Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

23/11/20 ore

L’Italia illiberale e la sindrome da sottosviluppo



di Angelo Panebianco

(dal corriere.it)

 

Forse la fine della più grave crisi economica del dopoguerra ridimensionerà, magari anche drasticamente, in altri Paesi europei, il peso dei movimenti impropriamente definiti populisti ma che è meglio definire «antisistema» (nemici della società libera o aperta). Ma è dubbio che tale ridimensionamento sarà possibile in Italia. Per un insieme di ragioni che hanno a che fare con il nostro passato sia lontano che recente.

 

Da noi l’avversione per la società libera, per l’ordine liberale, è sempre stata potentemente diffusa. Non si può dimenticare che l’Italia, fin dalla sua rinascita democratica, e per tutta la Guerra fredda, ha goduto del dubbio privilegio di avere il più forte partito comunista d’Occidente. Se si sommano i voti dell’estrema sinistra e della estrema destra di allora, risulta che la quota di elettori che votavano per partiti ideologicamente e programmaticamente illiberali non fu mai inferiore al trenta per cento del totale. Si aggiunga che, soprattutto negli anni Cinquanta/Sessanta, nella Dc e nel Psi erano presenti correnti di minoranza, anch’esse a vario titolo illiberali.

 

Date le preferenze di una così ampia parte di italiani, ciò che salvò la nostra fragile e zoppicante democrazia, ciò che impedì che essa venisse sostituita da una qualche forma di corporativismo autoritario (magari al termine di una guerra civile), fu l’ancoraggio internazionale, il fatto che la Guerra fredda ci «inchiodò» al blocco occidentale, ci costrinse ad accettarne regole e costumi.

 

Se si guarda alle percentuali che i sondaggi assegnano oggi alle formazioni illiberali di varie e variopinte tendenze si ottengono percentuali non dissimili da quelle che premiavano i partiti illiberali della Prima Repubblica. Sono cambiate le motivazioni ideologiche ma non le pulsioni e gli orientamenti di fondo, coperti, giustificati e (più o meno) nobilitati da quelle motivazioni.

 

C’è dunque una costante storica. Ma a essa si sono aggiunti, in epoca più recente, altri fattori che, anch’essi, alimentano le propensioni illiberali di una parte cospicua di nostri concittadini. Facciamo un rapido elenco. Si sono definitivamente consumate le illusioni — che c’erano nei primi decenni dell’età repubblicana — di potere un giorno azzerare il divario fra Nord e Sud (un terzo del territorio nazionale), di risolvere la questione meridionale. Nessuno ci crede più. Pensare che questa fine delle illusioni non abbia conseguenze destabilizzanti, che il Sud non alimenterà forme di rancoroso ribellismo, è sbagliato.

 

C’è poi una più generale «sindrome da sottosviluppo» che ha colpito le menti di tanti, non solo al Sud. Per sindrome da sottosviluppo intendo un insieme di atteggiamenti che indicano la volontà di prendere congedo dalla modernità. È una sindrome incompatibile con le esigenze di una società libera (e quindi anche prospera e dinamica). Ha due principali cause: una prolungata stagnazione economica e un sistema di istruzione che, in diverse parti del Paese, è inceppato, capace più di sfornare diplomi, pezzi di carta, che conoscenze. La combinazione di questi fattori spiega la diffusione di atteggiamenti anti-industriali (spacciati per sensibilità ecologica) e di incomprensione/avversione per la scienza e il progresso tecnico-scientifico.

 

In un Paese che si de-industrializza si diffondono atteggiamenti del tipo «uva acerba»: «Sai che ti dico? Non ci interessa più un Paese industriale moderno. Fa male alla salute». Guardate certe sentenze dei Tar quando sono in gioco investimenti e attività industriali e vi accorgerete di quanto sia diffusa questa sindrome. Anche l’altro baluardo di una società moderna, la scienza, da noi è sotto attacco. La vicenda dei vaccini docet. D’altra parte, un sistema educativo poco selettivo, che diploma anche coloro che, per preparazione, non ne avrebbero diritto, perché dovrebbe permettere alle persone di apprezzare una cosa complicata come la scienza? Senza contare il fatto che da noi sono troppo pochi, tradizionalmente, i laureati in materie scientifiche e quei pochi non riescono a fare massa, non riescono a influenzare le opinioni dominanti.

 

Proprio perché la sindrome da sottosviluppo ha scavato così a fondo, ad esempio, è stato preso sul serio da tanti il «principio di precauzione»: l’arma ideologica escogitata per fermare l’innovazione tecnica,...

 

- prosegui la lettura su corriere.it

 

 


Commenti   

 
0 #4 ilSocialista 2017-09-23 13:53
e in più l'appalto totale dei mezzi di comunicazione televisivi al "mercato" li ha ingurgitati del peggio del peggio
Citazione
 
 
0 #3 ilSocialista 2017-09-22 22:03
dal momento che quando leggono una statistica gli viene il mal di pancia e preferiscono aggrpparsi alle loro teorie astratte piuttosto che partire dall'esame dei fatti e dei dati anche numerici.
Citazione
 
 
0 #2 ilSocialista 2017-09-22 22:00
Su altro Panebianco si sbaglia; la cultura italiana non è capace di produrre manco pezzi di carta perchè pure in fatto di pezzi di carta ci supera Albania e siamo a livelli quasi africani; il punto ovviamente non sono i pezzi di carta in sè, perchè gli italiani dotati di pezzi di carta all'estero sono ambiti ed il loro livello di preparazione viene apprezzato; il punto è che le masse italiane leggono molti meno libri durantre la loro vita che nell'europa del nord; ne deriverebbe che la cultura e la scienza sono qui da noi valori meno apprezzati e incoraggiati che altrove appunto per il retroterra storico essenzialmente religioso, irrazionalista o quanto meno idealista ed astratto; e su questo strapotere delle visioni idealistiche molti liberali si dovrebbero fsre l'esame di coscienza
Citazione
 
 
0 #1 ilSocialista 2017-09-22 21:51
La carenza di cultura ed educazione scientifica in italia è sotto gli occhi di tutti non da decenni ma da secoli; è un fattore che data dal tempo della Controriforma e non si è mai veramentre sanato; l'illuminismo francese, quello tedesco e l'empirismo inglese hanno avuto una diffusione di massa che qui da noi ha trovato ostacoli ecclesiali insormontabili.
E l'idealismo italiano di ispirazione hegeliana, crociano, gramsciano e gentiliano ha fatto che proseguire su quella strada e configurare una cultura intrinsecamente e dichiaratamente premoderna.
Citazione
 

Aggiungi commento