Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

16/12/19 ore

LIBRI

Poeti sociali di Vincenzo Rosito

Partendo dalla critica alla società moderna, al consumismo sfrenato, ma anche all’eccessiva competitività, al neoliberismo e perfino alla gentrificazione (ovvero la riqualificazione dei quartieri popolari, attraverso la costruzione di edifici di pregio e il trasferimento di persone più agiate, con il conseguente aumento dei prezzi), Vincenzo Rosito in “Poeti sociali” pubblicato dalle Edizioni Dehoniane, analizza i discorsi che Papa Bergoglio ha dedicato negli ultimi anni ai movimenti popolari. di Elena Lattes

Giovanni Pennacchio – La vita di un compositore all’ombra di Leoncavallo di Paola Chillemi

Nato a Napoli nell’aprile del 1878 e rimasto orfano molto piccolo, Giovanni Pennacchio, insieme a suo fratello, venne affidato dalla madre al Conservatorio di Santa Maria della Pietà presso il Convento dei Padri Celestini di San Pietro a Majellache ospitava i bambini in difficoltà economiche. Fu una fortuna, paradossalmente, per il piccolo Giovanni che in questo modo ebbe la possibilità di ricevere un’ottima educazione musicale. di Elena Lattes

Identità Italiana di Anna Mahjar-Barducci. Una ricerca di equilibrio fra società solida e liquida

L'ultimo libro di Anna Mahjar-Barducci, "Identità Italiana" (Ed. Melagrana), è una collezione di poesie politiche, che fotografano con pochi versi minimalisti un'Italia in mutamento. La raccolta di poesie di Anna evidenziano in particolare il conflitto interiore dell'uomo, che si ritrova spaesato nel passaggio dall'era moderna all'era postmoderna. O meglio, parafrasando Zygmunt Bauman, nel passaggio dalla società solida a quella liquida, in cui l'identità si dissolve.

La rivoluzione di Roberto Fiorentini

Avraham Mocada è un poco più che quarantenne, ma con una grande esperienza nell’affrontare casi difficili. Già protagonista del primo romanzo di Roberto Fiorentini, “Le Chaijm” recensito per questa testata nel 2015, lo ritroviamo, profondamente cambiato, nel secondo romanzo dello stesso autore e sempre pubblicato dalla casa editrice Graphofeel, “La rivoluzione”, ambientato 20 anni dopo. di Elena Lattes

La Straniera, di Claudia Durastanti. Un memoir su diversità fisica, culturale e sociale

Claudia Durastanti, nata Brooklyn nel 1984, nel libro La Straniera (La nave di Teseo), tra i finalisti del Premio Strega 2019, ci racconta la storia della sua famiglia ponendone al centro la figura di sua madre e arricchendo il racconto con riflessioni ad ampio raggio su diversità fisica, culturale e sociale. di Giovanna D’Arbitrio

Lo sconosciuto di Irène Némirovsky

Due fratelli, entrambi soldati che tornano al fronte dopo una breve licenza per poter partecipare al matrimonio della sorella, si incontrano nel 1940 in una stazione ferroviaria francese affollatissima di profughi, feriti, personale medico, mamme con bambini e donne in procinto di partorire. Hanno prestato servizio in posti diversi: il maggiore, dall’aria inquieta, si è trovato nelle trincee sulla linea Maginot corpo a corpo con il nemico. Ha visto morire i propri compagni ed è stato costretto ad uccidere un tedesco con le sue mani. di Elena Lattes