Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

25/09/18 ore

Dalle spie di Gerico all’operativa Dalila, gli 007 nella Bibbia e nell’impero assiro



di Silvia Lanzani

 

La prima citazione che si trova nella Bibbia relativa alle spie è il termine 'meragghelim': in Genesi 42,9 indica i ricognitori, coloro che vanno a piedi e perciò conoscono perché vengono dalla strada. Nello spazio accidentato del Medio Oriente, sono gli orecchi dei re e la forza degli Stati, perché al momento giusto passano informazioni e possono capovolgere battaglie.

 

Storie e volti che dalle tavolette d'argilla e dai testi canonici tornano a parlare nel libro di Alessia Fassone e Nathan Morello, 'Spionaggio biblico e nell'impero assiro' (Nuova Argos, pp. 237, euro 10), narrando strategie politiche e militari analizzate nell'Antico Testamento e nell'Impero assiro.

 

Notizie di attività intelligence e pagine di autentico controspionaggio, senza farsi mancare trame di corti reali e carne vendute di genti del popolo, sorrisi di regine e prostitute, uomini e donne nate spie o diventate tali per destino o necessità storiche, danzando tra regicidi e ribellioni, Apiru (uomini della polvere) e cittadini di Ugarit, valzer di alleanze e labirinti di civilta' che parlano accadico e aramaico.

 

La Bibbia - spiega il testo - ha sempre il sapore di radice, tanto del passato quanto del futuro, ma è anche uno spaccato di umanità dove trova nobile spazio anche il mestiere più antico del mondo, quello delle spie.

 

Perché - era la lezione di Sun Tzu - non c'è circostanza in cui lo spionaggio non sia usato. Il lettore si trova cosi catapultato nell'invio dei dodici ricognitori da parte di Mose' in terra di Canaan prima dell'arrivo nella Terra Promessa (Numeri 13-14) o nella spedizione di due spie da parte di Giosué, a Gerico (Giosué 2); ma va annoverato anche il colloquio di Giuseppe con i fratelli alla corte del re d'Egitto (Gn 42,9-10), la manovra di Dalila per annullare la forza di Sansone (Giudici 14), l'eroica azione di Giuditta (Giuditta 8-13) e molte altre ancora. 

 


 

Nell'episodio dell'esplorazione di Gerico, ha un ruolo chiave Rahab, la locandiera che probabilmente era anche una prostituta. Una sistemazione perfetta, quel luogo, per raccogliere informazioni dai viandanti e forestieri. La donna chiede protezione per sé e per la propria famiglia in cambio di informazioni e aiuta i due uomini a fuggire dalla casa, calandoli con una corda fuori dalla finestra. Come nei film di 007, ma millenni prima. 

 

Degna del miglior 'fare mestiere' anche 'l'operativa' Dalila, la filistea che riesce a far confessare a Sansone il segreto della sua forza e che in cambio di questa precisa informazione riceve denaro. Un bel paragrafo del pamphlet, intitolato 'Mata Hari nel mondo biblico' presenta proprio le storie di Rahab ma anche quella di Jael, moglie di Hebel il Keneo, e di Debora, l'unica donna tra i Giudici d'Israele che combatte per l'affermazione del suo popolo alla testa di una divisione dell'esercito israelita.

 

Grazie ai consigli dei ricognitori, individua un ideale campo di battaglia nei pressi di Megiddo dove i terribili carri da guerra di Hatzor non possono manovrare agilmente. Nella particolare topologia si incontra poi Giuditta, la ricca vedova che vive nel villaggio di Betulia, strategico per la conquista di Gerusalemme , ma tutti da leggere anche i segreti nella rivolta dei Maccabei. In queste pagine l'utilizzo degli informatori si rivela determinante. 

 


 

Da non perdere, nella trattazione dello spionaggio assiro, Sennacherib che scrive al suo re (le notizie sono merce preziosa anche nel mese di Ululu), il ruolo della diplomazia (la sua lingua e' l'aramaico) e i soldati ricognitori ('dayyalu', nelle fonti assire) ma soprattutto l'intelligence che si fa sistema perché unisce due elementi decisivi: la qualità delle informazioni e la qualità delle stesse.  La 'massartu', o vigilanza, resta la chiave del successo.

 

Non a caso anche gli egizi parlavano di 'neceirumes', colui che sa guardare e prevenire. E vale la lezione di sempre: pià che leggere interiora di pollo, occorre decodificare scenari. Prima di passare all'azione. È cosi che gli 'agenti' dei millenni passati hanno centrato il bersaglio. 

 


 

 

 

 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna