Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

22/03/19 ore

Nozze gay, Francia: niente obiezione di coscienza per i sindaci



Niente “clausola di coscienza” per i sindaci che si oppongono alle nozze gay: è quanto stabilito dal Consiglio costituzionale francese, a cui si erano rivolti proprio alcuni primi cittadini per chiedere di appurare se fosse conforme o meno alla Costituzione l'assenza nella legge del 18 maggio 2013, di disposizioni che garantiscano la libertà di coscienza dei funzionari dello stato civile contrari al matrimonio omosessuale.

 

I giudici hanno dichiarato che i sindaci non possono appellarsi alle proprie credenze morali e religiose nello svolgere la celebrazione delle nozze: non prevedendo alcuna clausola di coscienza al momento del voto della norma – spiegano i 'saggi' – il legislatore ha inteso assicurare l'applicazione della legge da parte dei suoi agenti e garantire così il buon funzionamento e la neutralità del servizio pubblico dello stato civile”.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna