Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

21/02/24 ore

Storie di mafia, storie da ricordare (14): 16 ottobre 1945 Mario Paoletti, il carabiniere di Teano



di Dario Caputo

 

La mafia e le sue vittime vanno sempre ricordate, tutto ciò andrebbe insegnato nelle scuole e andrebbe creata ad hoc una materia scolastica su tutto questo: cosa aspettano i vari governi che si susseguono e cosa li blocca nel non farlo?

 

Tanti ragazzi, bambini, padri e madri di famiglia, figli, uomini e donne: l’imperativo è solo uno, non dimenticarli perché, se ne dimentichiamo anche solo uno di questi caduti per mano della mafia, il loro sacrificio sarà vano e a vincere, purtroppo, saranno sempre i criminali.

 

Ricordare e parlarne: oggi, in questa nostra rubrica, parliamo di Mario Paoletti, il carabiniere di Teano in provincia di Caserta. Siamo agli inizi degli anni ’40 del 1900 e, proprio in quei periodi, c’erano tante e nutrite bande di criminali, tutte ben armate, che controllavano, senza freni e senza indugio, ampie zone di territorio siciliano e non, compiendo omicidi, rapine, furti, estorsioni ai danni di agricoltori e proprietari terrieri che vivevano in un clima di profondo terrore.

 

Gli eventi bellici dell’ultimo periodo avevano fornito a tutti questi criminali la possibilità di avere a propria disposizione veri e propri arsenali composti da mitragliatrici pesanti e leggere, mitra, fucili automatici, pistole, bombe a mano ed esplosivi di vario genere. Questi criminali avevano creato un grande e pesante clima di terrore che dominava soprattutto in tutte quelle zone più isolate della Sicilia: in queste zone del Paese, la carica intimidatrice esercitata dai banditi nei confronti dei cittadini, non permetteva a nessuno di concedergli un rifugio, viveri o dei cavalli.

 

Nel niscemese, proprio dal 1943, operava la banda capeggiata da Rosario Avila, detto “Canaluni”, inizialmente aggregatasi al Movimento per l’Indipendenza della Sicilia ma poi ripudiata proprio per l’efferatezza e la ferocia dei suoi crimini.

 

Restando sempre in quell’area geografica vediamo che i crimini si intensificano con il passare degli anni e arriviamo, purtroppo, alla sera del 16 ottobre 1945 quando, una banda di criminali armata fino ai denti, arrivò nei pressi di una masseria presente su quel territorio.

 

Nella fattoria erano riuniti alcuni contadini intenti a riposarsi e conversare dopo le lunghe ore di lavoro e di fatica nei campi; alla vista dei criminali nessuno di loro ebbe il coraggio di rifiutare loro un nascondiglio per la notte e qualcosa da mangiare. Proprio negli stessi istanti nell’area vi erano sette carabinieri del Nucleo mobile anti banditismo di Niscemi che stavano perlustrando quella zona e, accortisi della presenza di persone nel casale, li identificarono.

 

Mentre i militari continuavano i loro controlli, i malviventi ebbero modo di uscire da una finestra posteriore e di organizzare un’imboscata. I criminali presenti, al riparo e fuori dalla portata di tiro dei carabinieri, muniti di una mitragliatrice leggera e di altre armi da fuoco, scaricarono una serie di colpi sugli uomini dell’Arma che si difesero strenuamente rispondendo al fuoco con il moschetto in dotazione. 

 

Purtroppo, nonostante questo, non ci fu nulla da fare per il carabiniere Mario Paoletti e per altri uomini dell’Arma presenti, rimasero uccisi nel cruento scontro a fuoco.

 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

- Storie di mafia, storie da ricordare: la morte non va dimenticata di D.C.

- Storie di mafia, storie da ricordare (2): la prima vittima eccellente Emanuele Notarbartolo (1893) di D.C.

- Storie di mafia, storie da ricordare (3): Antonio Mancino, il carabiniere ucciso da Salvatore Giuliano di D.C.

- Storie di mafia, storie da ricordare (4): Roberto Antiochia, Beppe Montana, Ninni Cassarà di D.C.

- Storie di mafia, storie da ricordare (5): Emanuela Sansone, la prima donna assassinata dalla mafia (1896) di D.C.

- Storie di mafia, storie da ricordare (6): il primo femminicidio della storia, la 17enne Anna Nocera di D.C.

- Storie di mafia, storie da ricordare (7): l’assassinio della piccolissima Angela Talluto (1945) di D.C.

- Storie di mafia, storie da ricordare (8): Placido Rizzotto e Giuseppe Letizia di D.C.

Storie di mafia, storie da ricordare (9): Carmelo Lo Brutto: ucciso dalla mafia a soli 23 anni di D.C.

Storie di mafia, storie da ricordare (10): Antonino Scuderi, Domenico Spatola e due figli, Giacomo Spatola di D.C.

- Storie di mafia, storie da ricordare (11): i carabinieri Fedele De Francisca e Calogero Cicero di D.C.

Storie di mafia, storie da ricordare (12): Pietro Ponzo, il contadino socialista ucciso nel febbraio del 1921 di D.C

Storie di mafia, storie da ricordare (13): Don Stefano Caronia di D.C

 

 


Aggiungi commento