Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

27/05/19 ore

L'Arabia Saudita verso il blocco di WhatsApp



Prima Viber, ora WhatsApp. Il governo dell'Arabia Saudita sta valutando la sospensione della popolare applicazione di messaggistica prima del Ramadam, dopo aver bloccato la scorsa settimana il popolare servizio di voce e messaggi via internet.

 

La Commissione per le telecomunicazioni e l'Informazione tecnologica di Riad sostiene infatti di non riuscire a controllare il traffico sulle piattaforme di messaggi istantanei secondo gli accordi nazionali: la legge, infatti, prevede che WhatsApp, attraverso un server locale, consenta alle agenzie governative di accedere ai server che monitorano costantemente tutte le attività degli utenti per individuare in anticipo possibili minacce per la sicurezza nazionale.

 

“Abbiamo dato loro una settimana per rispettare le norme e abbiamo cercato di comunicare con loro da marzo senza alcun risultato – spiegano dalla CITC – Pertanto, questo non ci ha lasciato altra scelta che bloccare questi servizi, a cominciare da Viber”.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna