscire ad arrivare anche alle giovani generazioni che non lo hanno conosciuto in vita ma anche di poter riaprire una discussione sulla Calabria e il Mezzogiorno”... di Giulia Anzani

Sabino Cassese indica i molti guasti del “governo dei giudici”

Con sentenza del 12 aprile 2022 i magistrati del massimo organo di giustizia amministrativa, il Consiglio di Stato, hanno negato l’accesso ai documenti per sapere perché il governo richiamò i 400 soldati inizialmente inviati, fra il 5 e l’8 marzo 2020, a chiudere la “zona rossa” di Nembro e Alzano Lombardo. L’atto contraddice i TAR che si erano invece pronunciati in favore della richiesta avanzata in tal senso dai legali dei parenti delle vittime di Covid. Un ulteriore esempio di come l’esercizio della giurisdizione sia esposto, in Italia, a interpretazioni che pregiudicano la certezza del diritto e di come sovente le determinazioni prese sconfinino dai limiti giurisprudenziali per ricollegarsi a motivazioni di altro genere... di Luigi O. Rintallo