Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

15/09/19 ore

Vittime civili di guerre incivili


  • Giovanni Lauricella

Per meglio celebrare la Giornata Nazionale delle vittime civili delle guerre e dei conflitti nel mondo che ricorre il 1° febbraio, l’Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra (ANVCG) ha realizzato al museo Pigorini Di Roma una prestigiosa mostra di pittura dove partecipano numerosi importanti artisti.

 

Il 1° febbraio 2019 ricorre la seconda Giornata Nazionale delle vittime civili delle guerre e dei conflitti nel mondo, istituita con la legge 25 gennaio 2017 n. 9 “al fine di conservare la memoria delle vittime civili di tutte le guerre e di tutti i conflitti nel mondo, nonché di promuovere l’articolo 11 della Costituzione, la cultura della pace e del ripudio della guerra”.

 

La mostra “Vittime civili di guerre incivili” è ideata da Daniele Arzenta con la cura di Romina Guidelli e vedrà esposte 25 tele realizzate dagli studenti e selezionate da una commissione di esperti tra le 141 pervenute da scuole di tutta Italia, assieme a 20 opere di artisti contemporanei elaborate appositamente sul medesimo tema (Franco Angeli, Ivan Barlafante, Ennio Calabria, Paolo Cazzella, Bruno Ceccobelli, Angelo Cricchi, Antonio Del Donno, Marcello Di Donato, Mauro Di Silvestre, Baldo Diodato, Domenico Giglio, Mimmo Jodice, Emilio Leofreddi, Felice Levini, Carola Masini, Patrizia Molinari, Gianfranco Notargiacomo, Guido Orsini, Pietro Ruffo, Stefano Trappolini).

 

 

“L’istituzione della Giornata Nazionale delle vittime civili delle guerre e dei conflitti è stata fortemente voluta dal nostro sodalizio per ricordare le vittime di tutte le guerre di ieri e di oggi, che sono ormai per l’80% appartenenti alla popolazione civile” ha dichiarato il Presidente dell’ANVCG Giuseppe Castronovo, Cavaliere di Gran Croce (cieco dall’età di nove anni per l’esplosione di un ordigno bellico). “Solo la diffusione di una vera cultura di pace e di solidarietà può porre fine a questa carneficina quotidiana ed è questo il messaggio che noi vittime civili di guerra vogliamo diffondere con le iniziative organizzate per la Giornata”.

 


 

Nella sala convegni del museo il giorno della presentazione era presente la giornalista Benedetta Rinaldi come moderatrice, il presidente e il segretario dell’associazione ANVG hanno animato il dibattito fra i presenti, nei giorni successivi si avranno una serie di eventi che tratteranno questo tema su diversi aspetti e vedranno coinvolte figure e associazioni del campo umanitario: l’8 febbraio si terrà il convegno “La protezione dei civili nei conflitti contemporanei: sfide e prospettive” con la partecipazione della Viceministro Emanuela Claudia Del Re, della Croce Rossa Italiana e della Comunità di Sant’Egidio; il 15 febbraio sarà la volta dell’incontro “L’eredità della guerra: gli ordigni bellici inesplosi”, a cura del Dipartimento Ordigni Bellici Inesplosi dell’Associazione. 

 


 

 

Le foto scattate il 1 febbraio sono molto eloquenti di quanto è accaduto nell’importante cornice del Museo delle Civiltà.

 


 

Vittime civili di guerre incivili

Collettiva di pittura a cura di Romina Guidelli ideata da Daniela Arzenta

dal 1 al 18 febbraio 2019

Museo delle Civiltà (Piazza Guglielmo Marconi, 14 - Roma)

 

 

 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna