Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

12/08/20 ore

Fecondazione, un Tribunale apre la strada alla fecondazione eterologa



Nella paralisi della politica, una buona notizia per il diritto alla salute e la laicità dello Stato arriva di nuovo da un tribunale. E di nuovo grazie l'iniziativa di chi - come l'associazione Luca Coscioni - si occupa di diritto fondamentale alla salute delle persone. Il Tribunale di Firenze, infatti, si è appena espresso sul divieto di eterologa delle legge 40, rimandando la decisione alla Corte Costituzionale.

 

Il giudice fiorentino Paparo ha sollevato la questione di legittimità costituzionale dell’articolo 4 comma 3 L.40/04 (che recita "è vietato il ricorso a tecniche di procreazione medicalmente assistita di tipo eterologo") per contrasto con l’art. 3 Costituzione che afferma il diritto al pari trattamento di tutti i cittadini, inclusa dunque la coppia, che si era rivolta all'associazione Luca Coscioni e che voleva accedere alla fecondazione eterologa.

 

 

Sarebbe ora compito dei neoletti Parlamentari della Repubblica intervenire urgentemente affinché non si debbano attendere ulteriori pronunciamenti della giustizia interna ed europea per consentire alle coppie italiane di accedere senza discriminazioni di sorta a un trattamento sanitario.

 

Se invece il Parlamento rimarrà ostaggio di giochi politici che comprimono al minimo la libera iniziativa degli eletti, non ci resterà che che continuare ad operare affinché la Corte Costituzionale prosegua nel già avviato processo di armonizzazione della legge 40/04 alla Costituzione e alle norme europee sui diritti umani fondamentali.

 

 Filomena Gallo e Marco Cappato

Segretario e Tesoriere dell'Associazione Luca Coscioni

 

(fonte radicali.it) 

 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna