Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

20/09/19 ore

Nozze gay, la Croazia dice no



La Croazia, la cui popolazione è in larghissima maggioranza di religione cattolica, ha chiuso definitivamente le porte alle nozze gay, inserendo nella propria Costituzione la definizione del matrimonio come un'unione esclusivamente tra "un uomo e una donna".

 

A favore del "si'" si e' espresso infatti nel referendum di ieri il 65,16% degli elettori. Contro questa modifica costituzionale si sarebbe schierato invece il 34,23% dei votanti. La consultazione popolare ha avuto un forte appoggio da parte della Chiesa cattolica il cui appello ha prevalso contro quello del governo, del presidente della Repubblica e di una larga parte dei media e del mondo accademico che nelle scorse settimane hanno invitato i croati a non avallare questa forma di discriminazione e di divisione tra famiglie di primo e secondo grado.

 

Resta però l'ombra della legittimità democratica del referendum, il cui tasso di affluenza è stato bassissimo, fatto che però non ne compromette la validità, con risultati vincolanti dato che non era richiesto nessun quorum. Il primo ministro Zoran Milanovic, definendo "triste e inutile" questo referendum "che non è altro che una manifestazione di omofobia", ha comunque annunciato che tra una o due settimane il suo governo presenterà una legge sulle unioni civili tra le coppie dello stesso sesso. La legge prevede che a loro siano garantiti tutti i diritti delle coppie sposate, ad eccezione dell'adozione dei minori. (fonte Ansa)


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna