Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

17/07/24 ore

L'esecuzione dei curdi da parte della Repubblica islamica dell'Iran



di Himdad Mustafa* (da Memri)

 

Nell'ultimo decennio, le tensioni tra il governo centrale iraniano e la sua minoranza curda sono aumentate, con la crescita della disuguaglianza economica e dell'oppressione culturale ed etnica. In particolare, dall'inizio della rivolta del 2022 contro la Repubblica islamica, che si è estesa dal Kurdistan a tutto l'Iran dopo l'uccisione della ragazza curda di 22 anni, Jina (Mahsa) Amini, il regime iraniano ha intensificato la repressione contro la minoranza curda… 

 

 

Il "Firman" di Khomeini contro i curdi li perseguita ancora dopo 43 anni

 

Sperando di ottenere una maggiore autonomia sotto il governo dell'Ayatollah Ruhollah Khomeini, i curdi inizialmente sostennero la Rivoluzione del 1979, come fecero molti altri iraniani. Tuttavia, ben presto si ribellarono contro il nuovo regime poiché le loro richieste di diritti umani ed etnici fondamentali furono respinte.

 

Nell'agosto 1979, Khomeini emise un firman ("ordine"), autorizzando il massacro del popolo curdo, che Khomeini chiamò koffar ("miscredenti").[1] Una campagna militare per esercitare il controllo sulla regione curda tra il 1979 e il 1983 ha provocato quasi 10.000 morti (di cui quasi 1.200 erano prigionieri politici e sono stati giustiziati). Intere città e villaggi curdi sono stati rasi al suolo per costringere i curdi alla sottomissione. Inoltre, la lingua curda e i partiti politici curdi - che Khomeini chiamava "partiti di Satana" - furono banditi.

 

Vale la pena notare che, in quegli anni, l'ayatollah Sadeq Khalkhali, nominato da Khomeini a capo della Corte rivoluzionaria islamica e noto per il suo pubblico odio nei confronti dei curdi, divenne noto come il "giudice dell'impiccagione" per via del suo uso di esecuzioni sommarie e di massa per reprimere la rivolta curda contro la Repubblica islamica.[2]

 

Inoltre, nel 1980, Qassem Soleimani, che all'epoca aveva solo 23 anni, ricevette il comando di una forza di volontari dalla sua provincia di Kerman, che divenne la 41a Divisione Tharallah dell'IRGC. Questa nuova divisione è stata schierata nella provincia iraniana del Kurdistan. Fu qui che Soleimani acquisì esperienza di guerra in prima persona e divenne famoso per il suo ruolo nel reprimere la rivolta curda.

 

Il firman di Khomeini ha ancora ripercussioni su come il governo centrale iraniano tratta con il Kurdistan. Negli ultimi quattro decenni, i curdi in Iran hanno subito discriminazioni intersezionali e sono stati oppressi sia per le loro origini religiose (la maggior parte dei curdi iraniani sono sunniti) che etnici.

 

Un rapporto di Iran Human Rights (IHR) afferma: “La maggioranza assoluta delle persone giustiziate per la loro affiliazione politica appartiene a gruppi di minoranze etniche, e in particolare alla minoranza curda. Una panoramica dei rapporti di IHRNGO tra il 2010 e il 2021 mostra che tra i 137 persone che sono state giustiziate per affiliazione a gruppi politici e militanti vietati, c'erano 70 curdi (51%), 38 beluci (28%) e 21 arabi (15%). Inoltre, la maggior parte delle persone giustiziate da questi gruppi erano musulmani sunniti”. [3]

 

Anche l'Organizzazione per i diritti umani Hengaw, con sede in Norvegia, ha riferito: "Secondo il rapporto annuale di Amnesty International sulle esecuzioni nel 2021, ad eccezione della Cina, dove il numero delle esecuzioni è sconosciuto, almeno 597 prigionieri sono stati giustiziati in altri 17 paesi. Confrontando le statistiche di questa organizzazione con le statistiche registrate nel Centro statistico dell'Organizzazione per i diritti umani di Hengaw, si può affermare che oltre l'8,2% di tutte le esecuzioni nel mondo lo scorso anno sono state di cittadini curdi in Iran... Secondo le statistiche precedentemente pubblicate dall'Organizzazione per i diritti umani di Hengaw, nel 2021 almeno 48 prigionieri curdi sono stati giustiziati nelle carceri in Iran, il che, rispetto alle statistiche di Amnesty International, mostra che... il 15,3% di tutte le esecuzioni in Iran erano di cittadini curdi”.[4]

 

Per quanto riguarda l'anno 2022, l'organizzazione Hengaw ha dichiarato: "Almeno 52 cittadini curdi sono stati giustiziati e più di 2.212 persone sono state arrestate, 155 delle quali sono state processate e condannate a morte, reclusione e fustigazione”.[5]

 

Uccisione di curdi, ospedale di Paveh, 1979 (Fonte: Nemiran.com)

 

L'esecuzione di sei curdi all'inizio del 2023

 

Nei primi giorni del 2023, la Repubblica islamica ha giustiziato diversi prigionieri curdi, dopo che erano stati processati in processi farsa con confessioni forzate.

 

Il 4 gennaio, all'alba, sono stati impiccati i seguenti detenuti curdi: Farhad Karimi, di Paveh, accusato di "omicidio premeditato", è stato giustiziato a Kermanshah; e Saadullah Karimi Sirini, 42 anni, di Kermanshah, accusato di "omicidio premeditato".

 

Il 5 gennaio è stato impiccato in mattinata un altro detenuto curdo: Rostam Abbaszadeh, 45 anni, sposato con figli, di Selmas, accusato di possesso di droga, giustiziato nel carcere Ghezel Hesar di Karaj.

 

Il 9 gennaio, i seguenti detenuti curdi sono stati impiccati all'alba: Rashid Lawandpour, di Urmia, le sue accuse erano legate a "narcotici", è stato giustiziato nella prigione di Rajaei Shahr a Karaj; e Khaleq Khizirzadeh, 32 anni, di Piranshahr, le sue accuse erano legate a "narcotici", è stato giustiziato a Bandar Abbas, sulla costa meridionale dell'Iran, a quasi 2.000 chilometri dalla sua città natale e dalla sua famiglia.

 

Il 10 gennaio, ancora un detenuto curdo è stato impiccato in mattinata: Peyman Arab Gicheh, di Urmia. Le sue accuse riguardavano "narcotici" ed è stato giustiziato nel penitenziario centrale di Karaj.

 

I suddetti detenuti erano stati arrestati negli ultimi anni. Alcuni di loro sono stati accusati di "omicidio deliberato" e altri di "detenzione di droga" senza un giusto processo.[6] L'Organizzazione Hengaw per i diritti umani ha scritto: "Una fonte informata afferma che Farhad Karimi è stato arrestato e condannato a morte tre anni fa... per un omicidio che non ha commesso". Le esecuzioni di Rashid Lawanpour e Khaleq Khizirzadeh non sono state annunciate dai media ufficiali della magistratura iraniana.[8]

 

L'esecuzione dei detenuti è avvenuta mentre le autorità penitenziarie li avevano privati dell'ultimo incontro con le loro famiglie.[9] Nel caso di Rostam Abbaszadeh, il 4 gennaio, il capo della prigione ha mentito ai suoi familiari dicendo loro che aveva ottenuto una "sospensione dell'esecuzione", ma è stato impiccato il giorno successivo all'alba.[10] Vale la pena notare che Rostam Abbaszadeh è stato arrestato insieme a Mehdi Asgari, un 32enne padre di due figli di Teheran, anch'egli impiccato il 5 gennaio nella prigione Ghezel Hesar di Karaj. I due detenuti sono stati denunciati per detenzione di sostanze stupefacenti.

 

(Aggiornamento: l'11 gennaio 2023, all'alba, due cittadini curdi, il 40enne Azad Dadvand di Sardshat e il 42enne Kaiwan Amini Tawakeol di Baneh, sono stati giustiziati nella prigione centrale di Arak dopo essere stati accusati di droga- reati connessi. Hengaw ha riferito che insieme a questi due detenuti, anche altri tre uomini la cui identità non è stata confermata sono stati condannati a morte per reati legati alla droga).

 

Studenti universitari curdi giustiziati a Sanandaj (Fonte: Twitter)

 

Esecuzioni di Seyed Mohammad Hosseini e Mohammad Mehdi Karami

 

Il 7 gennaio 2023, l'Iran ha impiccato Seyed Mohammad Hosseini, un allenatore volontario di bambini di 39 anni, e Mohammad Mehdi Karami, un campione curdo di karate di 22 anni, per aver partecipato alla rivolta contro la Repubblica islamica.

 

Entrambi sono stati condannati a morte per impiccagione per il loro presunto coinvolgimento nell'uccisione del membro Basij Ruhollah Ajamian, morto durante una manifestazione contro il regime il 3 novembre 2022 a Karaj. Il 3 novembre è stato il 40° giorno di lutto per Hadith Najafi, una donna di 22 anni uccisa dal regime.

 

Quindici persone sono state processate per la morte di Ajamian (anche se il quotidiano Shargh ha riferito che avevano 16 anni). Sono stati condannati a morte insieme al dottor Hamid Ghare-Hassanlou, Hossein Mohammadi e Reza Aria. La moglie del dottor Ghare-Hassanlou, Farzaneh, e tre minorenni - Mehdi Shokrollahi, Arian Farzamnia e Amir-Mehdi Jafari - hanno ricevuto lunghe pene detentive.[11] Il 3 gennaio, i media iraniani hanno riferito che Amir Hashemi, direttore delle pubbliche relazioni della Corte suprema, ha informato su Twitter che, in base alla decisione della corte, le condanne a morte di Hamid Ghare-Hassanlou, Hossein Mohammadi e Reza Aria "sono state revocate a causa di un difetto nelle indagini.”[12]

 

Seyed Mohammad Hosseini durante il processo (Fonte: Twitter)

 

Mohammad Hosseini

 

Alcuni media curdi suggeriscono che l'etnia di Seyed Mohammad Hosseini fosse curda.[13] Tuttavia, non ci sono informazioni sulla sua origine etnica, poiché i suoi genitori sono morti anni fa e suo fratello è detenuto in carcere. Pertanto, non c'era nessuno che potesse parlare di lui e seguire le sue condizioni.[14] Alcuni utenti dei social network hanno affermato che era un allevatore di pollame e viaggiava ogni giorno tra Qazvin e Karaj per il suo sostentamento, oltre ad essere un allenatore volontario di bambini.[15]

 

"La storia di Seyed Mohammad Hosseini è così triste. Ha perso entrambi i genitori. Ha visitato le loro tombe ogni giovedì. Allena i bambini gratuitamente", ha scritto su Twitter il politico tedesco Ye-One Rhie, che ha sostenuto la sua causa. Ha detto che Hosseini è stato arrestato mentre si recava a visitare le tombe dei suoi genitori, situate nel cimitero nell'area Behesht Sakineh di Karaj, dove è stato ucciso il membro dei Basij Ruhollah Ajamian.[16]

 

Seyed Mohammad Hosseini è stato accusato di Ifsad fi al-Arz ("corruzione sulla terra"). Riguardo al processo, Ali Sharifzadeh Ardakani, l'avvocato di Hosseini, ha twittato: "Ho incontrato Seyed Mohammad Hosseini nella prigione di Karaj. Ha pianto per il suo racconto di torture, picchiato con mani e gambe legate e bendato, preso a calci in testa e perso coscienza, le piante dei suoi piedi vengono percosse con una verga di ferro per essere colpite in diverse parti del corpo." Ha poi aggiunto: "Non c'è alcun valore legale per le confessioni di un uomo che è stato torturato".[17]

 

Vale la pena notare che Ali Sharifzadeh Ardakani non è stato autorizzato a rappresentare Hosseini nel processo di appello contro la condanna a morte. "Questa è una grave violazione dei diritti di una persona condannata a morte", ha twittato il 15 dicembre. [18]

 

Dopo essere stato giustiziato, Mohammad Hosseini non aveva parenti stretti per ricevere il suo corpo. Fu sepolto accanto alla tomba di Mohammad Mehdi Karami a Eshtehard, Alborz. La famiglia di Mehdi si è recata alla tomba di Hosseini, ha acceso candele e ha deposto fiori in sua memoria.[19]

 

Mohammad Mehdi Karami

 

Mohammad Mehdi Karami, un campione di karate curdo-iraniano di 22 anni di Bijar, nella provincia del Kurdistan, e residente a Nazarabad, città di Karaj. È stato accusato di Ifsad fi al-Arz ("corruzione sulla terra"). I media hanno riferito che Karami ha detto alla sua famiglia di essere stato sottoposto a "gravi torture fisiche, sessuali e psicologiche". Iran International ha anche affermato che gli agenti del regime lo hanno molestato sessualmente durante la detenzione e "hanno minacciato di violentarlo mentre toccava i suoi genitali”.[20]

 

Inoltre, l'account Twitter 1500 Tasvir, gestito da attivisti, ha riferito che, al momento del suo arresto, "è stato picchiato così duramente che era privo di sensi, e le forze governative hanno pensato che fosse morto e hanno gettato il suo corpo intorno al Nazarabad corte, ma quando se ne andarono, si scoprì che era ancora vivo."[21]

 

Karami con la sua famiglia balla al ritmo della musica curda (Vedi il video completo su Twitter)

 

A Karami è stato negato il diritto di accedere al suo avvocato durante la detenzione e anche durante l'udienza del tribunale. È stato riferito che Karami ha detto a suo padre: "Papà, hanno emesso i verdetti. La mia condanna è la morte ... Non dire niente alla mamma”.

 

I genitori hanno cercato di appellarsi alla magistratura per risparmiare la vita del figlio. "Sono Mashallah Karami, padre di Mohammad Mehdi Karami", ha detto il padre in un video che è circolato sui social, insieme alla moglie. "Chiedo rispettosamente alla magistratura, vi prego per favore, vi chiedo... di rimuovere la pena di morte dal caso di mio figlio." Tuttavia, il 7 gennaio 2023, Karami è stato giustiziato per impiccagione.[23]

 

Parenti Karami (Guarda il video su Twitter)

 

Il rapper curdo ha cercato di suicidarsi in prigione

 

Saman Teimur Seydi, noto anche come Saman Yasin, è un rapper, cantautore e compositore curdo-iraniano di 24 anni di Kermashan che vive a Teheran con la sua famiglia. Yasin non è stato arrestato sulla scena delle proteste; è stato violentemente rapito dalle forze di sicurezza del regime a casa di un amico a Teheran alle 4 o alle 5 del mattino del 2 ottobre 2022, tre giorni dopo il suo compleanno. È stato portato nella prigione di Fashafouyeh, nota anche come il penitenziario centrale di Teheran, e poi trasferito nella famigerata prigione di Evin a Teheran il 10 ottobre.

 

La sua famiglia non sapeva dove si trovasse fino a quando il procedimento giudiziario televisivo non è andato in onda il 29 ottobre, quasi un mese dopo il suo arresto. Il 9 novembre, Yasin ha iniziato uno sciopero della fame per protestare contro il divieto di accesso alla sua famiglia e l'incertezza della sua situazione a Evin. Il secondo giorno del suo sciopero della fame, l'ufficio del procuratore per la sicurezza con sede nella prigione Evin di Teheran ha contattato la sua famiglia che è riuscita a incontrarlo. Il 24 novembre 2022 ha incontrato di nuovo la sua famiglia, per l'ultima volta dal suo arresto. Alla fine di novembre, Yasin è stato trasferito nella prigione di Rajaei Shahr nella città di Karaj.

 

I gruppi per i diritti umani affermano che Yasin è stato torturato durante la detenzione per estorcere una confessione. Secondo il Kurdistan Human Rights Network (KHRN), “Saman Yasin è stato sottoposto a gravi torture fisiche e mentali per fare una confessione televisiva. Essere tenuto in un luogo molto freddo per tre giorni, duramente picchiato e gettato da un'altezza sono tra i torture che questo artista curdo ha subito durante questo periodo. Secondo quanto riferito, a seguito di questa tortura, è stato costretto a fare una confessione in TV”.

 

Il 29 ottobre, le agenzie di stampa statali iraniane hanno riferito che si era tenuta un'udienza in tribunale per diversi manifestanti arrestati, tra cui Saman Yasin, presso la 15a sezione della Corte rivoluzionaria islamica, presieduta da Abolqasem Salavati e senza la presenza di familiari o avvocati. Lo stesso giorno, un video della confessione forzata di Yasin è stato diffuso dai media statali.

 

Durante l'udienza, Salavati ha accusato Yasin di aver tentato di uccidere membri delle forze di sicurezza, sostenendo che appare in un video sparando tre volte in aria con una pistola. Salavati, noto come il "giudice dell'esecuzione" e il "giudice della morte" perché ha condannato a morte centinaia di persone nella prigione di Evin, ha inoltre accusato Yasin di danneggiare la proprietà pubblica, cantare canzoni antirivoluzionarie e sostenere le “rivolte".

 

L'agenzia di stampa Mizan, media ufficiale della magistratura iraniana, ha annunciato il 29 ottobre che Saman Seydi (Yasin) era stato accusato di moharebeh ("guerra contro Dio") e di "assemblea e collusione con l'intenzione di agire contro la sicurezza del nazione”.

 

Sebbene la notizia della condanna a morte di Yasin sia stata pubblicata da agenzie di stampa e organizzazioni per i diritti umani, non è stata annunciata ufficialmente dai media statali iraniani a causa della delicatezza di questo caso, ovvero del suo background curdo. Il regime teme che un annuncio pubblico della sua condanna a morte scatenerebbe solo ulteriori proteste contro il regime nel Kurdistan iraniano.

 

Tuttavia, l'8 dicembre, l'Organizzazione Hengaw per i diritti umani ha riferito che Yasin era stato condannato a morte dalla sezione 15 della Corte rivoluzionaria islamica di Teheran e che la sentenza era stata annunciata ufficialmente alla famiglia. Ha aggiunto che l'improvviso trasferimento di Yasin da Evin alla prigione di Rajaei Shahr e la possibilità della sua imminente esecuzione hanno causato preoccupazione nella sua famiglia.

 

Il 20 dicembre, Yasin ha tentato il suicidio prendendo delle pillole a causa delle sue dure condizioni di detenzione nel carcere di Karaj; è stato portato in ospedale per farsi pompare lo stomaco, ha ripreso conoscenza ed è stato riportato in prigione (Vedi MEMRI Inquiry & Analysis Series No. 1673, In Iran, Kurdish Rapper Condanned To Death Based On False Evidence, 20 dicembre 2022). [24]

 

Il 24 dicembre, i media hanno riferito che l'appello di Yasin contro la sua condanna a morte è stato accolto. Ora è in attesa di un nuovo processo. Nel frattempo, il Kurdistan Human Rights Network ha riferito che soffre di un disturbo respiratorio, causato dalla tortura. “Durante l'interrogatorio nel reparto 241 della prigione Evin di Teheran, Saman è stato torturato per fare confessioni forzate. Durante una sessione di interrogatorio, uno degli interrogatori gli ha inserito una penna nel naso, provocando uno strappo nella cavità nasale sinistra di Saman", ha detto una fonte. Da circa un mese Yasin soffre di epistassi e di un disturbo respiratorio che peggiora durante la notte. Tuttavia, le autorità iraniane "si sono rifiutate di mandarlo in un ospedale fuori dal carcere per un controllo e per ricevere cure”.[25]

 

L'appello di un altro manifestante, Mohammed Ghobadlou, è stato respinto.[26] Ghobadlou, insieme a un altro manifestante, Mohammad Boroughani, sono a rischio imminente di esecuzione.[27]

 

Il padre di Karami sulla tomba di suo figlio.

Il rituale del funerale potrebbe suggerire che Karami fosse un seguace della religione Yarsani (Fonte: Twitter)

 

Sei manifestanti curdi condannati a morte a Oshnavieh per aver dichiarato “guerra contro Dio”

 

Farzad Tahazade e Farhad Tahazade, due fratelli curdi di Oshnavieh, provincia dell'Azerbaigian occidentale, sono stati arrestati dalle forze di sicurezza rispettivamente il 25 settembre e il 13 novembre per aver partecipato alle proteste. Entrambi furono accusati di moharebeh ("guerra contro Dio") e furono condannati a morte dal tribunale rivoluzionario di Urmia.[28]

  

Il Kurdistan Equality Party (KYK), un partito politico curdo-iraniano, ha dichiarato in una dichiarazione che la sentenza è stata emessa senza processo dal giudice Qazi Ali Sheiklo presso la sezione 2 del tribunale rivoluzionario di Urmia.

 

Shahla Peighami, la madre dei due fratelli, ha lanciato un appello per salvare i suoi figli in un video il 14 dicembre. "Per l'amor di Dio, vieni in aiuto dei miei figli, sono entrambi innocenti. Sono stati condannati senza processo senza alcuna prova, sono stati torturati, i miei figli sono piccoli e i loro figli li stanno aspettando", ha detto.[29]

 

Dopo che il video è stato condiviso sui social media, Peighami è stata convocata per degli interrogatori per farle pressioni affinché smettesse di suonare l'allarme sui casi dei suoi figli.[30]

 

(Fonte: Kolbarnews)

 

La politica francese, Sophie Taillé-Polian, e un membro del parlamento tedesco, Hakan Demir, hanno assunto il patrocinio politico di Farzad e Farhad, le cui esecuzioni potrebbero essere imminenti. Demir ha esortato l'ambasciatore iraniano in Germania a fermare l'esecuzione, affermando che "i due fratelli non saranno giustiziati". [31] Taillé-Polian ha scritto in un tweet a dicembre: "La comunità internazionale deve rompere il silenzio, il governo francese deve agire Porto la voce dei fratelli Farzad e Farhad Tahazadeh condannati a morte per aver partecipato a proteste».[32]

 

Il 14 dicembre, l'organizzazione per i diritti umani Hana ha riferito che il tribunale rivoluzionario di Urmia ha emesso condanne a morte per altri quattro manifestanti della città di Oshnavieh, detenuti durante le proteste a livello nazionale.[33]

 

I nomi dei quattro cittadini che rischiano l'esecuzione per moharebeh ("guerra contro Dio") sono: Karvan Shahiparvaneh, 23 anni; Hajar Hamidi, 35 anni; Shahram Maarouf Molla, 22 anni; e Reza Islamdoost, 24 anni.

 

Vale la pena notare che il capo della magistratura della provincia iraniana dell'Azerbaigian occidentale continua a confutare "le affermazioni secondo cui sei manifestanti di Oshanvieh sarebbero stati condannati a morte". e Farzad Tahazade ha detto alla madre che la condanna a morte per i loro figli è stata confermata.[35] L'agenzia di stampa Firat ha riferito che la condanna a morte è stata emessa per questi sei prigionieri curdi in loro assenza. Non si sa nemmeno dove siano stati trasferiti dalla prigione di Urmia. L'incertezza sulla loro condizione ha fatto sospettare che presto saranno giustiziati.[36]

 

Quattro prigionieri politici curdi potrebbero essere già stati giustiziati

 

Il 23 luglio 2022, mentre svolgevano attivismo politico a Urmia, quattro membri del partito laico e socialdemocratico Komala del Kurdistan iraniano,[37] sono stati arrestati dalle forze del Ministero dell'intelligence iraniano, accusati di essere legati al Mossad . Sono stati accusati di "spionaggio" ai danni della Repubblica islamica. I loro nomi sono: Pejman Fatihi, 28 anni, di Kamiyaran; Vafa Azarbar, 27 anni, di Bukan; Mohsen Mazloom, 28 anni, di Mahabad; e Mohammad Hazhir Faramarzi, 28 anni, di Dehgolan.

 

(Fonte: Hengaw Organization for Human Rights)

 

Agenzie di stampa affiliate al governo hanno affermato: "Questi individui (agenti legati al Mossad) avevano identificato un centro sensibile a Esfahan [sede del più grande complesso di ricerca nucleare multiuso dell'Iran], vi avevano piazzato potenti esplosivi e mancavano solo poche ore prima che l'esplosione", quando furono arrestati.[38]

 

Il media londinese Iran International ha riferito: "Il ministero [dell'intelligence della Repubblica islamica] ha affermato di essere stato scelto direttamente dal [leader di Komala] Abdullah Mohtadi e di essere stato presentato al Mossad, aggiungendo che avevano trasferito grandi quantità di attrezzature ed esplosivi a Iran attraverso la regione autonoma del Kurdistan iracheno". [39]

 

Tuttavia, l'accusa che si trovassero a Esfahan è contraddetta dal fatto che sono stati detenuti nel villaggio di Yengejeh nel Soma e Bradost di Urmia, nell'Iran nordoccidentale.[40]

 

Un membro della famiglia di uno dei detenuti ha anche dichiarato in un'intervista al Kurdistan Human Rights Network (KHRN): "Contrariamente alle affermazioni del Ministero dell'Intelligence, queste persone sono state inviate a Urmia solo per svolgere lavoro organizzativo e politico e non hanno avere armi con sé.”[41]

 

Hengaw Organization For Human Rights ha scritto che la trasmissione della Repubblica islamica dell'Iran (IRIB) ha trasmesso per la seconda volta la "confessione forzata" dei quattro prigionieri politici il 5 dicembre 2022, in cui è evidente che i quattro membri di Komala sono stati gravemente torturati. "I segni delle dure torture sono chiaramente visibili nel video delle confessioni forzate di questi cittadini, e questo numero evidenzia le precarie circostanze della loro detenzione", ha scritto Hengaw.[42]

 

Nel dicembre 2022, la giovane moglie di Mohsen Mazloom, Joanna Taimasi, ha pubblicato un video in cui affermava: "Sono passati più di quattro mesi da quando mio marito e i suoi tre amici sono stati arrestati, e nonostante i frequenti appelli delle famiglie e dei loro avvocati... Il regime iraniano non ha dato alcuna risposta alle loro famiglie e le ha persino minacciate e interrogate. Dopo 80 giorni in cui non si sapeva dove si trovassero e sulla salute fisica [dei quattro prigionieri politici], le confessioni forzate sono state trasmesse dai media del regime... Mohsen, Pejman , Vafa e Mohammad si trovano nella situazione più difficile da più di quattro mesi.

 

"La tortura fisica e mentale di questi quattro prigionieri politici curdi può essere vista chiaramente nelle loro confessioni forzate... Per favore aiutate questi quattro prigionieri politici curdi e non lasciate che la dittatura della Repubblica islamica emetta silenziosamente sentenze ingiuste per i propri cari nei tribunali. I pretendere un processo equo per mio marito e i suoi tre amici alla presenza delle loro famiglie e di un avvocato indipendente. Per favore, sii la nostra voce.”[43]

 

(Guarda il video completo su Twitter)

 

Il partito Komala ha affermato che "la Repubblica islamica solleva tali false accuse, al fine di usarle come pretesto per un'ulteriore repressione della minoranza curda e come parte della propaganda contro le giuste lotte del popolo iraniano”.[44]

 

In una dichiarazione, il Kurdistan Human Rights Network ha affermato: "Le agenzie di sicurezza della Repubblica islamica dell'Iran hanno ripetuto scenari fittizi tentando di collegare i membri di Komala detenuti al Mossad israeliano, sollevando preoccupazioni sulla loro sorte”.[45]

 

Anche la Campagna per la Liberazione dei Prigionieri Politici in Iran (CFPPI) ha scritto: “Il 27 luglio, il Ministero dell'Intelligence del regime islamico ha dichiarato falsamente che questi quattro attivisti sono membri di una 'squadra terroristica inviata in Iran dall'organizzazione dell'intelligence israeliana , Mossad, per compiere esplosioni e sabotaggi Questo tipo di fabbricazione di casi contro prigionieri politici è molto comune e spesso utilizzato dal regime islamico per arrestare e giustiziare attivisti politici.

 

"L'accusa fasulla di 'cooperazione e comunicazione con Israele'... comporta la pena di morte. Il regime in Iran, intenzionalmente, collega questi attivisti al Mossad creando questi casi infondati contro di loro…

 

"Questi quattro attivisti politici non sono autorizzati a contattare le loro famiglie e le famiglie non sono a conoscenza della loro situazione o di dove si trovino. Tenendo queste famiglie all'oscuro, il regime li spinge a non parlare apertamente dei loro figli incarcerati. Basato su in casi precedenti, senza alcun dubbio, questi detenuti sono stati gravemente torturati per costringerli a fare confessioni forzate. Il regime usa quindi la confessione forzata per condannare ciascuno di questi attivisti all'esecuzione o a una lunga pena detentiva. Questo è anche un altro tentativo da parte del regime islamico per aumentare ulteriormente il numero delle forze di sicurezza e la loro presenza all'interno della provincia del Kurdistan in Iran, da dove provengono questi quattro attivisti, al fine di affrontare le proteste imminenti.”[46]

 

Il 6 dicembre 2022, Radio Farda ha riferito che la ritrasmissione delle loro confessioni forzate da parte dei media statali ha sollevato il timore che i quattro prigionieri curdi possano essere stati giustiziati.[47]

 

L'8 dicembre Joanna Taimasi, la moglie di Mohsen Mazloum, ha scritto in un tweet che suo marito "ama la vita e come ogni persona amante della libertà vuole un mondo uguale senza discriminazioni. Ma ora è caduto nelle mani del sanguinario e dittatoriale regime." Ha detto che ritengo la Repubblica islamica "responsabile della vita di mio marito e dei suoi tre amici”.[48]

 

Anche la madre di Pejman Fatihi, Afsane Yousefi, ha chiesto in un video il rilascio ei diritti del figlio.[49] Ha detto: "Sono passati sei mesi da quando [l'intelligence iraniana] ha arrestato mio figlio. Sono andata in ogni dipartimento dell'intelligence e prigione, ma non mi hanno detto la verità... fratello, e nessun parente che segua il suo problema. Sua moglie e suo figlio stanno vagando e aspettando. Chiedo alle persone del mondo e alle associazioni per i diritti umani, e a chiunque possa fare qualsiasi cosa, di difendere mio figlio. La mia aspettativa dall'islamico Republic è che mio figlio mi chiamerà o lo incontrerà e me lo mostrerà. Voglio sapere se è vivo e cosa gli hanno fatto. Fammi conoscere. Permettimi di chiamare mio figlio per vedere se è vivo . Voglio sapere cosa gli è successo. Sto implorando il mondo intero, per favore difendi mio figlio, lascia che la tua voce sia la voce di Pejman. Per Sabah [suo figlio] e Bayan [sua moglie]".[50]

 

(Guarda il video  completo su Twitter)

 

Conclusione

 

Sebbene i curdi costituiscano meno del 15% della popolazione iraniana, l'ONG Iran Human Rights (IHR) ha dichiarato il 7 dicembre che su 458 civili iraniani uccisi nelle proteste, più di 130 sono curdi, il che rappresenta il 28% delle morti e mostra che la regione curda sta pagando uno dei tributi più alti di questa rivolta.[51] I numeri indicano anche che il popolo curdo in Iran è preso di mira a causa del suo background etnico e religioso.

 

Vale la pena notare che l'opposizione persiana all'estero spesso rifiuta di menzionare l'identità etnica delle vittime curde o addirittura di cooperare con l'opposizione curda. Qualsiasi menzione delle rimostranze curde o delle loro richieste culturali ed etniche è vista come un complotto "separatista" volto a dividere l'Iran. Allo stesso modo, in un articolo pubblicato lo scorso dicembre, la Press TV controllata dallo stato ha cercato di invalidare le legittime richieste dei curdi, affermando che "la retorica etnica è stata ampiamente utilizzata dall'inizio dei disordini in Iran a metà settembre, con uno speciale concentrarsi sui curdi, per promuovere la divisione e la tensione tra le diverse etnie iraniane e sostenere una politica di ‘divide-Iran'."[52]

 

Tuttavia, per realizzare un cambio di regime, l'opposizione persiana deve iniziare a riconoscere le legittime richieste del popolo curdo. Questa rivolta può avere successo solo se tutte le etnie iraniane restano unite, il che dovrebbe iniziare con il riconoscimento reciproco non solo dei diritti umani fondamentali, ma anche dei diritti etnici e religiosi.

 

*Himdad Mustafa è uno studioso curdo ed esperto di questioni curde e iraniane.

 

 

____________________________________________________ 

 

 

[1] G. Chaliand, "I curdi iraniani sotto l'ayatollah Khomeini", in Un popolo senza patria: i curdi e il Kurdistan. 1993. pp. 211-212; Youtube.com/watch?v=5vUpo1OrPCI

[2] Allan Hassaniyan. Politica curda in Iran. 2021. pp.98-100; Stefano Ward. Immortale: una storia militare dell'Iran e delle sue forze armate. 2009. pp.231–233; Michael M. Gunter. Dizionario storico dei curdi. 2010.  pag. 159

[3] Iranhr.net/media/files/Annual_Report_on_the_Death_Penalty_in_Iran_2021_BwW7LPR.pdf, 2021

[4] Hengaw.net/en/news/nel-2021-più-di-8-di-tutti-i-prigionieri-giustiziati-nel-mondo-erano-prigionieri-curdi-in-iran, 24 maggio 2022.

[5] Hengaw.net/en/news/2022/12/hengaw-organizations-yearly-report-on-human-rights-violations-in-iranian-kurdistan-2022, 30 dicembre 2022.

[6] Hengaw.net/en/news/2023/01/in-kermanshah-and-karaj-prisons-three-kurdish-prisoners-were-executed-by-hanging, 5 gennaio 2023; Hengaw.net/so/news/2023/01/%D8%AC%DB%8E%D8%A8%DB%95%D8%AC%DB%8E%DA%A9%D8%B1%D8%AF%D9 %86%DB%8C-%D8%B3%D8%B2%D8%A7%DB%8C-%D8%B3%DB%8E%D8%AF%D8%A7%D8%B1%DB%95%DB %8C-%D9%87%D8%A7%D9%88%D9%88%DA%B5%D8%A7%D8%AA%DB%8C%DB%8C-%DA%A9%D9%88%D8 %B1%D8%AF-%D9%84%DB%95-%D8%A8%DB%95%D9%86%D8%AF%DB%8C%D8%AE%D8%A7%D9%86%DB %95%DB%8C-%DA%95%DB%95%D8%AC%D8%A7%DB%8C%DB%8C%D8%B4%D8%A7%D8%B1%DB%8C-%DA %A9%DB%95%D8%B1%DB%95%D8%AC

[7] Hengaw.net/en/news/2023/01/in-kermanshah-and-karaj-prisons-three-kurdish-prisoners-were-executed-by-hanging, 5 gennaio 2023.

[8] Hengaw.net/en/news/2023/01/le-condanne-a-morte-di-due-prigionieri-curdi-sono state eseguite, 9 gennaio 2023.

[9] Hengaw.net/en/news/2023/01/in-kermanshah-and-karaj-prisons-three-kurdish-prisoners-were-executed-by-hanging, 5 gennaio 2023.

[10] En.iranhrs.org/four-prisoners-executed-in-qezel-hesar-and-dieselabad-prisons-in-kermanshah/, 6 gennaio 2023.

[11] Vedi MEMRI Inquiry & Analysis Series No. 1672, Compassionate Doctor Condanned To Death In Iran, 16 dicembre 2022.

[12] Rferl.org/a/iran-revokes-death-sentences-three-protesters/32205510.html, 3 gennaio 2023.

[13] Basnews.com/en/babat/790170, 7 gennaio 2023.

[14] Radiozamaneh.com/748258/, 7 gennaio 2023.

[15] Radiozamaneh.com/748258/, 7 gennaio 2023.

[16] Edition.cnn.com/2023/01/07/middleeast/iran-protesters-executed-intl-hnk/index.html, 7 gennaio 2023.

[17] Iranintl.com/en/202212190250, 19 dicembre 2022.

[18] Iranintl.com/en/202212190250, 19 dicembre 2022.

[19] Twitter.com/1500tasvir_en/status/1612119959815036930, 8 gennaio 2023.

[20] Iranintl.com/en/202212108015, 10 dicembre 2022.

[21] Thenationalnews.com/world/2022/12/13/iranian-protester-sentenced-to-death-tells-father-dont-tell-mum/, 13 dicembre 2022.

[22] Iranwire.com/en/prisoners/111212-father-of-iranian-protester-sentenced-to-death-says-designated-lawyer-doesnt-answer-phone-calls/, 12 dicembre 2022.

[23] Siasat.com/iran-parents-plead-with-judiciary-to-spare-son-on-death-row-2483905/, 20 dicembre 2022.

[24] Vedi MEMRI Inquiry & Analysis Series No. 1673, In Iran, Kurdish Rapper Condanned To Death Based On False Evidence, 20 dicembre 2022.

[25] Kurdistanhumanrights.org/en/tortured-kurdish-rapper-denied-medical-care-outside-prison/, 10 gennaio 2023.

[26] Reuters.com/world/middle-east/iran-supreme-court-accepts-appeals-two-protesters-sentenced-death-2022-12-24/, 24 dicembre 2022.

[27] Vedi MEMRI Tv clip n. 10045, Gli iraniani protestano contro le imminenti esecuzioni di Mohammad Ghobadlou e Mohammad Boroughani: ci sarà una rivolta se eseguirai le esecuzioni! Questo è l'anno della sanguinosa rivolta, Khamenei sarà rovesciato!, 8 gennaio 2023.

[28] Iranwire.com/en/politics/111297-iran-protest-crackdown-alarm-raised-over-imminent-execution-of-two-kurdish-brothers/, 14 dicembre 2022.

[29] Rudaw.net/english/middleeast/iran/14122022, 14 dicembre 2022.

[30] Twitter.com/HengawO/status/1602969235818713089?s=20&t=ygmWYIxJ-u4oJQOz52OFHQ, 14 dicembre 2022.

[31] Mobile.twitter.com/HakanDemirNK/status/1605157514810646528?cxt=HHwWgICz7aqQ1cYsAAAA, 20 dicembre 2022.

[32] Twitter.com/STaillePolian/status/1604139077170655232?cxt=HHwWgMCjkbv_hcMsAAAA, 17 dicembre 2022.

[33] Hana-hr.org/content/20221215-orumieh-four-other-arrested-citizens-sentenced-to-death-by-the-islamic-republic-s-judiciary, 15 dicembre 2022; Jinhaagency.com/en/actual/upprising-in-iran-enters-its-88th-day-public-anger-grows-32442, 13 dicembre 2022.

[34] Rudaw.net/english/middleeast/iran/14122022, 14 dicembre 2022.

[35] Twitter.com/1500tasvir_en/status/1603005570352664577, 14 dicembre 2022.

[36] Anfenglish.com/human-rights/unable-to-crush-protests-iranian-regime-turns-to-executions-64427, 21 dicembre 2022.

[37] Komalainternational.org/

[38] Iranintl.com/en/202207243953, 24 luglio 2022.

[39] Iranintl.com/en/202207273526, 27 luglio 2022.

[40] Hengaw.net/en/news/2022/12/la-grave-condizione-di-quattro-prigionieri-politici-curdi-che-affrontano-torture-confessioni-forzate-

e-framing-up-cases-raise-concern, 15 dicembre 2022.

[41] Kurdistanhumanrights.org/en/concerns-grow-over-detained-komala-members-fate/, 3 agosto 2022.

[42] Hengaw.net/en/news/2022/12/le-gravi-condizioni-di-quattro-prigionieri-politici-curdi-che-si-trovano-con-torture-confessioni-forzate-

e-framing-up-cases-raise-concern, 15 dicembre 2022.

[43] Twitter.com/Hengaw_English/status/1601336407523356673, 10 dicembre 2022.

[44] Twitter.com/IranIntl_En/status/1552357402145595392?ref_src=twsrc%5Etfw%7Ctwcamp%5Etweetembed%7

Ctwterm%5E1552357402145595392%7Ctwgr%5E75d7af03883c74af5f654a0b3f35b05dad292905%7Ctwcon%5Es1

_&ref_url=https%3A%2F%2Fd-32084236313900094774.ampproject.net%2F2301031703000%2Fframe.html, 27 luglio 2022.

[45] Kurdistanhumanrights.org/en/concerns-grow-over-detained-komala-members-fate/, 3 agosto 2022.

[46] Cfppi.org/2022/08/17/the-lives-of-four-political-activists-peshmerga-are-in-danger-in-iran/, 17 agosto 2022.

[47] Rferl.org/a/iran-confessions-four-kurds-executed-mossad/32164716.html, 6 dicembre 2022.

[48] Twitter.com/JTeimasi/status/1600794037262614529?cxt=HHwWgoDQ2cHslLcsAAAA, 8 dicembre 2022.

[49] Twitter.com/PanahiRafiq/status/1610352079700197384?t=-yYAgsgQ0TUId2OSPpdePw&s=19

[50] Twitter.com/Kamran43453852/status/1610476444966129664, 4 gennaio 2023.

[51] Institutkurde.org/info/at-least-201-dead- including-23-children-1-800-injured-and-over-2-400-arrest-1232552182, 7 dicembre 2022.

[52] Presstv.ir/Detail/2022/12/16/694575/Iranian-Man-Admits-Murder-Western-Media-Insists-On-His-Innocence, 16 dicembre 2022.

 

 (da MEMRI Middle East Media Research Institute )

 

 


Aggiungi commento