Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

23/11/20 ore

Le potenzialità dell'animazione e della Computer Graphics



Recentemente Chris Perry, ex direttore tecnico della Pixar , è intervenuto sulla questione delle potenzialità ancora inespresse dal settore  dell'animazione e della Computer Graphics. “I film in computer animation sono stati relegati a uno status di genere e raccontano sempre tipi di storie molto simili: commedie per tutti, con momenti di azione , con l'immancabile lieto fine, con pochissime donne e persone di colore e così via” -  ha affermato Perry - “ … l'animazione computerizzata è infinitamente mutevole  ma il pubblico continua a non vedere altro che cartoni da centinaia di milioni di dollari”.

 

 

Il 96%  dei film d'animazione viene infatti  segnalato come G o PG (adatto cioè a tutti gli spettatori e “minori di 10 anni accompagnati”),  il più “adulto” è Beowulf di Robert Zemeckis del 2007, l’unico lavoro bollato come PG13 (minori di 13 anni accompagnati). Ciò significa che la possibilità di potere trasmettere la stragrande maggioranza di questi film per pubblico allargato garantisce enormi incassi necessari per un genere che in media costa 135 milioni a film. Un mercato molto ricco dominato ovviamente dalla Disney che sta cercando di allargarlo anche alla rete.

 

Attualmente il colosso hollywoodiano ha chiuso il suo sito di noleggio e distribuzione americano mantenendo tuttavia attivi i suoi contenuti da Itunes e Media player ma spostando il suo portale sulla rete Europea grazie a Disney Movies on Demand, il nuovo servizio che  verrà lanciato in partnership con l’operatore  spagnolo Wuaki.tv. Una strategia distributiva che segue la strada già intrapresa con l'operatore portoghese Zon ma che in realtà non significa l'abbandono del mercato statunitense in quanto è probabile la creazione di una piattaforma disneyana con il nuovo sistema di streaming  Ultraviolet.

 

Tuttavia la pressione del mercato sul cinema d'animazione  e della Computer Graphics  può essere superata,  ha spiegato Perry, innanzitutto abbassando i costi grazie alle nuove tecnologie come i nuovi rendering, la funzione del software di montaggio che permette di trasformare le clip nel formato definitivo,  introdotti dai videogame.

 

 A ciò si deve aggiungere l'investimento sui giovani  talenti per la creazione di un nuovo cinema di animazione indipendente che Perry si propone di realizzare con la fondazione della nuova  casa di produzione Bit Films.

 

Stefano Delle Cave


Commenti   

 
0 #1 Cindy 2020-06-29 00:31
Well done and written.
I've only just begun blogging myself in the ast
few days and realized many blogs merely rehash
old content but add very little of value. It's
fantastic to rsad a useful article of sme genuine vaue to mysdlf and your other followers.

It is on my list of details I need to replicate as a new blogger.

Audience engagement andd content quality are king.

Many great suggestions; you've unquestionably made it on my list of people
to watch!

Continue the great work!
Congratulations,
Beryle

Here is my web blog ... Www.roovet.com/articles/User:BrittnyYty (http://assitedlivingbytutera.com/__media__/js/netsoltrademark.php?d=www.roovet.com%2Farticles%2FUser%3ABrittnyYty: http://assitedlivingbytutera.com/__media__/js/netsoltrademark.php?d=www.roovet.com%2Farticles%2FUser%3ABrittnyYty)
Citazione
 

Aggiungi commento