Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

27/05/24 ore

Tra proteste e risentimento contro il Covid, la Cina naviga in acque inesplorate



di Francesco Sisci 

(da Settimana NEWS)

 

Il 29 novembre, alla conferenza stampa bisettimanale delle 15:00, il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian non sapeva cosa dire del blocco e delle proteste in molte città. Molto probabilmente non era a corto di parole ma non aveva indicazioni rilevanti.

 

Cioè, la leadership cinese non sapeva cosa dire o fare sui contestati lockdown, una cosa fondamentale che da quasi tre anni privava i cinesi della libertà fondamentale di fare una passeggiata e di viaggiare in un'altra città o all’estero.

 

Poche ore dopo era pronta una risposta pratica, anche se non annunciata con tante parole. Ci sarebbero meno test PCR, più quarantena domestica, più vaccinazioni per anziani, più presenza della polizia e più controllo su Internet. Niente di conclusivo di per sé, ma insieme potrebbero porre fine alle rimostranze a breve termine.

 

La rapidità delle decisioni sottolinea che non ci sono divisioni tra i vertici.

 

Il giorno dopo, il 30 novembre, è deceduto l'ex presidente Jiang Zemin. È stato scelto come capo del partito e capo di Stato all'indomani di Tiananmen.

 

Nel 1976 e nel 1989, la morte del premier Zhou Enlai e dell'ex capo del partito Hu Yaobang ha scatenato due ondate di proteste poi represse. Ma poi, in entrambi i casi, la leadership è stata divisa. Nel 1976, Mao era molto malato e i vecchi lealisti del partito, come Ye Jianying e Wang Dongxing, erano in lizza per il potere contro la "Banda dei Quattro”.

 

Nel 1989, il segretario del partito Zhao Ziyang era con gli studenti, il premier Li Peng era contro di loro e Deng Xiaoping, il leader supremo, era una via di mezzo.

 

Jiang è stato portato al potere dalle proteste di Tiananmen ed è morto con le proteste per il Covid. Si è concluso un ciclo di 33 anni. Ora con lui morto e il suo successore Hu Jintao apparentemente colpito dal morbo di Parkinson, non c'è nessun importante leader anziano che possa unire l'opposizione al presidente Xi Jinping.

 

Inoltre, il Politburo è pieno di suoi lealisti e Xi è più potente che mai nonostante i manifestanti, il che significa che le decisioni possono essere prese rapidamente. Questo, a sua volta, può portare un altro argomento a favore della concentrazione del potere nei momenti di bisogno.

 

Pechino ha così guadagnato un po' di tempo, ma restano interrogativi a lungo termine.

 

La Cina non può andare avanti all'infinito con l'epidemia di Covid ora che la popolazione cinese si è pienamente resa conto che è finita nel resto del mondo. Pechino ha bisogno di una strategia di uscita dal Covid. Cosa sarà e quando verrà consegnato?

 

Inoltre, la differenza tra la Cina che sta ancora combattendo il Covid e la fine del Covid fuori dalla Cina ha creato una frattura nella fiducia popolare tra il governo e il popolo. La fiducia popolare nel governo era solida all'inizio del 2020; all'inizio dell'epidemia, ora è apparentemente molto più debole.

 

La questione è come il governo risolverà questa crepa di credibilità.

 

Dopo la repressione del 1989, il governo stabilì un nuovo contratto sociale con i manifestanti: potevano arricchirsi come volevano, ma in cambio non mettevano il naso in politica.

 

Ora il governo ha bisogno di qualcosa di simile dopo essere uscito dal Covid. Non è chiaro quando la Cina uscirà dall'epidemia e cosa offrirà alla sua gente per riconquistare la fiducia e la credibilità interna.

 

Nel frattempo, se Pechino mantiene il blocco, un miliardo di persone si stuferà ancora di più del governo, con o senza proteste. Se lo sollevano, milioni potrebbero morire nell'ondata di Covid e milioni odieranno il governo causando loro la perdita di parenti. Se iniziano una massiccia campagna di vaccinazione, dopo aver detto per due anni che i vaccini possono essere pericolosi per gli anziani, molti non si adegueranno.

 

In questa situazione, la solita risposta è buttare giù il barattolo e trovare alcune soluzioni parziali, perché misure radicali non garantiranno risultati positivi. Inoltre, se le persone sono stufe, possono essere placate in seguito; se odiano il governo, la pacificazione potrebbe essere più difficile.

 

Quindi, con queste misure parziali e con un coperchio sulle proteste, un persistente risentimento e una parallela tensione ufficiale potrebbero andare avanti per settimane o addirittura mesi fino alla primavera, quando le temperature più calde faranno recedere il virus e il governo potrebbe tranquillamente fermare i blocchi.

 

Ma tre o quattro mesi potrebbero essere lunghi e molte cose potrebbero andare storte. Pertanto, è probabile che Pechino stia molto attenta.

 

Nel frattempo, sarà importante guardare alla situazione internazionale. Se la Russia si arrende o gli ayatollah iraniani vengono rovesciati, ciò potrebbe scuotere la determinazione della leadership cinese. Se Russia e Iran reggono, Pechino avrà un motivo in più per aspettare e vedere.

 

La Cina sta navigando in acque inesplorate e non c'è una chiara strada da percorrere. In queste circostanze la prima regola pratica potrebbe essere quella di cercare di non far oscillare la barca almeno fino alla primavera.

 

(da Settimana NEWS)

 

 


Aggiungi commento