Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

26/05/19 ore

Maledetta Politica - Genocidio armeno, 100 anni e non sentirli



Turchia e Armenia, è noto, non si amano. Ferite vecchie e mai cicatrizzate periodicamente tornano a sanguinare, magari in corrispondenza di anniversari a cifra tonda di un evento tragico come quello del massacro di armeni ad opera dei “Giovani turchi” nel 1915. In proposito, resta irrisolta la questione del riconoscimento da parte della Turchia, che da parte sua non vuol sentir parlare di “genocidio”.

 

 

 

In questi giorni Papa Francesco, a proposito della persecuzione dei cristiani in corso in molte parti del mondo, ha parlato di "primo genocidio del XX secolo", rinfocolando una polemica che si è allargata strumentalmente ad altre questioni che investono il ruolo della Turchia e i suoi rapporti con l’Europa, già messi una volta di più in discussione dalla deriva tutt’altro che democratica del governo di Erdogan. Ne discute Giuseppe Rippa in Maledetta Politica, prendendo spunto dalle considerazioni emerse in due convegni organizzati qualche anno fa da Quaderni Radicali proprio sui fatti tragici di cui ricorre il centenario.

 

 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna