Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

19/11/18 ore

Maledetta Politica - L'accrocco di Governo 5Stelle-Lega



Una settimana in cui è successo di tutto.

 

Poi, quasi per sfiancamento, si è giunti alla soluzione che sembrava ormai tramontata. Nasce così il Governo grigio-verde, volgarmente detto “del cambiamento”.

 

Dopo 89 giorni di crisi isterica della politica italiana, tutti ne escono un po' malconci.

 

In primis l'istituzione Presidenza della Repubblica, malgrado la sincera buona volontà di Mattarella e che si dica che alla fine abbia ottenuto quello che desiderava, nelle strette di un esito elettorale inquietante.

 

Ne discute Giuseppe Rippa - sollecitato da Antonio Marulo in Maledetta Politica, in attesa – finalmente - di valutare l'operato, dopo tanta propaganda, di quello che intanto appare un “accrocco” di governo.

 


 

- Maledetta Politica - L'accrocco di Governo 5Stelle-Lega (Agenzia Radicale Video)

 

 

 


Commenti   

 
0 #4 ilSocialista 2018-06-03 19:20
la sinistra si è suicidata e e quando uno si suicida si può incolpare leggermente le circostanze, ma la responsabilità e prevalentemente personale.
Federico Rampini è uno che ha le idee chiare sugli errori della sinistra ma resta un caso drammaticamente isolato; le pulsioni autodistruttive sono ampiamente prevalenti e gli storici del 3000 queste pulsioni faranno molta fatica a spiegarsele data la loro natura irrazionale.
https://www.ilprimatonazionale.it/wp-content/uploads/2018/06/rampini-sinistra.mp4?_=1
Citazione
 
 
-1 #3 ilSocialista 2018-06-02 20:57
In quegli anni convulsi l'Italia ha pagato tassi di interesse sul debito allucinanti e mai visti prima; molta genti si è arricchita con quegli interessi assurdi.
Dopo di allora l'Italia è stata abbastanza virtuosa ha avuto sempre avanzi primari, però non così pesanti da ridurre il debito.
Dopo il debito stava lentamente scendendo; era tornato sotto il 100% nel 2007 ma purtroppo la grande crisi del 2007 lo ha fatto risalire. Morale della favola, le fortificazioni del trentino le abbiamo smaltite in poco tempo; le follie economiche degli anni 1980 ce le porteremo fino al 2080.
Citazione
 
 
-1 #2 ilSocialista 2018-06-02 20:56
la inflazione e la svalutazione sono di sicure cosette brutte, però hanno una loro giustizia intrinseca perchè appunto chi paga sono le generazioni presenti, non le futire come col debito; ad un certo punto è arrivato Reagan, i conservatori e i monetaristi come Milton Friedman, i quali hanno deciso che si doveva a tutti i costi tagliare l'inflazione; si ricorda che anche quella americana aveva raggiunto il 14%.
Per tagliare l'inflazione si è tagliata la quantità di liquidità immessa nel sistema e pure quella che le banche immettevano per comprarsi i titoli di stato; risultato la inflazione è diminuita bruscamente qui come in Italia, però il debito è andato alle stelle; da notare bene che pure Reagan ha fatto schizzare il debito pubblico americano che stanno pagando tutt'ora.
Citazione
 
 
-1 #1 ilSocialista 2018-06-02 20:39
Rippa, a proposito del debito pubblico forse è meglio che ti leggi qualche cosetta seria, invece di ripetere le stesse cose generiche; forse ci entrerà pure Yalta, però allora ci entra pure la guerra 15-18, dato che al termine del conflitto il debito pubblico italiano era al 160%; però stranamente non stiamo qui a pagare ancora le spese per le fortificazioni del trentino; invece stiamo ancora qui a pagare le spese dei 13 anni dall'80 al '94 1981-1992, periodo in cui il debito è passato dal 54 al 117; prima di questo periodo il debito si manteneva contenuto in quanto le banche centrali, italiana come americana, si compravano i titoli del debito non collocati sul mercato stampando moneta; come conseguenza certamente le monete si deprezzavano e quindi alla domanda "chi paga?" c'era la risposta che pagavano tutti i cittadini colla diminuzione di valore di quanto avevano in tasca;
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna