Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

19/11/18 ore

Ministero Sviluppo Economico, un piccolo saggio di “Gigi economy”



A proposito di sprechi, se c'è un comparto bisognoso di essere razionalizzato per renderlo produttivamente più efficiente ed economicamente meno costoso questo è senza ombra di dubbio alcuno quello dei ministeri, la cui pletorica forza lavoro, volgarmente detta dei ministeriali, nel tempo è assurta a simbolo non proprio positivo degli eccessi di burocrazia e parassitismo della Pubblica Amministrazione.

 

Da un "governo del cambiamento" ci si aspetterebbe quindi un segnale tangibile nella direzione più virtuosa e consona a un Paese che non è più in grado di sostenere il carrozzone pubblico senza chiedersi il chi paga.

 

La mobilità interna, per esempio, potrebbe essere utilizzata con maggior frequenza e acume, per venire incontro alle carenze di personale, laddove queste si presentino, a fronte di un surplus di occupati in settori (non pochi) dove si riscaldano per lo più le sedie.

 

I margini di manovra ci sarebbero, se non si cedesse puntualmente alle logiche vecchio stampo, a cui non sembra sottrarsi Luigi Di Maio.

 

La notizia non ha fatto tanto clamore, né ha suscitato le critiche che ci si aspetterebbe in teoria, perché non è elettoralmente furbo dir male di qualcuno che in tempi di vacche magre decide democristianamente di assumere 200 persone.

 

Dov'è? Al Ministero dello Sviluppo economico, scelto nell'occasione dal suo titolare – ironia della sorte – per dare un cattivo saggio di continuità col passato. (A.M.)

 

 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna