Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

20/08/17 ore

A colpi di demagogia sulle indennità degli onorevoli


  • Antonio Marulo

“Mai discutere con un idiota, ti trascina al suo livello e ti batte con l'esperienza”. La nota massima può essere mutuata e adattata, senza offesa, al Movimento 5 Stelle a proposito di demagogia e populismo. Non è infatti saggio farsi trascinare dai grillini sul loro terreno preferito, non c’è partita. Eppure, Matteo Renzi non è stato evidentemente dello stesso avviso, quando ha pensato di incentrare la campagna referendaria sull’annosa questione dei costi della politica che, per l’appunto, con un Sì a dicembre subirebbero – si decanta - un corposo taglio, grazie soprattutto al nuovo Senato senza senatori.

 

Sulle prime, la mossa ha imbarazzato la truppa della Casaleggio & Associati, alle ricerca del modo più convincente per motivare verso i propri elettori la scelta del No a una riforma costituzionale che in alcuni punti viene in effetti incontro alle loro richieste in tema di risparmi ai danni della cosiddetta Casta. Un imbarazzo che è poi cresciuto con la grana sui rimborsi per spese e missioni di Mr 100mila e passa euro, al secolo Luigi Di Maio, per non parlare dei pasticci della giunta capitolina sulle paghe di assessori e fidati scudieri della “sindaca” Raggi.

 

Tuttavia, l’attimo di smarrimento è durato poco e, riorganizzate le idee confuse, il gruppo alla Camera è uscito dal cul de sac con la legge che “dimezza” le indennità dei parlamentari, con un risparmio presunto maggiore di quello ottenibile con la legge Boschi.

 

L’uso della parola dimezza è di quelle che affascinano il cittadino incazzato; e poco importa se in realtà la norma proposta è lontana da quel 50 percento di riduzione tanto strombazzato, visto che riordina i criteri di calcolo e assegnazione - ma non intacca - la pingue parte riguardante diaria e i rimborsi, fatta oggetto per altro dei magheggi pentastellati, che con una mano restituiscono e con l’altra – piena di scontrini e ricevute – incassano.

 

Lo slogan elettorale è così passato, avendo facile presa sulle masse, mentre non si trova chi obietta o che abbia il coraggio di opinare. Qualcuno più che altro arzigogola, come i deputati del Pd durante il dibattito di ieri a Montecitorio, circa le decurtazioni in base ai gettoni di presenza che non sono contemplate nella proposta a firma dell’onorevole Benedetta Lombardi. Nessuno, invece, osa nella sostanza argomentare – in tempi di caccia alle streghe – sulla necessità di pagare bene i parlamentare, come fa magari qualche libero commentatore a mezzo stampa.

 

In verità, nel suo intervento in Aula, Renato Brunetta pareva essersi invece incamminato su questa impervia e impopolare strada, mentre faceva un po’ di storia sul senso e sull’utilità delle indennità dei rappresentanti del popolo; salvo poi proporre, a nome di Forza Italia, un’esilarante paga differenziata per ogni parlamentare, in base a stipendio e tenore di vita del singolo eletto al momento dell’investitura, in modo da fugare ogni dubbio sul fatto che con la politica non si perde, tanto meno ci si arricchisce, piuttosto si resta allo stesso livello. Salvo che non si tratti di uno sfortunato onorevole con reddito pari a zero. In tal caso, Brunetta promette con fiero cipiglio un reddito minimo di cittadinanza…: ma questo giusto per restare ben saldi sul suddetto terreno grillino. Contenti, loro.

 

 


Commenti   

 
0 #6 Enrice 2016-10-26 13:06
Il Parlamento italiano si distingue negativamente anche per l’entità dei vitalizi ricono¬sciuti agli ex parlamentari: la pensione media dei parlamentari francesi è inferiore al vitalizio minimo di quelli italiani, 2.700 contro 3.100€ al mese. Il costo complessivo dei vitalizi per il Senato è 86 milioni, e per la Camera 134. I contributi dei parlamentari hanno finora coperto una parte minuscola di questa spesa, circa il 10%. (da “I costi della politica in Italia” di Pietro Monsurrò – Istituto Bruno Leoni – Torino 2012/13).
Citazione
 
 
0 #5 Enrice 2016-10-26 13:05
Egregio Marulo, d’accordo in toto con quanto espone ilSocialista, e soprattutto quando replica: “di radicale in quanto dici non esiste manco un residuo secco”. Ben venga, da parte di chiunque (senza stravolgere la Costituzione), in qualsiasi misura, un ridimensionamen to del costo della politica, con un debito pubblico a 2.224 miliardi di euro. Il costo del Parlamento italiano è quasi il doppio di quello francese e inglese. Il reddito dei parlamentari, che nella maggior parte dei paesi è pari a circa due o tre volte il reddito medio, in Italia è cinque volte tanto, praticamente il doppio rispetto a quanto considerato “normale” in paesi comparabili al nostro.
Citazione
 
 
0 #4 ilSocialista 2016-10-25 23:45
e poi povero Pannella,di fronte a questa roba gli sarebbero veramente cascate le palle per terra
Citazione
 
 
0 #3 ilSocialista 2016-10-25 23:30
ad ogni modo, scendendo dal livello aureo dalla fecalità ideale e calandosi nei fatti matematici delle tabelle statistiche ci sono una notevole quantità di paesi che hanno i politici pagati meno di noi e hanno una politica migliore.
Citazione
 
 
0 #2 ilSocialista 2016-10-25 23:27
il concetto per cui basti pagare molto una carica politica per avere una migliore politica è un concetto che avrebbe fatto sbellicare in ogni epoca e ogni civiltà dagli Incas (che manco conoscevano la moneta) fino a Muchica passando per Oliver Cromwell; unatale stronzata può passare solo in una epoca profondamente ignorante e conformista come questa che ha fatto dello sterco il proprio orgoglioso stendardo; purteoppo poi come nella fisica esiste la materia e l'antimateria, così nel campo sociale allo Stronzo concettuale non può che contrapporsi l'antistronzo, all'elitismo triviale e becero il populismo che tenta in ogni modo di fargli il verso al contrario nutrendosi avoidamente della stessa materia.
Citazione
 
 
0 #1 ilSocialista 2016-10-25 23:24
amico mio, come sempre di radicale in quanto dici non esiste manco un residuo secco; in politica le leggi di mercato valgono fino ad un certo punto e il parlamento non è una azienda, per quanto negli ultimi trenta anni si sia palesemente diffusa una concezioni azionistica della democrazia per cui il voto dovrebbe essere ponderato in base al potere finanziario; vabbene che pure nelle aziande il sistema fa acqua, basti guardare quanti manager nel mondo hanno usato QE per ricomprarsi le propie azioni e mantenersi grassi e spropositati;
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna