Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

08/04/20 ore

Anche la cultura in crisi economica, i riflessi nell’industria del cinema


  • Stefano Delle Cave

In Italia il ruolo dell'industria culturale è fortemente  marginalizzato e sottovalutato nonostante l'immane patrimonio di beni culturali del paese. A ciò si aggiunge il fatto che questo tipo di industria non  ha una grande domanda interna in quanto fortemente legata al reddito degli italiani risultando perciò con l'attuale crisi un bene di lusso.

 

Se infatti si considera il rapporto tra addetti nel settore culturale e occupati totali, ci si rende conto che la media (2,2%) è superata in modo significativo solo nel Lazio, che si attesta sul 4,4% e in Lombardia che è al 2,7 per cento. Ci sono poi regioni come la Valle d'Aosta e il Piemonte che si situano a ridosso della media (2,3% la prima, 2 il secondo), mentre le altre regioni sono tutte al di sotto, con Abruzzo e Basilicata al minimo (rispettivamente, 1,4 e 1,3%).

 

Uno degli effetti visibili di questa recessione è stata negli ultimi giorni la messa in vendita del circuito di sale cinematografiche The Space Cinema. Alessandro Benetton, il maggior azionista della società, ha deciso infatti di vendere la propria quota (pari al 51 per cento) ai soggetti potenzialmente interessati quali fondi di private equity ed operatori del settore, come la francese Pathé, una delle principali imprese di cinema in Europa che vanta un giro d'affari superiore a 800 milioni di euro e circa 4 mila dipendenti, la Universal Pictures Italia e Uci Cinemas che è il primo esercente cinematografico italiano.

 

Se ne va dunque  un pezzo d'industria del nostro paese che vanta una quota di mercato superiore al 20 per cento nei multiplex e sale cinematografiche spalmata su  347 schermi e ben 34 strutture, dove  al fianco della classica proposta cinematografica, offre  anche eventi musicali, teatrali e sportivi.

 

Ne basta ad invertire questa tendenza la recente apertura del governo verso l'Agis (Associazione Generale dello Spettacolo). Di qui ad esempio il caso del comune di Roma ha ridotto  dal 10,6 al 7,6 per mille le aliquote Iva per quanto riguarda  l'Imu di cinema e teatri.

 


 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna