Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

28/03/17 ore

Parlamento e governo


  • Silvio Pergameno

I momenti di crisi politica profonda, quelli nei quali equilibri consolidati vengono meno e faticosamente, tra lotte e scontri e alleanze più o meno variabili, si dovrebbe tentare di costruire le basi di un futuro nuovo presentano ovviamente difficoltà che non solo si fa fatica ad affrontare, con rischi di gravità imponderabile, ma prima di tutto a capire.

 

Non dimentichiamo belle époque, quasi mezzo secolo di pace, di progresso economico, tecnico, scientifico, sociale e di costruzione del nuovo panorama politico nel quale entravano le masse e insieme scapigliata… e non meno frou frou. La generazione che ne aveva vissuto almeno gli ultimi anni la ricordava con nostalgia come un’epoca spensierata e felice, ma essa crollò all’improvviso,  si chiuse con i pochi colpi di pistola di Serajevo, precipitando il mondo nei più terribili massacri della storia.

 

I sintomi di un disfacimento profondo non mancavano. Il mondo delle arti, soprattutto, registrava – in opere sublimi - un clima di ripiegamento interiore, di decomposizione della realtà, di fughe dalle responsabilità e di ribellismi che non portavano da nessuna parte… o meglio portavano allo stravolgimento dell’idea di nazione da prodotto storico-sociale che si era fatta veicolo delle libertà e della democrazia liberale a erede delle fierissime rivalità fra gli stati che avevano caratterizzato l’epoca moderna, a sostegno delle politiche di conquista e di guerra.

 

Le vittime più illustri? La liberaldemocrazia e la socialdemocrazia, le due correnti politiche che in Europa esprimono (o dovrebbero esprimere) la tradizione laica più avanzata. E così trionfa il populismo, frutto terminale della confusione che da un secolo regna in Europa, e oggi con i russi che, alle porte, si presentano con il bastone usato in Ucraina e con il mazzo di fiori delle prospettive commerciali.

 

Perché il trionfo del populismo? Il populismo trionfa proprio nei momenti in cui mancano risposte vere ai problemi veri e così vincono le risposte banali, le risposte affrettate, le risposte di comodo.  Oppure le pseudo-risposte a pseudo-problemi.

 

Capita oggi di leggere che gli italiani sono alla ricerca dell’uomo forte; in altre parole si cerca di combattere il populismo con la diffusione della paura di un nuovo fascismo. Forse meglio si dovrebbe dire di “nuovi fascismi” o meglio ancora di democrazie arrangiate e tendenzialmente sempre di più, che, avendo la coda di paglia, subito si definiscono “antifasciste” ed “europeiste” (“sovraniste” è il fantasioso neologismo…).

 

Gli italiani, certo non tutti ma sicuramente parecchi di quelli che han votato “NO” il 4 dicembre, in realtà cercano la governabilità, che sperano sarebbe assicurata dalla presenza dell’uomo solo al comando, al posto di una rappresentanza (proporzionale), sistema ideale per favorire la frantumazione dello schieramento politico in gruppi e gruppetti, sensibili soprattutto ad assicurarsi la sopravvivenza (vedi la bagarre per la legge elettorale).

 

Solo che poi votano no al referendum costituzionale, per cancellare un tentativo (certo non smagliante) che cercava proprio governabilità, cui segue il coro fin troppo ampio di quelli che erano stati col fiato sospeso per la paura che vincesse il “SI’” e ora si affrettano a dire che la sconfitta di Renzi è definitiva, per dire che di governabilità non si parlerà più.     

 

Oggi c’è anche un gran discorso su un preteso conflitto tra governabilità e rappresentatività; che è un problema mal posto. E i successi dei “5 stelle” ne sono la prova più evidente. Le elezioni sono il meccanismo con il quale il popolo designa i suoi rappresentanti per il governo in senso lato, nel senso che lo stato si compone di tre elementi: popolo, territorio e governo, dove il “governo” significa le principali istituzioni, quanto meno potere legislativo e potere esecutivo.

 

Ora i “rappresentanti” non sono meri esecutori di un mandato (sia pur popolare), cosa che anzi la costituzione espressamente proibisce, ma persone cui viene attribuito l’esercizio di un potere, che specialmente con le funzioni diffusissime e complicatissime dello stato sociale è molto vasto. Questo potere, tra l’altro, si avvale, per esplicare le sue funzioni, di un’ampia organizzazione, che ne condiziona l’esercizio. La scarsa governabilità ha come conseguenza che le leggi prodotte dal parlamento restano inapplicate: così si diffonde la convinzione dell’impotenza della democrazia ed avanzano le soluzioni autoritarie, che nei populismi trovano la fonte del consenso.

 

POST SCRIPTUM. Mi rendo conto che torno sempre sugli stessi argomenti, ma Lenin diceva che era una necessità, per far entrare le cose nella testa di tutti.

 

 


Commenti   

 
0 #10 lemercier 2017-03-27 22:20
Offriamo prestiti personali in tutto il mondo. Ci sforziamo di creare un servizio di qualità e di alta soddisfazione del cliente, mentre i servizi finanziari sono possibili. Siamo orgogliosi del nostro impegno per i nostri clienti; Siamo in grado di fornire con prestiti personali, prestiti auto, prestiti commerciali / investimenti, prestiti a breve termine. Potete contattarci per un prestito conveniente ora ad un tasso di interesse del 2%. Contattaci subito via e-mail:
Citazione
 
 
0 #9 lemercier 2017-03-27 22:20
Buongiorno posta elettronica:
offro prestiti che vanno dal 2000€ a 15.000.000€ a chiunque può rimborsare con interessi ovunque nel mondo, per un rimborso di 1 a 30 anni. Per ogni persona interessata volete dirmi l'importo di cui avete necessità e quella durata di rimborso. posta elettronica:
Citazione
 
 
0 #8 lemercier 2017-03-27 22:19
Offerta di prestito tra privato
Lo ho messo con un prestito di 5000 € era 500.000.000 € e delle condizioni molto semplici. Faccio anche investimenti e prestiti tra privati di qualsiasi tipo. Offerta di prestito collaborazione a breve, medio e lungo termine con il mio avvocato. Non sappiamo i loro impieghi ed i nostri trasferimenti sono garantiti da una banca per la sicurezza delle transazioni. Per tutte le vostre domande proposte delle tariffe e l'allestimento dei pagamenti e sarò il vostro aiuto. Infine, per favore contattarlo con
Posta elettronica:
Citazione
 
 
0 #7 lemercier 2017-03-27 22:18
offerte di prestito tra privato, rapido ed affidabile
Sono un privato serio ed onesto che accorda prestiti di denaro che vanno da 1000€ a 30.000.000€ hanno l'ogni persona che è in sono alla ricerca di prestito di denaro per coprire una necessità, regolare un debito, effettuare un progetto, riattivare le sue attività, un'ulteriore preoccupazione. Gli chiedo che siate direttamente messi in contatto con me per posta elettronica per avere ulteriore informazione:
Citazione
 
 
0 #6 lemercier 2017-03-27 22:17
Buongiorno sig. o Sig.ra
Prestito per assegnarlo ai privati nella necessità d'aiuto di credito finanziario variabile (5000€ à 700.000€) di rimborsabile in un periodoc
(1 a 40) di anni con un tasso d'interesse molto accessibile (2%). Per il rimborso vi propongo un termine ragionevole. NB: Astenere se no
serietà poiché l'avviso è soltanto per le persone onesto che rispetteranno il termine del rimborso di questo prestito una volta che il credito
sarà assegnato appena ed onesto ed affidabile. Allora se avete necessità di prestito non esitate a contattarlo per ulteriori informazioni sulle
mie condizioni. Volete contattarlo direttamente per posta elettronica:
Citazione
 
 
0 #5 lemercier 2017-03-27 22:16
Offerta di prestito molto serio e rapido
Sono un privato che offre prestiti a l internazionale. Disponendo di un capitale che servirà ad assegnare prestiti tra privati che vanno di 3000 € a 500.000 € ad ogni persona seria essendo nelle reali necessità, il tasso d'interesse è pari al 3% su tutta la durata di rimborso. Sono disponibile a soddisfare i miei clienti in una durata massima delle 72 vedere 3 giorni a seguito della ricezione del vostro modulo di domanda. Posta elettronica:
Citazione
 
 
0 #4 ilSocialista 2017-02-07 15:27
ovviamente la uscita onorevole e controllata dallo scellerato paradigma monetarista-lib erista è propedeutico al tutto
Citazione
 
 
0 #3 ilSocialista 2017-02-07 15:10
l'alternativa è il caos primordiale distruttivo, ovvero l'ultimo stadio del liberarsi degli spiriti animali, quelli non più figurati ma letterali.
Citazione
 
 
0 #2 ilSocialista 2017-02-07 15:09
il succo del discorso è questo ed è economico-socia le come sempre nella Storia:
la globalizzazione e anche l'automazione, nella loro velleità unificatrici e progressive, hanno in realtà innescato squilibri di classe e competizioni fra nazioni come non se ne vedavano da un secolo; il progresso tecnologico e commerciale ha innescato il regresso sociale, culturale e politico; la prima cosa è prendere atto del fenomeno che di certo non è nuovo nella Storia; pi ci si deve chiedere: come se ne esce; semplice, occorre riequilibrare gli squilibri mediante delle regolazioni date da un grande governo dell'economia mondiale analogo a quello pensato ai tempi di Bretton Woods, ovviamennte rivisto secondo i tempi.
Citazione
 
 
0 #1 ilSocialista 2017-02-07 15:00
amico mio, dici bene; quando viene meno lo sforzo culturale di comprensione della realtà sulle basi razionali e sulla matrice storica, si spalanca la porta al peggio; il sonno della ragione genera sempre mostri; il fatto è che negli ultimi lustri e decenni la ragione hanno fatto di tutto per narcotizzarla volutamente; l'hanno considerata un retaggio obsoleto di fronte alle meraviglie dell'elettronic a, ai mercati telematici con cui spostare fortune all'istante, al liberarsi degli spiriti animali; si, gli spiriti animali moderni e teconolgici contrapposti alla ragione vecchia tutta carta e calamaio; su queste basi non ci si può stupire che le cose finiscano a cazzo perchè è naturale che gli spiriti animali finiscono sempre a cazzo e/o a schifio
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna