Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

20/09/19 ore

Le piattaforme digitali italiane tra normativa e sviluppo


  • Stefano Delle Cave

Con lo sviluppo delle piattaforme online si è reso sempre più necessario, per il nostro paese, affrontare la definizione di una nuova normativa su questa forma di distribuzione cinematografica  visto che la legislazione italiana è molto arretrata in materia.

 

“Bisogna innanzitutto rivedere ed attualizzare  la legge 633 del 1941 in tema di diritto d'autore  in  considerazione del proliferare dei nuovi media ed ampliare la la normativa emanata dall'Agcom (Autorità per le garanzie delle comunicazioni)  per facilitare la vendita dei diritti audiovisivi sui nuovi mezzi di comunicazione  poiché essa rappresenta una regolamentazione fondamentale  per le piattaforme emergenti”, ha affermato Valeria Savarese, responsabile affari legali di Telecom Italia Media in un’intervista a Luciana Maci sul Corriere delle Comunicazioni.

 

Un 'altro problema fondamentale  è la scarsa considerazione per i cambiamenti introdotti dai siti online che ancora sono considerati uguali a gli altri mezzi di comunicazione quando le nuvoe piattaforme garantiscono potenzialità maggiori.

 

“Ci sarà così  la possibilità  di poter  distribuire on line i film dopo tre o quattr mesi dall'uscita nelle sale cinematografiche assimilandoli alle logiche di distribuzione dell'home video…“ - ha continuato la Savarese - “ Si creerebbe   dunque un  sistema che  allargherebbe molto il mercato del nostro cinema  introducendovi tutti i  produttori e distributori del  cinema d'autore  fin 'ora poco presente nei multiplex”.

 

Proprio per questo motivo  L' Anica (Associazione nazionale delle industrie cinematografiche audiovisive  e multimediali) sta lavorando alla costruzione di una nuovo portale online di video on-demand che a brevissimo sarà lanciato in rete in beta testing (il collaudo di un software non ancora pubblicato), per poi diventare operativo ufficialmente dalla seconda metà di febbraio nonostante le difficoltà avute per  i problemi legislativi già descritti sopratutto in casi di film di 15-20 anni fa, per cui l'on-demand non era stato neanche lontanamente immaginato.

 

È questo un primo passo  importante per la revisione di un  modello di consumo sempre più incentrato sulla violazione del copyright dovuta al download o allo streaming illegale e la creazione di un’offerta legale alternativa e adeguata.

 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna