Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

18/06/19 ore

Desmond Tutu: Bush e Blair alla sbarra!


  • Andrea Spinelli Barrile

L'arcivescovo anglicano sudafricano Desmond Tutu, premio Nobel per la pace, ha chiesto tra lo stupore di molti che l'ex premier britannico Tony Blair e l'ex presidente statunitense George W. Bush vengano processati dal tribunale internazionale dell'Aja per crimini di guerra.

 

La richiesta di Tutu, giunta a margine di una conferenza in Sudafrica, che aveva come tema centrale la leadership, è giunta quando il premio Nobel avrebbe dovuto dividere il palco con l'ex premier britannico: secondo l'arcivescovo l'appoggio di Blair alla guerra in Iraq è “moralmente indifendibile” e siccome “moralità e leadership sono indivisibili”, ha tuonato Tutu, non c'era ragione per cui il sudafricano ed il britannico avrebbero dovuto dividere lo stesso palco.

 

Non si tratta di un capriccio del pittoresco arcivescovo, né tantomeno di una presa di posizione: è la dimostrazione della coerenza di un uomo, Desmond Tutu, che ha dedicato la propria esistenza alla causa dei diritti umani internazionali; sulla base di questo e “di accuse non documentate sull'esistenza di armi di distruzione di massa” che il governo Usa produsse per convincere il mondo della giustezza della guerra preventiva contro Saddam Hussein, l'arcivescovo Desmond Tutu ha preso la decisione di disertare la conferenza dopo avere “passato molte ore in ginocchio a pregare” ha commentato un suo portavoce.

 

Tant'è che il suo nome è stato rimosso dal sito internet della conferenza.

 

Le accuse dell'arcivescovo sudafricano, mosse contro Blair e Bush, rei di aver preparato “il terreno per comportarsi come bulli” destabilizzando il Medioriente più “di ogni altro conflitto nella storia”, non sono nuove alle cronache internazionali.

 

Tra i primi a sollevare la questione Marco Pannella, che dal 2003 ricorda come “l'esilio di Saddam era ormai certo ma Bush e Blair scelsero la guerra” affrettando i tempi anche grazie all'aiuto di criminali internazionali come Gheddafi: “senza il suo aiuto non sarebbe stato possibile realizzare il crimine forse maggiore dell'ultimo ventennio nel mondo e senza di lui difficilmente potremo conoscere i dettagli luridi e lerci della guerra in Iraq. Avremmo avuto bisogno, come con Saddam e come con tutti i Caino della terra, della sua vita e non della sua morte”.

 

Questo probabilmente spiega anche il processo sommario ad Hussein, l'interventismo nella rivoluzione in Libia, la morte di Gheddafi. L'omertà sulla Siria.

 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Commenti   

 
0 #1 franco 2012-09-04 21:16
IL DOMINIO DEI DEMONI BURATTINAI, DEI PARTITI-CANAGLI A BURATTINI E LORO TROMBONI SI REGGE SU INGANNO E MENZOGNA!
ma questi bilderberghini di radicali, mentono sapendo di mentire infatti contro Gheddaffi, di certo non peggiore di tanti altri dittatorelli del mediterrano, (che aveva però il petrolio) è stata montata un'orchestrazio ne da parte della solita cagnara di pennivendoli sussidiati da gruppi d'interesse delle mafie sioniste massoniche, in primis, i membri + influenti della C. E., come Francia e Germania, a cui si è accodata subalterna la nostra maramalda italiota.-
ripetendo la stessa regia con cui è stato demonizzato Sadam, quando non è stato + al gioco dei compari petrolieri di Bush.
la stessa pantomima, invece è andata buca con il Venezuela!
SOLO LA CONOSCENZA DELLA VERITA' RENDE LIBERI E CI RISCATTERA' DA QUESTA OPPRESSIVA E CRUENTA DITTATURA DI POLIZIA FISCALE-BOLSCEV ICA CHE CI DEVASTA!
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna