Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

25/06/24 ore

Grillo, la controfigura del fallimento di regime


  • Luigi O. Rintallo

Le agenzie danno molto spazio all’ “attacco di Grillo a Napolitano”. Nei titoli ne evidenziano la scortesia, che a dire il vero è meno evidente nella lettura dei contenuti che, anziché sull’età avanzata, insistono sulla parzialità del Quirinale.

 

Ma il punto è che la carica di Grillo si spiega più che con la critica – del tutto legittima in democrazia – al capo dello Stato, con la necessità di alzare il tiro per nascondere un vuoto: quello dell’iniziativa del suo movimento.

 

Ad oggi, gli eletti del M5S non sono riusciti a concretizzare nessuna azione davvero significativa, agitandosi in un vacuo ribellismo che pare davvero l’altra faccia del declino della politica.

 

Anche ora, la gestualità eccessiva dell’ex comico, le sue sparate e provocazioni dimostrano soltanto di essere la controfigura del fallimento di regime nel quale ci dibattiamo. E confermano di non essere in grado, pur avendo conquistato un terzo dei consensi, di fornire gli elementi per una transizione possibile.

 

Non riesce nemmeno a prefigurarsi come alternativa anti-europea, visto che si affida caparbiamente alla “rete”, che in quanto a rappresentatività è inferiore perfino alla scheletricità cui è ridotta una partitocrazia oramai in affanno da decenni.


Aggiungi commento