Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

23/10/17 ore

“Terapie stupefacenti”, diritto alla scienza e la libertà di ricerca



In occasione della quarta riunione del G7 dei ministri della scienza e della tecnologia a Torino, l’UNITO ospiterà il 29 settembre una conferenza organizzata dall’Associazione Luca Coscioni sul “Diritto alla scienza e la libertà di ricerca su sostanze stupefacenti e psicotrope“.

 

Lo scopo della conferenza è affrontare sia i profili legali che scientifici del diritto alla scienza e della libertà di ricerca con particolare riferimento alle sostanze stupefacenti controllate e alla loro possibile uso terapeutico.

 

La conferenza mira a esplorare la nozione di “diritto alla scienza” come diritto di godere dei benefici del progresso scientifico e delle sue applicazioni con particolare attenzione a tutto ciò che riguarda la salute e la libertà di ricerca a beneficio degli scienziati.

 

L’incontro presenterà le implicazioni giuridiche relative al diritto alla scienza derivanti dalle convenzioni ONU per la lotta contro la droga (la Convenzione unica sui farmaci narcotici, 1961, come modificata dal protocollo del 1972; la Convenzione sulle sostanze psicotrope del 1971 e la Convenzione contro il traffico illegale di droga e sostanze psicotrope, 1988) e la loro attuazione nei sistemi giuridici nazionali. Allo stesso tempo, la conferenza intende fornire aggiornamenti sulle più recenti ricerche sulle sostanze stupefacenti per fini medici e sulle sperimentazioni cliniche relative alle sostanze sotto il regime internazionale del controllo delle droghe.

 

- Il programma

 

 

 

 

 

 

 


Commenti   

 
0 #2 ilSocialista 2017-09-25 20:28
da notarsi la svolta cognitiva avvenuta con l'avvento del predominio culturale dei monoteismi; il dio monoteista è notoriamente molto esigente, esclusivo ed egocentrico; una frase del tipo "totus tuus" ai pagani non sarebbe passata manco per l'anticamera del cervello; dunque la sola forma di estasi consentita doveva essere quella derivante dal contatto mistico diretto con la divinità senza l'impiego alcuna forma di scorciatoia farmacologica o erboristica.
Citazione
 
 
0 #1 ilSocialista 2017-09-25 20:13
Come in tutte le cose la conoscenza e la cultura fanno la differenza; consiglio la visione di questo bel documentario di History Channel; le sostanze psicoattive hanno accompagnato costantemente la Storia delle Civiltà Umane, anche se oggi ce ne siamo stranamente dimenticati.
https://www.youtube.com/watch?v=jxCqqn-i9cM
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna