Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

26/11/20 ore

Il veterano diplomatico cinese Yuan Nansheng: la diplomazia del "guerriero del lupo" non darà alla Cina la vittoria sugli Stati Uniti (… e l’Occidente)



Proseguendo la sua ricerca sui totalitarismi del  XXI secolo Anna Mahjar-Barducci, direttrice del progetto MEMRI Russian Media Studies Project e collaboratrice da anni di Quaderni Radicali e Agenzia Radicale, approfondisce le questioni relative alla mancanza di un nuovo ordine mondiale evidenziando il rischio che l’Occidente smarrisca la sua capacità di incidere con i suoi valori nella nuova mappa del mondo, rinunciando ai propri valori, alla propria cultura liberale, ai diritti della persona, rispettando comunque l’identità collettiva. Il lavoro che segue, realizzato questa volta con la collaborazione di Sasha Gong, direttore del Chinese Media Studies Project, approfondisce il saggio di Yuan Nansheng (袁南生), veterano diplomatico, dal titolo “I miei pensieri sulle relazioni sino-americane dopo la pandemia del Coronavirus”, il quale sottolinea che la Cina dovrebbe smettere di seguire una diplomazia aggressiva, poiché è nell'interesse di Pechino stabilizzare le relazioni con Washington (e con l’Occidente) … perché è fondamentale mantenere la sicurezza della Cina e un buon ambiente per lo sviluppo… 

 

 

*********************** 

 

 

di Anna Mahjar-Barducci * e Sasha Gong (da Memri)

 

 

Introduzione

 

Nel settembre 2020, il veterano diplomatico cinese Yuan Nansheng (袁南生) [1] ha pubblicato un saggio, che ha suscitato un'ondata di reazioni, intitolato "I miei pensieri sulle relazioni sino-americane dopo la pandemia del Coronavirus", analizzando il passato, il presente e il futuro delle relazioni Sino-Usa. [2] (Vedi Appendice)

 

Nel suo articolo, Yuan sottolinea che Pechino dovrebbe smettere di seguire una diplomazia aggressiva, poiché è nell'interesse di Pechino stabilizzare le relazioni con Washington. Yuan afferma inoltre che la Cina deve avere una chiara comprensione delle relazioni sino-americane, perché è fondamentale mantenere la sicurezza della Cina e un buon ambiente per lo sviluppo, al fine di raggiungere l'obiettivo dei "Due Centennali" [3], una parte importante del programma del Partito Comunista Cinese (PCC) da soddisfare entro il 2021 e il 2049. I "Due Centennali" sono la base fondamentale per realizzare il "Sogno Cinese" (Zhongguo meng; 中国梦) un termine che Xi Jinping ha emesso nel 2012 - dopo aver assunto la carica di Segretario generale del PCC - che descrive un ethos nazionale e una serie di ideali per il ringiovanimento della nazione cinese. [4]

 

Stati Uniti e Cina sono tornati ad essere avversari

 

Secondo Yuan, le relazioni sino-statunitensi hanno attraversato quattro fasi diverse: nemico, avversario, cooperazione e ritorno all'avversario. "La fase del nemico si riferisce al periodo della guerra di Corea. La fase dell'avversario si riferisce al periodo durante la Guerra Fredda prima dell'instaurazione dei rapporti diplomatici tra Cina e Stati Uniti, quando la politica degli Stati Uniti verso la Cina era di contenimento. [La fase della cooperazione si riferisce] al periodo tra l'instaurazione delle relazioni diplomatiche Cina-USA [nel 1979] e l'entrata in carica di Trump [2017], quando la Cina - soprattutto dopo l'attacco terroristico dell'11 settembre - ha unito le forze con gli Stati Uniti. Durante questo periodo, la cooperazione a lungo termine è diventata la politica principale. Ora i due tornano ad essere avversari ". Yuan sottolinea che nella fase attuale gli Stati Uniti vedono la Cina come un "concorrente strategico" [5] e come un "paese revisionista" che lavora per cambiare l'attuale ordine mondiale internazionale guidato dagli Stati Uniti. [6]

 


 

Yuan aggiunge che la politica cinese di Washington è già diventata una politica di contenimento e che si profila una nuova guerra fredda. Il disaccoppiamento di Stati Uniti e Cina è una possibilità, anche se finché permangono i legami economici e commerciali, i due paesi non possono essere completamente disaccoppiati. Inoltre, secondo Yuan, il disaccoppiamento causerà inevitabilmente una complicata catena di reazioni sotto molti aspetti.

 

Spiegando che, dal punto di vista della geopolitica, Cina, Stati Uniti e Russia formano il più importante insieme di relazioni triangolari nel mondo di oggi, Yuan scrive: "Gli Stati Uniti e la Russia hanno lottato per l'egemonia per molto tempo, e la Cina, come leva, si trova in una posizione strategica favorevole con entrambe le parti. Se la Cina e gli Stati Uniti stanno "disaccoppiando", significa che i ruoli di Cina e Russia verranno successivamente trasposti. La Cina diventerà il principale obiettivo di contenimento da parte di gli Stati Uniti. Nel frattempo, la Russia potrà trarre grande vantaggio dalla sua leva".

 

Yuan dice che ci sono opinioni secondo cui Cina e Russia possono unire le forze per lottare con gli Stati Uniti. Tuttavia, secondo l'ex diplomatico cinese, questa idea non è desiderabile: "Non ci sono amici permanenti né nemici permanenti nelle relazioni internazionali". Secondo Yuan, la questione principale è se il disaccoppiamento tra Cina e Stati Uniti serva o meno il miglior interesse di Pechino. Ad ogni modo egli ritiene che Pechino non sia pronta ad affrontare questo scenario. "La stabilizzazione delle relazioni sino-americane favorisce la stabilizzazione dell'ordine internazionale. Il grado di stabilità delle relazioni sino-americane è direttamente proporzionale al benessere del popolo cinese e statunitense e al grado di stabilità dell'ordine internazionale. “

 

Yuan valuta che la Cina è ancora un paese in via di sviluppo e ha bisogno di tempo per prosperare ulteriormente. Di conseguenza, avverte la Cina di non perseguire una politica ultra-nazionalistica, che destabilizzerebbe le relazioni sino-statunitensi e influenzerebbe l'economia di Pechino. Egli chiede a Pechino di mantenere "la sobrietà strategica", riconoscendo che il Paese è ancora nell'era dello sviluppo. Poi aggiunge che è necessaria anche "pazienza strategica" per non commettere errori nella corsa al successo.

 

Yuan ha inoltre avvertito la Cina di evitare "valutazioni errate strategiche", dicendo: "È necessario impedire alla Cina di giudicare erroneamente gli Stati Uniti e per evitare l'errata convinzione che gli Stati Uniti abbiano rifiutato ... La nuova epidemia di coronavirus ha causato gravi danni a l'economia degli Stati Uniti, ma questo non significa che lo sviluppo economico della Cina introdurrà naturalmente grandi opportunità”.

 

Lo "spirito combattivo del guerriero lupo" è in contrasto con la cultura tradizionale cinese; La stabilizzazione delle relazioni sino-statunitensi è in linea con gli ultimi desideri di Mao Zedong e Deng Xiaoping

 

Il diplomatico cinese veterano evidenzia quindi l'ondata di ultra-nazionalismo e populismo in Cina: "Alcune persone in precedenza chiamavano queste parole e azioni 'gioventù arrabbiata' [fenqing; 愤青] [7] e ora alcuni la chiamano 'cultura del guerriero lupo' [ il termine è stato preso dal film d'azione cinese patriottico, Wolf Warrior]. " Tuttavia, Yuan aggiunge: "Lo 'spirito combattivo guerriero lupo' è contrario alla cultura tradizionale cinese”.

 

Secondo Yuan, se il nazionalismo estremo e il populismo guidano la politica estera di Pechino, la Cina sarà percepita come un nemico: "Per evitare il nazionalismo cieco, bisogna rendere popolare la conoscenza, ribadire il buon senso, prevenire l'asimmetria informativa e lasciare che il pubblico apprenda di più sulla storia. "

 

Yuan ricorda che il pensiero e la pratica diplomatici di Mao Zedong e Deng Xiaoping attribuivano grande importanza alle relazioni sino-americane: "Lo sviluppo di Mao Zedong, ‘dalla diplomazia anti-statunitense’ indirizzata a un lato ‘alla diplomazia americana su una linea’, ha notevolmente ampliato lo spazio diplomatico cinese e ha cambiato il modello e la direzione del mondo ... [Deng Xiaoping], ha portato il grande gioco delle relazioni statunitensi in una situazione difficile, ha fatto mosse intelligenti in ogni modo, ha promosso la normalizzazione delle relazioni sino-americane e ha creato l'ambiente esterno più importante per la riforma interna della Cina e l'apertura al mondo". Quindi, Yuan ha valutato che la stabilizzazione delle relazioni sino-americane è in linea con "le politiche e gli ultimi desideri" di Mao Zedong e Deng Xiaoping.

 

Mantenere un profilo basso e lottare per il successo

 

Yuan conclude affermando che, al fine di stabilizzare le relazioni sino-statunitensi, la Cina dovrebbe aderire all'ideologia guida di Deng Xiaoping di mantenere un basso profilo (taoguangyanghui; 韬光养晦), che si traduce come "nascondere le nostre capacità e aspettare il nostro tempo e fare la differenza".

 

Infatti, secondo Yuan, la diplomazia cinese deve essere più forte, non solo più dura. Yuan spiega: "L'ideologia guida [di Deng Xiaoping] non è obsoleta. Finché il nostro paese è ancora nella fase iniziale del socialismo, finché siamo ancora un paese in via di sviluppo, insistiamo nel 'nascondere le nostre capacità di aspettare il nostro tempo e fare la differenza 'è il principio essenziale’.

 

E spiega ancora: "'Nascondere le proprie capacità e aspettare il proprio tempo' è una spada inserita in un fodero ... Alcune persone pensano che mantenere un profilo basso sia 'carenza di calcio' e debolezza. Questo è completamente frainteso". Poi aggiunge: "Non puoi lavorare con le persone avendo un coltello in mano. Raccogliere una spada è il dovere di un soldato. Tuttavia, quando si tratta di affari esteri, dovremmo mantenere un profilo basso con la spada nel fodero, ma fai sapere all'altra parte che hai una spada lì'.

 

Vale la pena notare che la strategia di Deng Xiaoping di mantenere un basso profilo (taoguangyanghui; 韬光养晦) differisce in principi e metodi dalla strategia di ricerca del successo (fenfayouwei; 奋发有为), una strategia di politica estera che sfida il primato regionale degli Stati Uniti, lanciata da Il presidente cinese Xi Jinping nel suo discorso alla conferenza sugli affari esteri del PCC il 24 ottobre 2013.

 

Nel suo articolo, Yuan sottolinea che la Cina dovrebbe seguire la strategia "mantenere un basso profilo" (KLP), senza rinunciare alla strategia "lotta per il successo" (SFA). "Non solo per mantenere un basso profilo, ma anche per lottare per il successo", scrive. Egli ritiene che la strategia SFA da sola potrebbe fallire se non accompagnata dalla strategia KLP.

 

Conclusione

 

Il famoso professore cinese Yan Xuetong (阎学通), preside dell'Istituto per le relazioni internazionali presso l'elite cinese Tsinghua University, spiega in un articolo del 2014, intitolato "Dal mantenere un profilo basso alla lotta per il successo", che la strategia SFA si basa sul presupposto della contraddizione strutturale tra una potenza in ascesa (cioè la Cina) e uno status quo egemone (cioè gli Stati Uniti). [8]

 

Yan sottolinea che man mano che la Cina diventa sempre più forte, i suoi vicini potrebbero percepire l'SFA come una strategia aggressiva: "Pertanto, la Cina deve implementare l'SFA in modo molto delicato per evitare di essere considerata una potenza aggressiva e impedire il supporto internazionale per gli sfidanti".

 

In effetti, il veterano diplomatico cinese Yuan sembra fare eco alle preoccupazioni di Yan, in particolare per quanto riguarda le relazioni sino-statunitensi nella pandemia post coronavirus, nell'attuale fase avversaria. Pertanto, Yuan suggerisce di collegare le due strategie, almeno fino a quando la Cina non sarà abbastanza forte da cambiare l'ordine mondiale. Dopo tutto, la traduzione di "mantenere un basso profilo" non ha il pieno significato di "taoguangyanghui [韬光养晦]." Il significato effettivo, con il contesto storico e letterario, significa: non brillare, conservare la forza, ma prepararsi a lottare (per il successo) quando si presenta l'opportunità. Come conclude Yuan: "Un potere diplomatico dovrebbe essere moderato quando è il momento di essere gentile, essere appropriato quando è il momento di chiedere aiuto, essere duro quando è il momento di parlare con forza ed essere trionfante quando è il momento di colpire…”

 

* Anna Mahjar-Barducci è direttrice del Russian Media Studies Project; Sasha Gong è direttore del Chinese Media Studies Project

 


 

APPENDICE

 

 

 "I miei pensieri sulle relazioni sino-statunitensi dopo la pandemia del coronavirus" di Yuan Nansheng (Chinese In China International Strategic Review 2020; Edizione settembre 2020)

Il rapporto sino-statunitense è il rapporto bilaterale più importante del mondo e il pilastro dell'ordine internazionale contemporaneo

 

"L'8 aprile 2020, il presidente Xi Jinping ha presieduto una riunione del Comitato permanente dell'Ufficio politico del Comitato centrale del Partito comunista cinese. Ha sottolineato che "si trova di fronte alla situazione grave e complessa della pandemia globale e dell'attuale situazione economica mondiale", dobbiamo mantenere i nostri profitti. Dobbiamo prepararci per risposte a lungo termine, ideologicamente e praticamente, ai cambiamenti nel mondo esterno".

 

"Questo autore ritiene che il 'mondo esterno' indicato dal leader centrale si riferisse principalmente alle relazioni sino-americane. Le relazioni sino-americane sono la relazione bilaterale più importante del mondo e il pilastro dell'ordine internazionale contemporaneo. Dobbiamo avere un chiara comprensione delle relazioni sino-americane dopo la pandemia di coronavirus. Una tale comprensione è estremamente importante per noi per rispondere alle gravi sfide nelle nuove circostanze, per mantenere un ambiente sicuro e sano per lo sviluppo e per realizzare l'obiettivo dei “Due Centennali”.

 

La Cina e l'America hanno creato un record storico di scambi economici e commerciali nell'ambito del sistema OMC2.

 

1. La relazione sino-statunitense non tornerà ai vecchi tempi

 

"Nel suo articolo pubblicato all'inizio di aprile 2020, Henry Kissinger aveva predetto che la pandemia di coronavirus avrebbe cambiato in modo permanente l'ordine internazionale. Ancora prima, Kissinger aveva affermato che le relazioni sino-statunitensi non sarebbero tornate ai vecchi tempi. La sua opinione ha un buon merito.

 

"La tendenza delle relazioni sino-americane si è evoluta con l'ordine internazionale, che è stato modificato dalla pandemia nei seguenti aspetti: un'inversione della globalizzazione in tutto il mondo; la cooperazione strategica tra Cina e Stati Uniti che si è trasformata in ciò che gli americani chiamano "la concorrenza strategica sino-americana;" decenni di opportunità strategica della Cina che si sono trasformate in un periodo di 'de-sinicizzazione' (in sostanza, la de-globalizzazione è desinicizzazione); e la cooperazione internazionale basata sulla divisione del lavoro complementare che si è trasformata in cooperazione internazionale basata su valori comuni. Con il ritiro degli Stati Uniti dalle organizzazioni internazionali, l'Organizzazione mondiale del commercio (OMC), l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e altri gruppi sono stati indeboliti. Le loro funzioni sono state ridotte. Gli Stati Uniti e i loro alleati potrebbero lanciare nuove organizzazioni che escludere la Cina L'ordine internazionale costruito dalla Conferenza di Yalta, con le Nazioni Unite come simbolo, è stato sfidato.

 

"Le relazioni sino-americane sono diverse dalle precedenti tra l'Unione Sovietica e gli Stati Uniti, specialmente nelle relazioni economiche e commerciali. Allora, l'Unione Sovietica e i suoi satelliti erano organizzati come il blocco socialista orientale basato su un sistema economico pianificato chiuso. Gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e altri paesi formavano il campo capitalista basato sull'economia di mercato che operava nel sistema dell'Accordo generale sulle tariffe e il commercio (GATT).

 

"Al giorno d'oggi, la Cina e l'America hanno creato un record storico di scambi economici e commerciali nell'ambito del sistema WTO. Dal 1979, quando i due paesi hanno stabilito relazioni diplomatiche, la quantità di scambi bilaterali è aumentata di 207 volte. Il commercio totale annuale di beni commerciali è quasi ha raggiunto i 600 miliardi di dollari. Il commercio totale annuo di servizi ha superato i 100 miliardi di dollari. Mentre l'economia cinese ha beneficiato notevolmente in termini di esportazioni, occupazione, tecnologia e talento, la Cina è diventata il mercato estero in più rapida crescita per il mercato di esportazione degli Stati Uniti, acquistando il 26% del Boeing, 56% di semi di soia, 16% di automobili, 23% di prodotti agricoli e 23% di semiconduttori. Nel commercio dei servizi, la Cina ha accumulato un deficit. I cinesi hanno speso molto in turismo e istruzione. Nel 2016, La Cina ha investito 50 miliardi di dollari nei settori non finanziari degli Stati Uniti. Gli investimenti cinesi negli Stati Uniti si sono diffusi in 44 stati, creando 100.000 posti di lavoro per gli americani.

 

"Rispetto alle relazioni USA-Russia, i vantaggi reciproci tra Cina e Stati Uniti dal punto di vista economico e commerciale sono molto più elevati. Ad esempio, il commercio Cina-USA di beni commerciali si avvicina a $ 600 miliardi, mentre tale importo tra Stati Uniti e Russia guadagna solo $ 15 miliardi. Inoltre, la Russia e gli Stati Uniti competono nell'energia e in altri campi. La scala dell'economia russa non può essere paragonata a quella della Cina. L'attuale PIL della Russia può essere equivalente solo a quello della provincia cinese del Guangdong. La Russia è leggera in economia e commercio, questo spiega perché gli Stati Uniti e altri paesi occidentali osano imporre sanzioni al paese.

 

Il rapporto sino-statunitense ha attraversato quattro fasi: nemico, avversario, cooperazione e ritorno all'avversario

 

"La relazione sino-americana oggi differisce notevolmente dal passato. La relazione ha attraversato quattro fasi: nemico, avversario, cooperazione e ritorno all'avversario. La fase del nemico si riferisce al periodo della guerra di Corea. La fase dell'avversario si riferisce al periodo durante la Guerra Fredda prima dell'instaurazione di relazioni diplomatiche Cina-Stati Uniti, quando la politica degli Stati Uniti verso la Cina era di contenimento. La [fase della cooperazione si riferisce] al periodo tra l'instaurazione delle relazioni diplomatiche Cina-Stati Uniti [1979] e l'entrata in carica di Trump [2017], quando la Cina, soprattutto dopo l'attacco terroristico dell'11 settembre, ha unito le forze con gli Stati Uniti, durante questo periodo la cooperazione a lungo termine è diventata la politica principale.

 

"Ora i due tornano ad essere avversari. Il primo e il secondo avversario non sono la stessa cosa. Sebbene Cina e Stati Uniti siano rivali in entrambe le fasi, nella prima fase gli Stati Uniti considerano la Cina solo come rivale, e c'era nessuna competizione strategica Nella seconda fase, cioè lo stato attuale, in base a quanto dicono gli americani, i due sono diventati "concorrenti strategici". Trump e altri dignitari americani considerano la Cina come un "paese che vuole cambiare l'ordine esistente", sostenendo che la Cina non è soddisfatta del sistema attuale che include l'ordine internazionale guidato dagli Stati Uniti e che la Cina sta lavorando per cambiare il sistema esistente. Gli Stati Uniti hanno risposto reprimendo una competizione strategica a tutto tondo a lungo termine con la Cina in un approccio di "tutto il governo".

 

"Il rapporto tra Cina e Stati Uniti prima e dopo la pandemia è stato drammaticamente alterato.

 

"In primo luogo, l'opinione pubblica è cambiata. Secondo i dati raccolti dalle agenzie elettorali, sia in Cina che negli Stati Uniti, il numero di cittadini con opinioni negative sull'altro paese è ora la maggioranza. Il numero di cittadini americani che hanno una visione positiva della Cina è sceso al minimo storico di questo secolo, e uno dei più bassi dall'inizio delle relazioni diplomatiche tra i due paesi 40 anni fa.

 

"In secondo luogo, le relazioni economiche e commerciali bilaterali sono state alterate. Sebbene la guerra commerciale tra i due paesi sia giunta al termine dopo la firma dell'accordo economico e commerciale della prima fase, le questioni economiche e commerciali tra Cina e Stati Uniti non lo hanno è stato completamente risolto. Gli americani non hanno rimosso molte delle tariffe aggiuntive sulla Cina prima della firma dell'accordo di cui sopra. Dopo la pandemia COVID-19, il capitale statunitense potrebbe ritirarsi ulteriormente dal mercato cinese. Entrambe le nazioni non sono disposte a pianificare ulteriori investimenti in uno il paese di un altro.

 

"Terzo, la disponibilità alla cooperazione in altri settori è notevolmente diminuita. Il numero di cinesi che viaggiano, studiano, organizzano spettacoli e mostre d'arte ed emigrano negli Stati Uniti è in diminuzione.

 

"In quarto luogo, la fiducia tra le due nazioni nella visione strategica reciproca si è indebolita. Quella tendenza sembra difficile da invertire. Questo è il cambiamento più importante. In futuro, gli Stati Uniti aumenteranno la pressione sulla Cina nelle aree di commercio, tecnologia, sicurezza informatica e questioni come Taiwan, Hong Kong, Tibet e Xinjiang “.

 

Dopo la pandemia, la politica americana sulla Cina è diventata una politica di contenimento; Una nuova guerra fredda si profila

 

"Alcuni hanno sostenuto che la pandemia accelererebbe la de-globalizzazione. In questa nuova Guerra Fredda, accelererebbe anche il disaccoppiamento di Stati Uniti e Cina. È possibile? Dopo la pandemia, la politica americana in Cina è diventata una politica di contenimento. Una nuova guerra fredda è alle porte, per quanto improbabile che le due nazioni si separino, rimane una possibilità, non dobbiamo escluderla.

 

"La nuova Guerra Fredda allontanerebbe la Cina e gli Stati Uniti, vale a dire attraverso il distacco nella tecnologia, negli investimenti, nelle industrie, nell'istruzione, nelle risorse umane e così via. Gli americani stanno effettivamente facendo delle mosse per disaccoppiare. Ma il disaccoppiamento diventerà una realtà? Penso di no. Nel 2013, questo autore è stato console generale cinese a San Francisco. Durante il mio mandato, un volo decollava tra la Cina e gli Stati Uniti ogni 7 minuti, con 10.000 passeggeri al giorno e 4 milioni all'anno. Ogni turista da La Cina ha speso una media di 6.000 dollari negli Stati Uniti. Le due nazioni si sono avvicinate l'una all'altra. Un quarto dei cittadini americani a San Francisco erano di origine cinese. Dodicimila laureati della Tsinghua University vivevano nelle aree coperte dal consolato di San Francisco. Altro: più di 7.000 laureati dell'Università di Pechino vivevano nelle stesse zone e non sarebbe stato facile separare i due paesi.

 

"Tuttavia i contatti, la comunicazione e l'interazione tra di loro non saranno così frequenti. Finché permane il legame economico e commerciale, gli Stati Uniti e la Cina non potrebbero essere completamente disaccoppiati. Il livello del commercio bilaterale è così alto, le catene industriali e di approvvigionamento sono così intrecciate, la domanda di capitale dalla Cina da parte degli Stati Uniti è così grande, l'interdipendenza della tecnologia è così stretta, la connessione dei due popoli è così stretta, l'impatto della mossa strategica reciproca è così profondo in tutto il mondo, che quando si verifica il disaccoppiamento, il caos internazionale sarà inevitabile. Inoltre, il disaccoppiamento provoca inevitabilmente complicate reazioni a catena in molti aspetti, che saranno dannose e dolorose “.

 

Dopo la pandemia, la globalizzazione continuerà; Tuttavia, è possibile che la Cina venga cacciata da nazioni con valori politici diversi. Tuttavia, la globalizzazione senza la Cina non è la vera globalizzazione.

 

"Nella pandemia mondiale, gli Stati Uniti non hanno inviato abbastanza segnali ad altri paesi per chiedere solidarietà e cooperazione e non hanno mostrato volontà e capacità di guidare. Gli Stati Uniti non hanno intrapreso azioni efficaci e non sono riusciti a far fronte alla pandemia, e poi si è rivolto a incolpare la Cina. Il governo degli Stati Uniti ha fatto mosse sbagliate, ma la Cina ne subisce sicuramente le conseguenze. Gli Stati Uniti sono diventati il centro della pandemia globale, con il maggior numero di infezioni e morti. Trump è stato investito da una tempesta di polemiche e è stato criticato a livello nazionale e internazionale. Le elezioni presidenziali si avvicinano. Ci sono molti argomenti irrazionali, inclusa la questione della Cina. Il sostegno a Trump è in calo. Il suo sforzo per la rielezione potrebbe essere vano. Trump sta cercando di spostare l'attenzione pubblica sulla Cina, chiedendo la gente si concentra sulla Cina come problema nell'affrontare la pandemia nella sua fase iniziale: il suo vuole vincere le elezioni avvelenando l'opinione pubblica sulla Cina.

 

"Dopo la pandemia, la globalizzazione continuerà. Tuttavia, potrebbe emergere un'altra tendenza. Il percorso precedente della globalizzazione ha enfatizzato la riduzione dei costi e la divisione internazionale del lavoro. Il nuovo percorso potrebbe enfatizzare i valori comuni. È possibile che la Cina venga cacciata dalle nazioni con valori politici diversi. Tuttavia, la globalizzazione senza la Cina non è vera globalizzazione. Senza la partecipazione della Cina, il mercato mondiale non è completo. In qualità di grande potenza nella produzione, nel commercio e nei mercati, la Cina può mostrare i suoi punti di forza ed evitare i suoi punti deboli. Su questo, la Cina può espandere la sua frontiera di interessi “[10].

 

Il grado di stabilità delle relazioni sino-statunitensi è direttamente proporzionale al benessere del popolo cinese e degli Stati Uniti e al grado di stabilità dell'ordine internazionale

 

2. Cina-Stati Uniti. le relazioni devono mantenere la stabilità

 

"Il 6 aprile 2017, il presidente Xi Jinping e il presidente Trump hanno tenuto una riunione, testa a testa, Cina-USA presso la tenuta di Mar-a-Lago in Florida, USA. Durante l'incontro, Xi Jinping ha sottolineato che le buone relazioni tra Cina e Stati Uniti non sono solo vantaggiose per i due paesi e due popoli, ma anche per il mondo. Xi ha indicato che le due nazioni avevano mille ragioni per migliorare le relazioni sino-americane e nessuna per rovinare le relazioni sino-americane. Negli ultimi 45 anni da allora la normalizzazione delle relazioni sino-americane, sebbene gli interessi tra i due paesi abbiano attraversato alti e bassi, hanno compiuto progressi storici, che hanno portato enormi vantaggi pratici ai due popoli.

 

"Come si svilupperanno le relazioni sino-americane nei prossimi 45 anni? Il presidente Xi ha detto: 'Dobbiamo pensare profondamente e abbiamo bisogno che i leader dei due paesi prendano decisioni politiche e si assumano responsabilità storiche. Vorrei lavorare con Lei, Mr. Presidente, per promuovere un maggiore sviluppo delle relazioni sino-americane da un nuovo punto di partenza”.

 

"La mattina del 29 giugno 2019, Xi Jinping e Trump hanno tenuto un incontro a Osaka, in Giappone. Xi Jinping ha sottolineato:" La cooperazione Cina-USA andrà a vantaggio di entrambi e la lotta danneggerà entrambi. La cooperazione è meglio dell'attrito e il dialogo è meglio del confronto. Al momento, le relazioni Cina-USA stanno incontrando alcune difficoltà, che non sono nell'interesse di entrambe le parti. Anche se Cina e Stati Uniti hanno alcune differenze. Tuttavia, gli interessi di entrambe le parti sono altamente integrati e le aree di cooperazione sono ampi. Non dovrebbero cadere nella trappola del cosiddetto conflitto e confronto, ma dovrebbero promuoversi a vicenda e svilupparsi insieme".

 

"La stabilizzazione delle relazioni sino-americane favorisce la stabilizzazione dell'ordine internazionale. Il grado di stabilità delle relazioni sino-americane è direttamente proporzionale al benessere del popolo cinese e statunitense e al grado di stabilità dell'ordine internazionale. Ecco l'argomento di questo autore”.

 

Mao Zedong e Deng Xiaoping attribuiscono grande importanza alle relazioni sino-americane

 

"A giudicare dal pensiero e dalla pratica diplomatici di Mao Zedong e Deng Xiaoping, entrambi attribuivano grande importanza alle relazioni sino-americane e le pianificavano personalmente. Lo sviluppo di Mao Zedong da "inclinazione da una parte” alla diplomazia anti-statunitense a "linea unica”. La diplomazia statunitense ha notevolmente ampliato lo spazio diplomatico cinese e ha cambiato il modello e la direzione del mondo.

 

"Non molto tempo dopo il ritorno dalla 'Rivoluzione culturale', Deng Xiaoping è diventato il principale assistente del premier Zhou Enlai nella gestione degli affari esteri, in particolare nell'istituzione di relazioni diplomatiche con gli Stati Uniti. Ha assunto il grande gioco delle relazioni statunitensi in una situazione difficile, ha compiuto mosse intelligenti in ogni modo, ha promosso la normalizzazione delle relazioni sino-americane e ha creato l'ambiente esterno più importante per la riforma interna della Cina e l'apertura al mondo. La stabilizzazione delle relazioni sino-americane è in linea con le politiche e gli ultimi desideri di Mao Zedong e Deng Xiaoping ".

 

Se Cina e Stati Uniti stanno "disaccoppiando", Cina e Russia possono unire le forze per lottare con gli Stati Uniti. Tuttavia, questa idea non è desiderabile; non ci sono amici permanenti e nemici permanenti nelle relazioni internazionali

 

"Dal punto di vista della geopolitica, la Cina, gli Stati Uniti e la Russia costituiscono il più importante insieme di relazioni triangolari nel mondo di oggi. Gli Stati Uniti e la Russia hanno lottato per l'egemonia per molto tempo e la Cina, come leva, si trova in una posizione strategica favorevole con entrambe le parti. Se la Cina e gli Stati Uniti stanno "disaccoppiando", significa che i ruoli di Cina e Russia verranno successivamente trasposti. La Cina diventerà il principale obiettivo di contenimento da parte degli Stati Uniti. Nel frattempo, La Russia potrà trarre grande vantaggio dalla sua leva.

 

"Il 'disaccoppiamento' tra Cina e Stati Uniti significa che la Cina sta effettivamente portando la bandiera e prendendo l'iniziativa. Ciò ha portato a una riduzione dell'iniziativa diplomatica e della libertà cinese, il che significa un aumento dei costi diplomatici della Cina con rendimenti decrescenti. Sono opinioni secondo cui Cina e Russia possono unire le forze per combattere con gli Stati Uniti. Questa idea non è desiderabile. Non ci sono amici permanenti e nemici permanenti nelle relazioni internazionali. Se la Cina e gli Stati Uniti si separano davvero, cosa succederà alla direzione delle relazioni Cina-USA, Cina-Russia e Russia-USA? Sarà nell'interesse della Cina? Queste sono questioni che meritano un'attenta considerazione.

 

"Dal punto di vista dell'obiettivo di costruire una comunità con un futuro condiviso per l'umanità, se la Cina e gli Stati Uniti sono disaccoppiati, le due maggiori economie del mondo non possono ottenere una cooperazione vantaggiosa per tutti. Come possiamo costruire una comunità con un futuro per l'umanità? “.

 

Per stabilizzare le relazioni sino-statunitensi, la Cina deve mantenere la pazienza strategica, mantenere un profilo basso e lottare per il successo.

 

"Come si stabilizzano le relazioni sino-americane? Il primo passo è mantenere una sobrietà strategica, riconoscere che siamo ancora nell'era della pace e dello sviluppo, che rimaniamo nella fase iniziale del socialismo e che il nostro è ancora un paese in via di sviluppo. Il secondo è mantenere la pazienza strategica per evitare di precipitarsi verso il successo. Il terzo è mantenere la linea di fondo strategica, non solo per mantenere un basso profilo, ma anche per lottare per il successo. Il quarto è prevenire valutazioni errate strategiche In particolare, è necessario impedire alla Cina di giudicare male gli Stati Uniti, ed evitare l'errata convinzione che gli Stati Uniti abbiano rifiutato.

 

"È necessario evitare il malinteso che i problemi che gli Stati Uniti hanno sperimentato nella lotta contro la nuova epidemia di coronavirus significano che gli Stati Uniti hanno 'declinato', che la battaglia globale contro l'epidemia dovrebbe quindi essere sostituita da un altro Paese, che nella pandemia gli Stati Uniti hanno chiesto ad altre nazioni di assumersi il proprio compito storico di “responsabilità della leadership” globale e che, poiché la Cina è stata la prima ad essere colpita e la prima a uscire dall'epidemia, ha offerto alla Cina un'opportunità storica per competere con gli Stati Uniti per l’egemonia. È completamente sbagliato esaminare le azioni della Cina dal punto di vista dell'egemonia competitiva.

 

"Dobbiamo vedere che, nonostante i vari problemi emersi nella politica e nella società americana negli ultimi anni, gli Stati Uniti stanno ancora andando avanti e non sono diminuiti. Negli ultimi 100 anni, gli Stati Uniti hanno sempre mantenuto circa un quarto dell'economia globale. Questo potrebbe essere il caso nel prossimo futuro. Gli Stati Uniti continuano a possedere egemonia tecnologica, egemonia militare ed egemonia finanziaria e rimangono la più grande potenza geograficamente superiore del mondo. Gli Stati Uniti sono un grande paese agricolo, un principale paese educativo, un grande paese tecnologico e un importante paese risorsa.

 

"Prendiamo ad esempio l'agricoltura. Con meno di 3 milioni di persone che lavorano nel settore, gli Stati Uniti sono diventati il più grande produttore ed esportatore di cibo al mondo. Le esportazioni alimentari americane rappresentano la metà delle esportazioni alimentari totali del mondo, mentre la Cina è diventata il più grande importatore alimentare. L'economia totale degli Stati Uniti ha superato i 20 trilioni di dollari. In un confronto orizzontale, solo pochi paesi come Cina, India, Vietnam ed Etiopia hanno superato gli Stati Uniti per tasso di crescita economica a lungo termine. L'influenza e il controllo americani stanno diminuendo, principalmente a causa dell'ascesa della Cina e delle potenze emergenti. Relativamente parlando, l'influenza globale degli Stati Uniti è diminuita. C'è anche l'unilateralismo degli Stati Uniti e il concetto di "America First" che ha anche ha causato il declino del "soft power" degli Stati Uniti.

 

"La nuova epidemia di coronavirus ha causato gravi danni all'economia degli Stati Uniti, ma questo non significa che lo sviluppo economico della Cina introdurrà naturalmente grandi opportunità. Le difficoltà economiche della Cina e degli Stati Uniti avranno un impatto negativo su ogni paese e nel mondo. Gli Stati Uniti hanno la tecnologia più avanzata, il più grande mercato di consumo del mondo, il più grande mercato finanziario del mondo e la valuta dominante nella circolazione mondiale, gli Stati Uniti saranno probabilmente i primi a uscire dalle difficoltà economiche e tornare alla normalità.

 

"Ovviamente, la stabilizzazione delle relazioni sino-americane non è un pio desiderio unilaterale. Richiede che sia la Cina che gli Stati Uniti si incontrino a metà strada. La Cina deve valutare in modo completo le relazioni sino-americane e, pur non separandosi, deve preparasi anche a più azioni “.

 

In Cina, sentiamo spesso la tendenza crescente dell'ultranazionalismo e del populismo: alcune persone in precedenza chiamavano queste parole e azioni "Gioventù arrabbiata" e ora alcuni la chiamano "Cultura del guerriero del lupo”.

 

3. Persistere nel mantenere un basso profilo e lottare per il successo

 

"È vero che le prestazioni antiepidemiche della Cina sono buone, ma la previsione che la nuova epidemia di coronavirus sia una 'opportunità storica' per l'ascesa della Cina è chiaramente un errore di valutazione strategico. Alcune persone di perspicacia in Cina temono che l'epidemia alimenterà il nazionalismo interno e questa preoccupazione è giustificata.

 

"Trump ha proposto 'America First' come visione di governo, e la comunità internazionale generalmente crede che si rivolga al populismo americano, all'ultra-nazionalismo e all'unilateralismo. Se il nazionalismo e l'ultranazionalismo cinese non sono protetti e non si lasciano sviluppare , la comunità internazionale potrebbe quindi credere erroneamente che anche la Cina stia perseguendo il "China First".

 

"Negli ultimi anni, il nazionalismo estremo e il populismo sono convergenti e si sono diffusi a livello internazionale. L'elezione di Trump a Presidente degli Stati Uniti attraverso slogan come la richiesta di 'America First' è un prodotto del pensiero populista. In Cina, spesso sentiamo la tendenza crescente di ultranazionalismo e populismo. Alcune persone in precedenza chiamavano queste parole e azioni "giovinezza arrabbiata" e ora alcuni la chiamano "cultura del guerriero lupo". L'emergere di nazionalismo e populismo estremi in Cina non è sorprendente, la sua esistenza e il suo sviluppo hanno una profonda origine storica e culturale e un fondamento pratico.

 

"In primo luogo, è influenzato dal 'centrismo cinese', cioè dal 'Tianxia View'. Nelle migliaia di anni di storia della Cina, l'ideologia centrale che domina le relazioni estere è sempre stata il tradizionale "centralismo cinese". Questa ideologia deriva dall'auto-superiorità della nazione cinese e crede che la Cina sia al centro del mondo sia geograficamente che culturalmente. Chiamata "Huaxia", la precedente invasione occidentale ebbe un enorme impatto sul "centrismo cinese" come modo di guardare al posto del paese nel mondo. Il fallimento militare ha poi costretto la Cina a essere coinvolta nel sistema mondiale moderno, e l'ordine tradizionale Hua Yi [dicotomia sino-barbara] e il concetto di paradiso sono gradualmente crollati. La Cina non è più il centro del mondo, "Huaxia Centralism", è gradualmente diminuito, mentre l'ideologia nazionalista è gradualmente emersa come un nuovo legame spirituale, sostituendo gradualmente il ruolo di "Huaxia Centralism".

 

"Il secondo è l'influenza della ‘teoria della conclusione’. Come indica un antico detto, "Coloro che commettono chiaramente (aderiscono completamente a) un uomo forte saranno punibili anche se sono lontani". Sentendo opinioni diverse nelle borse estere, alcune persone spesso si arrabbiano e in alcuni casi il "dialogo" è diventato "contraddittorio" o addirittura "unica maledizione".

 

"Il terzo è la ‘teoria della vittoria’. Poiché il sistema cinese è superiore al sistema occidentale, gli Stati Uniti sono decaduti e la Cina è diventata la seconda economia più grande del mondo. Non è mai stata più vicina al centro della scena mondiale come lo è ora. Pertanto, la sostituzione della Cina La prima posizione degli Stati Uniti è l'unico modo ed è dietro l'angolo.

 

"Il quarto è la ‘teoria della battaglia obbligata’. Questo è un approccio militarista in cui i sostenitori pensano che "Cina e Stati Uniti devono fare una guerra", "Cina e Giappone devono avere una guerra", "Cina e India devono avere una guerra", Cina e Corea del Sud devono avere un guerra”, "Cina e Filippine devono fare una guerra”, "Cina e Vietnam devono fare una guerra", ecc. Nel corso degli anni, tali voci sono state ascoltate all'infinito, e alcune persone hanno semplicemente equiparato i discorsi leggeri di guerra al patriottismo.

 

Incitare e costringere l'opinione pubblica sono modi per rapire la diplomazia

 

"L'opinione pubblica non può essere semplicemente equiparata all'ultranazionalismo e al populismo. Una diplomazia di successo può spesso essere utile per controllare l'opinione pubblica e fare dell'opinione pubblica una carta nella diplomazia. Tuttavia, l'ultra-nazionalismo e il populismo sono facili da usare a causa del 'patriottismo' strisciante. Stimolare l'opinione pubblica, incitare l'opinione pubblica e costringere l'opinione pubblica, in questo caso, sono modi per rapire la diplomazia. La cultura tradizionale cinese sostiene che quando si ha a che fare con le persone, si dovrebbe "venire all'improvviso senza essere sorpresi e senza arrabbiarsi per nessun Motivo”. Tuttavia, lo "spirito combattivo del guerriero lupo" è in contrasto con la cultura tradizionale cinese. Se l'opinione del popolo viene inghiottita, le conseguenze saranno preoccupanti. Il grado di diplomazia rapito dall'opinione pubblica è inversamente proporzionale allo spazio diplomatico. Maggiore è la voce di nazionalismo e populismo estremi, più è probabile che sostituisca il dialogo con gli scambi con l'estero e la Cina avrà meno amici.

 

"Per evitare il cieco nazionalismo, si deve rendere popolare la conoscenza, ribadire il buon senso, prevenire l'asimmetria informativa e lasciare che il pubblico apprenda di più sulla storia. L'allevamento del cieco nazionalismo tra alcune persone è inseparabile dall'asimmetria dell'informazione e 'stare a guardare bene il cielo’. Ad esempio, il nostro paese è diventato la seconda economia più grande del mondo. Naturalmente, è degno di orgoglio. Tuttavia, alcune persone sono orgogliose e arroganti e predicano "Fantastico, paese mio!" ovunque, il che può causare problemi.

 

"In effetti, quando le otto potenze alleate invasero la Cina nel 1900, il PIL cinese era al secondo posto nel mondo. Nel 1927, quando i signori della guerra cinesi stavano combattendo e il potere nazionale declinò di più, Zou Taofen, l'ex redattore in chief of Life Weekly, ha citato un importante documento su Life Weekly nell'ottobre dello stesso anno, affermando che "la ricchezza della Cina è in realtà al terzo posto nel mondo, sopra Germania, Giappone e Francia".

 

"Nel 1949, il PIL della Cina è sceso al quarto posto. Secondo i calcoli del famoso storico dell'economia mondiale Angus Maddison, il PIL della Cina all'inizio del primo millennio era secondo solo all'India, rendendola la seconda economia più grande del mondo. India a quel tempo includeva Pakistan, Kashmir, Bangladesh, Sri Lanka e così via.Nel 1500 dC (la dinastia Ming) ha superato l'India per diventare la più grande economia del mondo.

 

"Per migliaia di anni, la Cina è stata la seconda economia più qualificata del mondo. La Cina si è classificata seconda tre volte, una volta prima della dinastia Ming, una volta dopo essere stata superata dalla Gran Bretagna nella storia moderna e una volta durante questo periodo. le condizioni aiuteranno a mantenere la mente lucida. Il secondo è quello di rafforzare la guida, migliorare i metodi di pensiero e prevenire la semplificazione, l'etichettatura e l'emotività riguardo a problemi, come equiparare il patriottismo allo smantellamento delle auto giapponesi. Il terzo è mantenere i profitti. Ad esempio, al primo ministro britannico Boris Johnson è stato diagnosticato il nuovo coronavirus. Gli Stati Uniti sono diventati il paese più grande del mondo ma con il nuovo coronavirus, con oltre 100.000 morti. Questi non sono sicuramente qualcosa di cui essere entusiasti o di cui congratularsi.

 

"È positivo che le persone prestino attenzione alle questioni diplomatiche, e non è contraddittorio che la diplomazia sia gestita da professionisti. Più l'informazione pubblica è simmetrica, matura e razionale, maggiore è lo spazio diplomatico. Nel sé di oggi - era mediatica -, quando si confrontano con la voce del pubblico, i diplomatici devono prima comprendere e rispettare l'opinione pubblica, come determinato dal principio della "diplomazia per il popolo" della diplomazia cinese, nonché dal significato della diplomazia mondiale.

 

"In secondo luogo, non è solo l'opinione pubblica che conta. Innumerevoli fatti hanno dimostrato che la diplomazia viene rapita dall'opinione pubblica, portando inevitabilmente conseguenze catastrofiche. Ad esempio, dopo la Rivoluzione d'Ottobre in Russia, Lev M. Karakhan, il vice commissario del popolo per gli Affari esteri dell'Unione Sovietica, ha emesso una dichiarazione sulla Cina, annunciando l'abbandono incondizionato dei territori saccheggiati dalla Cina ai sensi del trattato ineguale. Adolf Abramovich Joffe, membro supplente del Politburo del Comitato Centrale del Partito Comunista Sovietico e Vice Commissario del Popolo per gli Affari Esteri dell'Unione Sovietica, ha negoziato l'instaurazione di relazioni diplomatiche con la Cina, sperando di coprire l'enorme pressione della Gran Bretagna sulla Russia sovietica.

 

"Gu Weijun, allora ministro degli Esteri del governo di Pechino, disse a Joffe che se la Russia sovietica si fosse ritirata dalla Mongolia, la Cina e la Russia avrebbero potuto stabilire immediatamente relazioni diplomatiche. Ma gli studenti dell'Università di Pechino hanno dimostrato e hanno chiesto l'istituzione di relazioni diplomatiche con l'Unione Sovietica incondizionatamente, e ha dichiarato che se Gu avesse rifiutato, avrebbero fatto ciò che il Movimento del 4 maggio ha fatto a Cao Rulin e ad altri che hanno partecipato alla Conferenza di pace di Parigi. Hanno affermato che avrebbero bruciato la casa della famiglia Gu. Gu ha detto, potresti bruciare la mia casa, e continuo a non essere d'accordo. Non c'è motivo di stabilire relazioni diplomatiche mentre la Russia occupava una vasta area della Cina. Successivamente, la casa di Gu Weijun ha ricevuto un pacco, che è davvero esploso quando è stato aperto. Nonostante ciò, Gu Weijun si è comunque rifiutato di cedere.

 

"La gente non ha visto che la Dichiarazione del Karakhan sulla Cina era solo un gesto diplomatico, non c'era intenzione di attuarla, e anzi non è mai stata attuata. Più tardi, Joffe è volato a Shanghai e ha rilasciato la 'Dichiarazione Sun-Joffe' con Sun Yat-sen a Shanghai. La Russia sovietica ha promesso di aiutare il Kuomintang cinese. Sun ha detto che la Russia non avrebbe dovuto ritirare le sue truppe dalla Mongolia esterna, piantando così i semi della separazione della Mongolia esterna dalla Cina. La storia ha dimostrato che Gu Weijun aveva ragione Dopo tutto, le masse non sono professionisti diplomatici. L'opinione pubblica ciecamente accomodante, anche per compiacere l'opinione pubblica, rischia di danneggiare l'interesse nazionale e, in ultima analisi, l'interesse pubblico “.

 

Dobbiamo aderire all'ideologia guida di Deng Xiaoping di "nascondere le nostre capacità, aspettare il nostro tempo e fare la differenza"; La diplomazia cinese dovrebbe essere "rafforzata" anziché "indurita"

 

"Per stabilizzare le relazioni sino-statunitensi, dobbiamo aderire all'ideologia guida di Deng Xiaoping di" nascondere le nostre capacità e aspettare il nostro tempo ". Questa ideologia guida non è obsoleta. Finché il nostro paese è ancora nella fase iniziale del socialismo, finché siamo ancora un paese in via di sviluppo, insistere nel "nascondere le nostre capacità di aspettare il nostro tempo e fare la differenza" è il principio essenziale.

 

"Mantenere un profilo basso non significa non essere determinati. Deng Xiaoping ha avanzato l'idea di 'nascondere le proprie capacità, aspettare il tempo e fare la differenza', il che di per sé implica che il momento difficile dovrebbe essere duro. 'Nascondere le proprie capacità e aspettare Il proprio tempo "è una spada inserita in un fodero." Nascondere le proprie capacità e aspettare il proprio tempo "diplomatico si riferisce all'uso di un atteggiamento umile per comunicare con altri paesi, piuttosto che essere aggressivi e difficili. Alcune persone pensano che mantenere un basso profilo è "carenza di calcio" e debolezza.

 

"Questo è completamente frainteso. Non puoi lavorare con le persone avendo un coltello in mano. Raccogliere una spada è il dovere di un soldato. Tuttavia, quando si tratta di affari esteri, dovremmo mantenere un profilo basso con la spada nel fodero, ma lascia che l'altra parte sappia che hai una spada lì.

 

Gu Weijun ha rispettato tutti nelle occasioni diplomatiche, perché la voce alta non è un'arma vincente nelle battaglie diplomatiche, né la spada. La chiave per vincere è un buon ragionamento. L'inviato della dinastia Song meridionale, Wang Lun, è andato nel regno di Jin quattro volte e ha ripreso più terra al tavolo dei negoziati di qualsiasi altro famoso generale anti-Jin, incluso Yue Fei. Ha fatto affidamento sulla saggezza invece di rimproverare. Per quanto riguarda la questione del mantenere un basso profilo, è normale avere polemiche nella società, ed è una buona cosa. La diplomazia cinese dovrebbe essere 'rafforzata' piuttosto che semplicemente 'indurita', perché un potere diplomatico dovrebbe essere moderato quando è il momento di essere gentile, essere appropriato quando è il momento di chiedere aiuto, essere duro quando è il momento di parlare con forza e si, trionfante, quando è il momento di colpire. “

 

_________________________________ 

 

 

[1] Yuan Nansheng è vicepresidente della China Society of International Relations, ex segretario di partito del comitato dell'Università cinese per gli affari esteri e veterano diplomatico cinese.

 

[2] Il testo originale è stato pubblicato in cinese in China International Strategic Review 2020 (Parte 1), a cura di Wang Jisi, World Knowledge Publishing House, edizione settembre 2020. È stato pubblicato online dall'Istituto di ricerca dell'Università di Pechino per le strategie internazionali, mp.weixin.qq.com/s/s_xiC__nlnJQYAovHwnFTg, accesso 14 ottobre 2020.

 

[3] Xinhuanet.com/english/2017-10/17/c_136686770.htm, 17 ottobre 2017.

 

[4] Chinadaily.com.cn/china/2014npcandcppcc/2014-03/05/content_17324203.htm, 5 marzo 2014.

 

[5] Ft.com/content/215cf8fa-e3cb-11e7-8b99-0191e45377ec, accesso 14 ottobre 2020.

 

[6] Vedere l'indagine e analisi MEMRI n. 1534, Cina, Russia, e la creazione di un ordine mondiale multipolare - una prospettiva russa, 5 ottobre 2020; Indagine e analisi MEMRI n. 1531, Russia e Cina reclutano la storia della Seconda Guerra Mondiale per rafforzare la loro rivendicazione di vantaggio morale sugli Stati Uniti e per promuovere il multilateralismo, 27 settembre 2020.

 

[7] Vale la pena notare che nel 2016 Yuan Nansheng ha pubblicato un articolo, in cui criticava la "gioventù arrabbiata" della Cina e la accusava di mettere a repentaglio la diplomazia cinese. Cul.qq.com/a/20160414/014182.htm, 17 aprile 2016.

 

[8] Articolo originale in cinese: Imir.tsinghua.edu.cn/publish/iis/7238/20150119090336388135265/tgyh(1).pdf, consultato il 14 ottobre 2020.

 

L'articolo è stato tradotto anche in inglese: Academic.oup.com/cjip/article/7/2/153/438673, 22 aprile 2014.

 

[9] Academic.oup.com/cjip/article/7/2/153/438673, 22 aprile 2014.

 

[10] La "Frontier Thesis" dello storico americano Fredrick Jackson Turner, formulata nel 1893, ha avuto un impatto sugli studiosi cinesi dall'inizio degli anni '80. Turner credeva che la forza dell'identità americana fosse basata sulla sua terra e sulla sua vasta frontiera. La teoria ha influenzato gli studiosi cinesi nella prospettiva dello sviluppo di frontiera della Cina. Vedi l'immagine di una traduzione cinese del libro di Turner: Img9.doubanio.com/view/subject/l/public/s10205710.jpg, accesso 14 ottobre 2020.

 

(da Memri 14 ottobre 2020)

 

- Russia e Cina reclutano la storia della Seconda Guerra Mondiale per rafforzare la loro rivendicazione di vantaggio morale sugli Stati Uniti e per promuovere il multilateralismo di Anna Mahjar-Barducci

- Cina, Russia e creazione di un ordine mondiale multipolare: l’antiliberale prospettiva russa di Alexander Dugin di Anna Mahjar-Barducci

 


Commenti   

 
0 #4 Jessika 2020-11-21 06:16
Have you ever considered publishing an e-book or guest
authoring on other blogs? I have a blog centered on the same ideas you discuss
and would love to have you share some stories/informa tion. I know my viewers would enjoy your work.
If you are even remotely interested, feel free to shoot me an e mail.


my website; regalos originales: https://www.porlanovia.es/
Citazione
 
 
0 #3 Jacqueline 2020-11-21 03:52
Howdy very nice blog!! Guy .. Beautiful .. Amazing .. I
will bookmark your website and take the feeds additionally?
I'm satisfied to search out numerous useful information right here in the publish, we
want develop more techniques on this regard, thanks for sharing.

. . . . .

Also visit my webpage - cuadros personalizados: https://www.porlanovia.es/
Citazione
 
 
0 #2 Dong 2020-11-16 01:06
Nicely put, Thank you!
Best Essay writing
the essays com review: https://essayreview.services/the-essays-com-review
Citazione
 
 
0 #1 Shavonne 2020-11-11 10:18
You explained it perfectly.
Best Essay writing
describing one interpreted event: https://an-essay.com/describing-one-interpreted-event
Citazione
 

Aggiungi commento