Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

26/09/22 ore

ESTERI

Sei mesi dall'invasione russa in Ucraina: Occidente, Cina, mondo. Conversazione con Francesco Sisci

L’operazione militare speciale con cui Vladimir Putin definì l’aggressione della Russia all’Ucraina, dopo sei mesi è divenuta, al di là delle parole nutrite di propaganda e bugie, una vera e propria guerra. Assumono un valore paradossale le affermazioni secondo cui l’uso, che inquietantemente i vertici del Cremlino hanno ripetuto, di una azione misurata per proteggere i propri interessi nazionali non sono altro che parole false e rivelatrici di una strategia profondamente sbagliata… Dell’attuale fase dopo sei mesi dall’inizio di questa tragedia e delle ripercussioni in Europa, in Cina e nel mondo, hanno discusso per Agenzia Radicale Video il professor Francesco Sisci e direttore di Quaderni Radicali e Agenzia Radicale Giuseppe Rippa…

 

- Sei mesi dall'invasione russa in Ucraina: Occidente, Cina, mondo. Conversazione con Francesco Sisci (Agenzia Radicale Video)

L'operazione speciale russa in Ucraina si è trasformata in guerra

Il 24 agosto 2022 sono passati sei mesi dall'inizio dell'operazione militare speciale della Russia. Per coincidenza, in questa data, gli ucraini hanno celebrato il 31° anniversario dell'indipendenza del loro paese. In una delle mie precedenti analisi, ho detto che sembrava dubbio che la Russia avrebbe schiacciato la resistenza ucraina in tempi brevi. Come tutti sanno, il Cremlino si oppone ferocemente a definire la sua operazione speciale una "guerra" contro l'Ucraina, o addirittura contro la "giunta di Kiev". Ciò riflette non solo la sua dipendenza dalle bugie e dalle "false parole", ma piuttosto l'idea del Cremlino secondo cui l'aggressione russa dovrebbe essere considerata un uso presumibilmente "misurato" della forza all'estero intrapreso per proteggere gli interessi nazionali… di Vladislav L. Inozemtsev (da MEMRI)

La guerra ha permesso alla Jihad Islamica di diventare il movimento preferito di Teheran

Nonostante i colpi inferti dall'esercito israeliano, il movimento palestinese Jihad Islamica a Gaza ha ottenuto vari vantaggi dall'ultima guerra contro Israele. Alcuni media occidentali hanno scritto che Israele ha "vinto" la guerra lampo, che aveva tenuto (in particolare) il sud del Paese sotto assedio per tre giorni. In realtà, anche se, durante la guerra, Israele ha eliminato due importanti leader del movimento terroristico, la Jihad Islamica è riuscita a rafforzare la propria immagine e influenza nella regione… di Anna Mahjar-Barducci

Chi dovrebbe rappresentare la Cina? La Repubblica Popolare Cinese (RPC) del Partito Comunista Cinese (PCC) o la Repubblica democratica della Cina (ROC) a Taiwan?

La "questione di Taiwan" è un derivato della guerra civile cinese combattuta tra il governo della Repubblica di Cina (ROC) guidato dal Kuomintang (KMT) e il Partito Comunista Cinese (PCC). In teoria, poiché non è stato firmato alcun accordo di pace, le due sponde dello Stretto di Taiwan sono ancora in stato di guerra. Eppure, nel 1949, il PCC ottenne il controllo della Cina continentale e fondò la Repubblica Popolare Cinese (RPC), costringendo la leadership del KMT della Repubblica Cinese a ritirarsi a Taiwan. Quindi, il PCC si sente il vincitore finale della guerra civile e, di conseguenza, è convinto che dovrebbe rappresentare lo sviluppo delle forze produttive avanzate della Cina, la cultura cinese e gli interessi fondamentali del popolo cinese. Come dice un vecchio proverbio cinese: "La legittimità appartiene al vincitore. I perdenti hanno sempre torto". Secondo il PCC, i vincitori hanno il diritto di interpretare la storia, il presente e il futuro, ma il corso della storia tende a rompere questo paradigma… (di Anna Mahjar-Barducci*)

Wiam M. Shalhout, Alto Rappresentante dell'Autorità Palestinese: Le nostre sei richieste al Presidente americano Biden

Ramallah. L'Autorità palestinese si sta preparando alla visita del Presidente americano Joe Biden nella regione, prevista per il prossimo 13 luglio. Biden si fermerà prima in Israele e nei Territori palestinesi per poi procedere il viaggio verso l'Arabia Saudita, dove parteciperà al summit GCC+3, dove incontrerà i leader del Gulf Cooperation Council (Arabia Saudita, Kuwait, Emirati Arabi, Qatar, Bahrain e Oman), di Egitto, Giordania e Iraq. di Anna Mahjar-Barducci

Cosa c'è in un nome? Gli 'Stati Uniti d'America' ​​in cinese: da paese ‘bello’ a quello ‘brutto'

La scrittura per riferirsi agli "Stati Uniti d'America" è cambiata più volte nel corso della storia cinese. In cinese mandarino, il nome completo degli "Stati Uniti d'America" è "Mei Li Jian He Zhong Guo" "Mei Li Jian" ("美利坚") è la traslitterazione delle sillabe "Ame-ri-ca", mentre " He Zhong Guo" (合众国) è la traduzione cinese della frase "Stati Uniti". Tuttavia, il termine comune usato per riferirsi agli Stati Uniti è la sua forma abbreviata: "美"("Mei")+ "国"("Guo"). Letteralmente "美" ("Mei") significa "bello", mentre "国" ("Guo") significa "paese" o "Stato". Quindi, 美国 ("Mei Guo") può essere inteso casualmente come "bel paese" o come "splendido stato". Vale la pena notare che i caratteri che formano la parola completa di "America", "Mei Li Jian" ("美利坚), significano letteralmente "bello" (美), "profitto" (利) e "resistenza" (坚). di Anna Mahjar-Barducci (da Memri)

Mosca aumenta la sua presenza nella regione del Sahel – A danno della Francia: il caso del Burkina Faso

La Russia sta cercando di aumentare la sua influenza nella regione del Sahel, cercando di sfruttare il sentimento anti-francese che si sta sviluppando nell'area. Dopo aver consolidato le sue relazioni con il governo del Mali, la Russia sta ora corteggiando il nuovo potere in Burkina Faso. A seguito del recente colpo di stato del 24 gennaio 2022, diversi sostenitori del tenente colonnello Paul Henri Sandaogo Damiba, presidente ad interim del Paese, hanno già chiesto di rafforzare la cooperazione con la Russia e di rompere la partnership del Paese con la Francia… di Anna Mahjar-Barducci* (da Memri)

Ecco una breve rassegna dell'influenza della Russia sul Mali - a scapito della Francia

Il 2 marzo 2022, l'Assemblea generale delle Nazioni Unite (UNGA) ha approvato una risoluzione che condanna l'invasione russa dell'Ucraina. Il Mali è stato tra i 17 paesi africani che si sono astenuti dal voto (28 paesi africani hanno votato a favore della risoluzione, nessun voto è stato registrato da otto paesi e uno ha votato contro la risoluzione). Ultimamente, il governo del Mali ha avuto buone e confortevoli relazioni con la Russia. Il Paese è ora guidato dal leader della giunta militare colonnello Assimi Goita, un ufficiale militare che presta servizio come presidente ad interim dal colpo di stato del maggio 2021, il secondo colpo di stato del genere in nove mesi, da lui guidato… di Anna Mahjar-Barducci* (da Memri)

Ucraina: dietro l’aggressione. Mancato Ordine Mondiale, dittature, debolezze occidentali. Conversazione di Giuseppe Rippa con Luigi O. Rintallo

Quando il presidente russo Putin ha aggredito l’Ucraina, in una guerra che non si deve chiamare guerra, nonostante le migliaia di morti, ma operazione militare, ha affermato che a seguito di una richiesta di assistenza da parte delle "autorità" di Donetsk e Lugansk, la Russia "cercherà la smilitarizzazione e la denazificazione dell'Ucraina" e "premerà per assicurare alla giustizia coloro che hanno commesso numerosi sanguinosi crimini contro civili pacifici, compresi cittadini russi”. Alla luce del massacro ancora in corso sul popolo ucraino la cosa appare addirittura incredibile…  Ma è evidente che al di là della inaccettabile aggressione dalle conseguenze tremende esistono antefatti che l’hanno determinata.… Di questi antefatti e della attuale situazione discute Giuseppe Rippa, direttore di Quaderni Radicali e Agenzia Radicale, con Luigi O. Rintallo, redattore storico della rivista e della agenzia…

Appello del clero della Chiesa ortodossa russa per la riconciliazione e la fine della guerra

Che un gruppo significativo di sacerdoti e diaconi della Chiesa ortodossa russa abbiano promosso un appello per la riconciliazione e la fine della guerra è un fatto di notevole rilevanza. Infatti Kirill (Cirillo I), il patriarca di Mosca e di tutte le Russie, è finito nel mirino per il suo silenzio a fronte dell'invasione dell'Ucraina da parte della Russia (Il Giorno 5 marzo 2022). Il fatto che negli ultimi giorni si sono moltiplicate anche all'interno della stessa chiesa ortodossa russa, della quale il primate è il primo punto di riferimento, le iniziative di critica aperta all'azione militare ha un valore grandissimo. L’Appello è un tentativo di convincere il patriarca a muoversi in prima persona - con una dichiarazione o un gesto simbolico. per cercare di "bloccare" Vladimir Putin. Kirill I, al momento, resta in silenzio. Nessuna parola esplicita contro l’attacco, anzi, il contrario...!!!

Di seguito l’appello con i primi firmatari del clero ortodosso russo…

L'intervista del quotidiano liberale russo Novaya Gazeta ai genitori di due soldati fa luce sul trattamento delle reclute da parte dell'esercito russo

Il 28 febbraio 2022 il quotidiano liberale Novaya Gazeta, curato dal premio Nobel per la pace Dmitry Muratov, ha pubblicato un articolo intitolato "Mamma, ti amo, se c'è un avviso funebre, non crederci subito" basato su interviste a due Donne russe, il cui figlio e nipote erano MIA in Ucraina. Dall'intervista emerge come i giovani russi siano ingannati o costretti a arruolarsi come soldati professionisti … e sono costretti a dare contributi all'esercito e persino a pagare le loro divise… Di seguito l'articolo della corrispondente speciale del giornale Irina Tumakova "Non siamo a conoscenza delle effettive perdite subite dall'esercito russo in Ucraina - scrive - . Numerose fonti citano numeri diversi, ma sono tutti terribili e non ci sono conferme o smentite da parte del ministero della Difesa russo. E non è passata nemmeno una settimana  dall'inizio dell'"operazione speciale”. L’articolo è stato pubblicato in inglese dal sito del Memri.