Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

17/07/18 ore

ESTERI

Siria, la generazione quasi perduta

La Siria rischia di perdere un’intera generazione di figli. Sono loro le prime vittime del conflitto: i bambini che hanno smarrito irreparabilmente il senso della dignità a causa di traumi psicologici, fisici, psicoaffettivi. Sono stati catapultati lontano anni luce da quella che era la loro vita e nel tragitto si è consumata in infiniti casi anche la speranza per il futuro. di Francesca Pisano

L'emergenza Somalia si sente in Kenia

Il gruppo terrorista affiliato di Al Qaeda vendica così il supporto militare che il Kenya ha fornito sin dall’Ottobre 2011 al governo della Somalia, per liberare la parte sud del Paese dalla presenza di frange estremiste nell’area. “Un’intromissione” che non è stata mai tollerata e che rappresenta oggi una questione irrisolta. di Francesca Pisano

Siria, Domenico Quirico è tornato a casa

Il giornalista della Stampa di cui si erano perse le tracce in Siria circa 5 mesi fa è libero. E' atterrato a Roma con un volo speciale dopo la mezzanotte e come prima cosa ha detto di aver avuto paura e di non essere stato trattato bene.

Islanda, che fine ha fatto la Costituzione 2.0?

L’Islanda è stato il primo paese al mondo a riscrivere la propria Costituzione in modo partecipativo, attraverso l’impiego di Internet e dei social network. Un esperimento che ha solleticato la fantasia di milioni di internauti. Eppure le cose, nonostante l’entusiasmo iniziale, non sembrano essere andate tutte per il verso giusto. di Ermes Antonucci

Siria, Bonino: "No alla soluzione militare"

Dopo due anni di strage e migliaia di civili morti, il probabile uso di armi chimiche in Siria da parte del regime di Assad pare essere la goccia che ha fatto traboccare il vaso della pazienza nella comunità internazionale. Francia, Regno Unito e Stati Uniti si sono dichiarati pronti ad un intervento militare anche senza il via libera del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ma la posizione italiana, nonostante la “ferma condanna” di un “crimine inaccettabile” espressa dal premier Enrico Letta davanti al primo ministro David Cameron, rimane ferma.

Egitto, morti e violenze: è guerra civile

E' guerra civile in Egitto. Nel 'venerdì della collera', il giorno della rabbiosa rivolta indetta dai Fratelli Musulmani, sale la conta dei morti iniziata lo scorso mercoledì, quando l'esercito è stato autorizzato a reprimere brutalmente i manifestanti che dal 3 luglio scorso avevano dato vita a dei sit-in per chiedere il reintegro di Morsi.

New York Times, le notizie viaggiano online a pagamento

Nel secondo trimestre dell’anno la New York Times Company, la società editrice dell’omonimo quotidiano newyorkese, è tornata in attivo grazie al forte aumento degli abbonamenti digitali (+40%), ora a quota 738mila. Si tratta di una notizia molto importante e che conferma ancora una volta quale sia tra i principali soggetti informativi mondiali la tendenza comune (e forse risolutiva) nell’affrontare la grave crisi del settore editoriale: far pagare le notizie online. di Ermes Antonucci

Caso Shalabayeva, Emma Bonino racconta

“Se proprio devo essere sincera, da quel 31 maggio io non ho dormito una notte” confessa davanti alle commissioni riunite Esteri e Diritti umani del Senato la titolare della Farnesina, Emma Bonino. La ministra, nel corso dell'audizione sul caso di Alma Shalabayeva - moglie del dissidente kazako, espulsa dall'Italia il 29 maggio scorso con la figlia di sei anni -, ha riferito sulla spinosa vicenda “con la serenità di chi non ha lesinato alcuno sforzo, con la sensibilità di chi, per passione e attività politica, ha fatto della tutela dei diritti umani la ragione di un'intera esistenza”.

 

Shalabayeva, la figlia Madina ringrazia Bonino  

Comunicazioni al Senato sul caso Shalabayeva del ministro Bonino (testo integrale)

Shalabayeva, la figlia Madina ringrazia Bonino

"Desidero ringraziare il Ministero degli Affari Esteri italiano per gli sforzi che ha fatto, e che continua a fare, nell''interesse di mia madre e mia sorella e sono anche consapevole dell''impegno personale del ministro Bonino, certa che sta facendo il possibile per trovare una soluzione diplomatica per il rientro di mia madre e di mia sorella''.

Caso Ablyazov, Bonino: punti oscuri ancora da chiarire

“Per quello che seguo in solitario e con grande attività dal 1° giugno, di fronte a istituzioni del Paese che continuavano a ripetere che era tutto regolare, la mia preoccupazione è stata difendere questa signora (Shalabayeva, ndr)”.

Caso Shalabayeva, Bonino seppe a frittata fatta

"Il 2 giugno, durante la Festa della Repubblica, dissi ad Alfano di seguire il caso Kazakistan di persona". In due colloqui con Repubblica e Messaggero, il ministro degli Esteri Emma Bonino racconta di aver informato il ministro dell'Interno e il premier Enrico Letta della vicenda Shalabayeva una volta venutane a conoscenza, il 31 maggio, quando la donna era già in Kazakistan.