Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

13/12/18 ore

LIBRI

Gli ebrei tra storia e memoria, libro-intervista di Giacomo Kahn a Riccardo Calimani

La molteplicità di argomenti affrontati, la lunghezza e l’intensità del periodo trattato – circa quattromila anni di storia, cultura, sociologia e tanto altro – rende non facile l’inizio di questa recensione. Cosa privilegiare senza rischiare di essere riduttivi o, peggio ancora, banali? Il titolo potrebbe fornire un suggerimento, ma forse non dà l’idea della ricchezza e della profondità dei contenuti  così magistralmente sintetizzati, perché “Gli ebrei tra storia e memoria”, pubblicato dalle EDB, Edizioni Dehoniane, per la collana “Cristiani ed ebrei”, diretta dal presbitero e biblista Luigi Nason non è un “semplice” manuale di storia o uno stimolante invito a ricordare... di Elena Lattes

Youtubers, di C. Palazzini e L. Gialli. Quando il dialogo finisce in rete

Youtubers” (Ed. Paoline) così viene presentato nella quarta di copertina:“… Un miliardo di persone ogni giorno si collega con i loro canali: questo offre la misura del fenomeno youtubers. Giovani che si affermano attraverso lo schermo, che dialogano con milioni di persone, che orientano scelte e consumi, che stabiliscono nuove forme di relazione. Tutto il mondo adulto ha la responsabilità di leggere e capire questa nuova realtà abitata dai ragazzi (avvertono le autrici) che è anche mappa per orientarsi  tra virtuale e reale attraverso la voce degli esperti e quella degli youtubers italiani più amati”… di Giovanna D’arbitrio

Dopo il 16 ottobre

Per l’ebraismo romano il 16 ottobre è una data nefasta: in quel giorno nel 1943 più di mille persone, soprattutto donne e bambini, furono strappate dalle loro case per essere deportate ad Auschwitz. Fu il primo e il più grande rastrellamento in Italia a cui ne seguirono altri lungo tutto il periodo dell’occupazione nazista. Ma chi e quante furono le vittime? Chi collaborò con gli invasori? E soprattutto cosa successe dopo quel “sabato nero” (come lo definì, in un suo celebre libro, Robert Katz)? di Elena Lattes

Condizione femminile: violenze sulle donne e … risvegli

Il tema della violenza sulle donne è senz'altro di scottante attualità e si moltiplicano le iniziative per cercare di comprendere e lottare contro un fenomeno che diventa sempre più grave. Di particolare interesse si è rivelato un convegno tenutosi lo scorso 14 marzo nella Sala Pignatiello del Comune di Napoli, organizzato dalla dott. Marisa Del Vecchio, Presidente del Soroptimist Club Napoli. di Giovanna D’Arbitrio

Napoli è … un sentimento di Giancarlo Naldi

Un libro che parla di Napoli non è una novità assoluta, anzi ultimamente Napoli, come del resto tutto il meridione, ha avuto un “risveglio” letterario di grande portata internazionale che va da Saviano sino alla Sicilia di Camilleri per citarne alcuni. Tutti incentrati su aspetti di degrado sociale e in particolar modo sulla criminalità organizzata dipingendo un popolo ignorante, vigliacco, falso, violento, cinico, crudele, in storie molto squallide, dove l’omertà generale pare l’unanime sentimento di un popolo poco incline alla civiltà e alle conquiste sociali, che nel resto dell’Italia e del mondo emancipato si sono raggiunte. di Giovanni Lauricella

Chiodi della Croce, lenticchie ultima cena, benvenuti nel mondo delle reliquie (vere o false) d’Italia

Dita, mani, lingue, cuori e capelli. Il Santo Prepuzio e la lettera del Diavolo. In mezzo, femori e sacre spine, piume di Angeli e storie sulfuree di mercanti e devoti. Nel Medioevo le reliquie di Santi, Beati e Martiri viaggiavano da un luogo all’altro della vecchia Europa, con il loro carico di devozione e superstizione insieme. Le parti più pregiate riguardavano le specialità del Santo, come ad esempio i denti di Sant’Apollonia (invocata per evitare il dentista) cavati con le tenaglie: quando Paolo VI li fa raccogliere in giro per il mondo se ne riempie una cassetta con tre chili e mezzo. Infine li condannò all’oblio, gettandoli nel Tevere. di Silvia Lanzani